Giovanni Raboni – L’opera poetica – i Meridiani

Giovanni Raboni – L’opera poetica

i Meridiani

Raboni - L'opera poetica - i Meridiani

L’opera raccoglie, secondo un progetto delineato da Raboni stesso, tutta la sua opera in versi e, della vasta attività saggistica. Si trovano perciò le raccolte principali, “Le case della Vetra”, “Cadenza d’inganno”, “Nel grave sogno”, “Canzonette mortali”, “Versi guerrieri e amorosi”, “Ogni terzo pensiero”, “Quare tristis”, oltre a una serie di plaquettes, a traduzioni poetiche e a una sezione che raccoglie versi dispersi, inediti o pubblicati postumi. Raboni si esprime in un tono prevalentemente medio-basso, con un uso incisivo del “parlato” – vale a dire di una lingua non letteraria ma quotidiana, identica a quella della comunicazione orale – e introduce nella sua poesia un’acuta sensibilità per il quotidiano. Il suo stile riesce ad assorbire il linguaggio basso entro il percorso elevato della lirica, generando testi che hanno il pregio di una elevata leggibilità. Raboni inoltre introduce nel corpo del testo poetico figure e personaggi appartenenti a una realtà minuta e umile, solitamente esclusa dalla poesia.

“Con il Porta comincia, nella poesia italiana, quella linea lombarda, potentemente realistico-narrativa e, per così dire, antipetrarchesca, che si ritrova anche all’interno della poesia del Novecento e che è l’unica della quale io aspiri a far parte, nonostante i molti debiti che so di avere nei confronti di altri poeti, da Baudelaire (che considero il più grande poeta moderno) a Pound (che considero il più grande inventore di possibilità poetiche del nostro secolo), – e poi, per venire a nomi più vicini o addirittura vicinissimi, quasi fraterni, a Rebora, a Montale, a Saba, a Sereni. (…) Parlando dei temi portanti del mio lavoro di poeta, ho finora ricordato l’importanza e il fascino per me del racconto evangelico, ho ricordato le storie familiari, ho ricordato il rapporto con gli scomparsi persone care, amici -, ho ricordato l’irruzione a un certo punto del tema amoroso. Non ho parlato di quello che molti ritengono abbastanza importante nella mia esperienza poetica, cioè il cosiddetto tema civile. Alcuni critici l’hanno messo addirittura al primo posto fra i temi della mia poesia. Di solito, quando mi chiedono cosa penso di questo aspetto del mio lavoro, dico che, sì, le poesie civili sono forse le più private che io abbia mai scritto, nel senso che non ho mai voluto essere un poeta civile. Non lo dico per polemica, ma insomma c’è stato più d’un poeta, per esempio Pasolini, che ha voluto essere poeta civile…” (da Giovanni Raboni, ‘Autoritratto’ 1977, 2003)

Giovanni Raboni (Milano 1932 – Fontanellato, Parma 2004), voce poetica tra le piú alte e rappresentative della poesia del Novecento e dei primi anni Duemila, ci lascia, insieme alla sua opera in versi (raccolta integralmente in Tutte le poesie. 1949-2004, Einaudi, 2014) un enorme lavoro di traduttore, critico militante – anche cinematografico e teatrale – e commentatore politico e di costume: testimonianze di una straordinaria sapienza letteraria e di una statura morale e civile che ne fanno uno dei punti di riferimento imprescindibili della cultura italiana contemporanea. Tra le sue traduzioni si segnalano I fiori del male di Baudelaire e l’intera Recherche di Proust.
Di lui e per lui molto ha scritto la compagna degli ultimi anni, la poetessa Patrizia Valduga. La Valduga e Raboni si erano conosciuti nell’81, quando lei, giovane allieva di Francesco Orlando, si era presentata da lui per fargli leggere i suoi versi. Non si sarebbero più lasciati.

Giovanni Raboni – L’opera poetica – Curatore: Rodolfo Zucco – introduzione di: Rodolfo Zucco e uno scritto di Andrea Zanzotto – Mondadori – Collana: I Meridiani – Pagine: CLI-1871 p., Rilegato – ISBN: 9788804549215 – € 80,00

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA, ACQUISTA DALL'EDITORE, ACQUISTA ONLINE, arte e cultura, attualità, consigli letterari, cultura, editoria, libri, libri di poesia, poeti, scrittori, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.