Rapporti di coppia che fanno male

Rapporti di coppia che fanno male

Iannozzi Giuseppe

guerra dei sessi

guerra dei sessi

Sembra lo facciano apposta, con scientismo: le donne migliori non possono fare a meno di rovinarsi la vita con i peggiori uomini che ci siano sulla piazza; per contro gli uomini migliori si rovinano la vita con donne che non li meritano. E poi tutti a dire che l’amore non esiste e che se esiste fa male.
Se siano più colpevoli i maschi o le femmine, in questo panorama sociale desolante, è dilemma a dir poco shakespeariano, anzi puramente antropologico.

Pubblicato in Iannozzi Giuseppe, riflessioni, società e costume | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

La ragazza del poeta

La ragazza del poeta

Iannozzi Giuseppe

desperate woman

Era in ritardo di quindici minuti, quindici fottuti minuti, e non riusciva a capire perché. Pensava d’aver calcolato il tempo con esattezza, ma il tempo sembrava avesse accelerato dopo che lui aveva atteso per tutto il pomeriggio l’appuntamento, l’unico importante della sua stronza vita. Poi, passeggiando lungo la banchina della metropolitana, guardò l’orologio simile a una manetta al polso e comprese che sarebbe arrivato in ritardo. E ora era lì, all’improvviso, a occupare l’isola pedonale all’incrocio tra Park Avenue e la Sessantesima strada, con lo sguardo trattenuto in una compatta sequenza di taxi sfreccianti, mentre il sole gli martellava il cervello coi suoi raggi gelidamente caldi. Continuò a passeggiare avanti e indietro nel ristretto spazio dell’isola pedonale: doveva perdere tempo. Sentiva che non poteva farne a meno, anche se la situazione richiedeva che si desse una mossa.
All’improvviso si rese conto che qualcuno lo stava fissando con malizia: un taxi stava svoltando a sinistra sulla Sessantesima e qualcuno dall’interno del taxi lo stava aspettando. Lui era un ragazzo di bell’aspetto, slanciato, coi capelli scuri e occhi grigio chiaro, carnagione pallida e liscia come alabastro, lunghe e folte ciglia virili, una barbetta ben curata sul mento. Si capiva che era sensibile al fatto d’esser guardato, ed era anche evidente che si sarebbe mostrato furioso all’idea che qualcuno potesse considerarlo un semplice colletto a punta del 1920, o un ragazzo in ritardo a un appuntamento in una copertina di “Light my Fire”. In un’altra epoca si usavano maschi nudi, veri, per una patinata, mentre oggi sol più manichini di cera o nei migliori dei casi ‘efebi’, cyborg senza anima, cacciatori di anime dalla Legge detti ‘S.S.A, Spettri a Specchio Assorbente.’
Sapeva che qualcuno lo stava osservando dall’interno del taxi, lo sentiva. ‘E’ uno sguardo cinematografico: si recita la scena del ragazzo in ritardo a un appuntamento…’, pensò Roy allarmato.

Continua a leggere

Pubblicato in arte e cultura, attualità, cultura, fantascienza, Iannozzi Giuseppe, letteratura, narrativa, racconti, società e costume | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Lucio Dalla Jukebox

Lucio Dalla Jukebox

ascolta Ascolta: Lunedì – CarusoCiaoCanzone

 Attenti al lupo – Zingaro – Washington

Lucio Dalla

Pubblicato in arte e cultura, cultura, musica, spettacoli, video | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Scrivere o non scrivere? Leggere o non leggere? Dilemmi, di poco conto, per l’italiano medio

Scrivere o non scrivere? Leggere o non leggere?
Dilemmi, di poco conto, per l’italiano medio

Iannozzi Giuseppe

spaventapasseri

Anche gli scrittori affermati (o professionisti che dir si voglia) fanno dell’altro, non scrivono soltanto, perché sbarcare il lunario grazie alla sola scrittura, oggi come oggi, è pressoché impossibile, tranne nel caso uno scriva e scriva qualcosa di insignificante come Harry Potter. Ma è chiaro che scrivere robetta così – con tutti gli editing del caso da parte degli editor – non è letteratura e mai lo sarà. Un tempo era diverso: usciva un libro di Pasolini, Pavese, Fenoglio, Pirandello, D’Annunzio… c’era la fila o quasi per la novità letteraria. Oggi lo scrittore professionista è guardato peggio di certi venditori di Bibbie porta a porta. Diciamo pure che scrivere e leggere è oramai nobile arte per pochi illuminati, parlo di “pochi illuminati” perché viviamo in un medioevo tecnologico, come ben evidenziò già diversi anni or sono Umberto Eco.

Più il tempo passa più mi rendo conto che è il nostro un tempo di spaventapasseri. C’è tanta di quella ignoranza che non mi sorprende affatto che l’Italia sia diventata il fanalino di coda dell’Europa e non solo. Il livello culturale dell’italiano medio è ben al di sotto di quei paesi che noi Occidentali diciamo del Terzo Mondo. Un’epoca buia la nostra, dove la cultura è stata sostituita dalle ovvietà e dalle banalità televisive. Un popolo sceverato della cultura è destinato a rimanere in catene. Non sono un complottista, e però temo che ci sia voluto un lavoro di anni e anni perché si arrivasse a vivere in un medioevo oscurantista come quello di oggi.

Che sarà di me, del mio corpo quando non avrà più un alito di vita, sinceramente non è cosa che mi preoccupa: la vita è tale e quale a una lampadina e quando il filo di tungsteno si brucia non rimane che un po’ di vetro.

Non li capisco questi umani-disumani: come si può vivere una vita e non accorgersi neanche di camminare su un pianeta che non è piatto? E la cosa mi spaventa anche, perché un popolo ignorante è un popolo che con estrema facilità si può tenere in catene. E a questo punto sorge spontaneo il sospetto che a una bella fetta di italiani le catene piacciano, e non poco per giunta.

Pubblicato in attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, riflessioni, società e costume | Contrassegnato , , , , , | 1 commento

Danilo Arona, Luigi Milani, Angelo Marenzana – Solo il mare intorno – Nero Press Edizioni – comunicato stampa

Danilo Arona, Luigi Milani, Angelo Marenzana

Solo il mare intorno

Nero Press Edizioni

solo il mare intorno

Il libro racchiude tre lunghi racconti a tema horror marino precedentemente usciti in digitale nella collana Insonnia. Si tratta di Croatoan Sound di Danilo Arona, Piedra Colorada di Angelo Marenzana e L’isola senza morte di Luigi Milani. Per chi si fosse perso questi tre ottimi lavori, è l’occasione di averli tutti e tre in un colpo solo; a coloro che lo hanno già letto, invece, potrà far piacere mettere le mani sull’edizione cartacea.

In più, una chicca: questo libro gode infatti dell’ottima prefazione di Giulio Leoni. Di seguito, ne riportiamo un estratto:

Che succede per esempio sull’isola di Croatoan, North Carolina? Che cosa, se non quello che è già accaduto secoli prima, e poi si ripeterà ineluttabilmente ancora e ancora? Un essere demoniaco che da sempre vive nelle sue forre, e che si risveglia per riprendere l’antica strage, e che assume per questo le apparenze più innocue e innocenti del mondo.

E che capita invece nell’isola di Piedra Colorada, scoperta sciaguratamente nel Cinquecento in uno di quei viaggi di esplorazione che assomigliano più a una profanazione dell’ignoto che a un atto di progresso? E subito punito dall’essere trasformata l’isola ben presto in una raccolta di malattia e marciume, dove la devastazione dell’uomo e la malvagità della natura si tendono la mano per generare dei figli immondi?

E peggio ancora, il dramma che si accende su una terza isola, questa talmente remota e indicibile da non aver neppure meritato un nome, nel corso della sua oscena esistenza. Così segreta da non apparire nemmeno sulle carte, da sfuggire all’occhiuta sorveglianza dei satelliti. Protetta da una barriera di invisibilità che soltanto i suoi miasmi possono rendere impenetrabile, perché i riti immondi che vi si tengono non offendano occhio umano.

Solo il mare intornoDanilo Arona, Luigi Milani, Angelo Marenzana – Nero Press Edizioni – Collana: Insonnia: – Pagine: 238 – 1a edizione: 2016 – ISBN 9788898739714 – Prezzo: 13 Euro

Pubblicato in ACQUISTA, ACQUISTA DALL'EDITORE, ACQUISTA ONLINE, arte e cultura, autori e libri cult, comunicati stampa, cultura, editoria, horror, letteratura, libri, narrativa, romanzi, segnalazioni | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Show business

Show business

Iannozzi Giuseppe

businesswoman

businesswoman

Si trae ispirazione dalla vita, ma Lei sarà capace di trarre ispirazione da sé stessa?

Le telefonò, dopo una dura giornata di lavoro, fiducioso che ci sarebbe stato da lavorare anche per l’indomani. Non poteva permettersi di rimanere a casa, i soldi gli servivano per vivere.
Lei al telefono si fece negare.
Dick era furioso, sapeva bene che tutto era stato calcolato; quel negarsi poteva solo significare che l’indomani sarebbe rimasto a casa. Bruciava di dentro, nella carne, dalla rabbia. I colleghi sciamavano fuori dalla Fabbrica Nera mostrando sorrisi a trentadue denti ai Kapò. A lui proprio non gli riusciva di far la parte dello scimpanzè addomesticato e dire, sempre e solo “Sì, Signore”. Non era sua abitudine piegarsi a novanta gradi. I colleghi avevano tutti del lavoro, tutti eccetto lui, perché lui non voleva sorridere. E per questo a tutti si rendeva antiMargaretico. Dick poteva solo vantarsi di sapere d’esser nel giusto.
La Fabbrica Nera sembrava ghignare alle sue spalle eruttando fumo dalle ciminiere; oscuri disegni si spandevano nell’aria e assumevano ambigue pose e forme: satiri che violentavano giovani vergini. La Fabbrica Nera sputava fumo arabescato, era come se ghignasse e disegnasse foschi pensieri, amare realtà.

Qualcuno lo salutò. Lui non gli concesse alcuna attenzione. Rispondere al saluto avrebbe solo significato dimostrare la sua impotenza. Il saluto che gli veniva rivolto, lui ne era sicuro, stava solo a sottolineare quanto fosse fesso ad arrovellarsi il cervello sul perché certi favoritismi diventano subito la consuetudine. Dick sapeva che ad andare avanti erano quelli che sposavano le simMargaretie ideologiche, politiche e sociali dei Kapò: era questa la consuetudine che Dick ricusava. E lui non avrebbe mai accettato favoritismi prostituendosi. Lui voleva lavorare e basta, restare ancorato alle sue idee e con esse annegare nel mare dell’indifferenza se il caso l’avesse richiesto.

Continua a leggere

Pubblicato in arte e cultura, attualità, cultura, fantascienza, fiction, Iannozzi Giuseppe, letteratura, narrativa, racconti, società e costume | Contrassegnato , , , , , | 2 commenti

Bukowski, racconta! – L’opinione di lettura di Cinzia Paltenghi

Bukowski, racconta!

Le recensioni dei lettori

L’opinione di lettura di Cinzia Paltenghi

Bukowski, racconta! - Iannozzi Giuseppe - Il Foglio letterario

Si potrebbe parlare di un viaggio, no, meglio ancora di un’avventura, sì, è più giusto definire così la lettura di questo libro: esplorazione di un mondo e più in particolare lavoro di scavo “dentro e intorno” a una psiche, a uno stato d’animo, per fotografare condizioni sociali così lontane da quello spirito borghese che alberga nella maggior parte di noi.

Mi ha affascinata e incuriosita, e a volte mi ha spiazzata anche, ma nessuna pagina mi ha lasciata senza una reazione che fosse negativa o positiva.

L’intervista l’ho trovata fantastica, l’ho letta due volte di seguito. Come Iannozzi Giuseppe ben sa, scrivere non è il mio forte, né sono molto capace di trasmettere, di riportare per filo e per segno le mie emozioni e i miei pensieri, non posso quindi lasciare un’opinione ben articolata come quelle già riportate, posso però dire una cosa: se qualcuno mi chiedesse di consigliargli un libro per dare una scossa alla propria vita per il tempo di 184 pagine intense, non avrei dubbi, con ferma decisione gli consiglierei “Bukowski, racconta!”.

_________________

Rassegna stampa

Leggi la recensione di Riccardo Montesi su Kult Underground

Leggi l’intervista Bukowski, racconta! Iannozzi Giuseppe risponde

Leggi Salvare se stessi! Riflessioni sulla scrittura – Bukowski, racconta!

Leggi Le Erinni sfidano Iannozzi Giuseppe al Salone del Libro di Torino

Leggi Il mio caro Angelo – racconto erotico d’amore per “Bukowski, racconta!”

Leggi Estratto dal libro “Bukowski, racconta!”– a cura di Giuseppe Iannozzi

Leggi Nuovo estratto dal libro “Bukowski, racconta!”– a cura di Giuseppe Iannozzi

Leggi Le recensioni dei lettori su “Bukowski, racconta”

_________________

Acquista “Bukowski, racconta!” dall’Editore

Bukowski racconta! .Bukowski, racconta!
Curatore: Iannozzi Giuseppe
Editore: Ass. Culturale Il Foglio
Collana: Narrativa
Formato: Brossura
Pubblicato: 08/04/2016
Pagine: 190
Lingua: Italiano
Isbn o codice id 9788876066177
Prezzo: 14 Euro

_________________

procediacquisto

Pagina ufficiale del libro su Facebook:

http://www.facebook.com/bukowskiracconta/

Distribuzione in libreria

È possibile acquistare Bukowski, racconta! direttamente dal sito dell’editore:

www.ilfoglioletterario.it – e a mezzo mail: ilfoglio@infol.it – Spediamo con soli due euro di spese postali, dopo un bonifico anticipato. Nessuna spesa postale per le librerie, anzi, sconto 30% sul prezzo di copertina.
INTERNETBOOKSHOP – IBS – www.ibs.it

Distributore NAZIONALE – Librerie/ Amazon/ Internet/ Estero: Libro Co. Italia s.r.l. – Via Borromeo, 48 – 50026 SAN CASCIANO inVal di Pesa (FI) – P.IVA 00527630479 – Tel. 055-8228461 Fax 055-8228462 – Email : libroco@libroco.it – www.libroco.it

FUMETTERIE PANINI, STARSHOP e PEGASUS

CASALINI LIBRI – FIRENZE – distributore per la TOSCANA – Casalini Novita – acatella@casalini.it

LS Distribuzione Editoriale – Servizio Biblioteche – Via Badini, 17 – 40057 Quarto Inferiore (BO) – tel. 051 768165 – 051 6061167 – fax 051 6058752 –www.lsc.it

Distributore per Sicilia e Calabria: PROMOLIBRI DI LUIGI ZANGARA & C. SAS – VIA AQUILEIA 84 90144 PALERMO – TEL 091/6702413 – FAX 091/6703633 – www.sicilybooks.com

Punti vendita su Milano:
Bloodbuster snc – via Panfilo Castaldi, 21- 20124 Milano – Italy – tel /fax (+39) 02 29404304 – info@bloodbuster.com – www.bloodbuster.com
Libreria Shake Interno 4 – Vicolo Calusca 10/f, 20123 Milano – www.shake.it
shake@interno4.com

Punti vendita su Roma:
Altroquando – Via del Governo Vecchio, 80 – 00186 Roma –comunica@altroquando.com – www.altroquando.com
Libreria Marcovaldo – via Cairano 22 – 00177 Roma – tel./fax 0664800213 –mail info@libreriamarcovaldo.it
Libreria Cultora – Quartiere Appio Latino – Via Ferdinando Ughelli, 39 – 00179 Roma- libreria@cultora.it

Punti vendita diretti su Piombino:
Libreria Tornese via Lombroso – Negozio The Gate corso Italia – Circolo Sant’Antimo corso
Vittorio Emanuele. Cartoleria del Comune corso Vittorio Emanuele. Libreria Coop via Gori –
Una volta al mese (secondo week-end) in corso Italia un nostro stand al Mercato
dell’Antiquariato.

Punto vendita su Viareggio (LU):
Thrauma di Dal Pino – Vendita al Dettaglio e Online – Via Cesare Battisti 287 – 55049
Viareggio (LU) – Italia – Telefono: 0584-941499 – FAX: 0584-1840863

Punto vendita su Napoli:
Libreria IOCISTO – Via Cimarosa, 20 -80127 Napoli – resp.le Viviana Calabria –
vivianacalabria27@gmail.com

Distribuzione sulle librerie online:

IBS

http://www.ibs.it/code/9788876066177/zzz99-iannozzi-g/bukowski-racconta.html

Amazon

http://www.amazon.it/Bukowski-racconta-G-Iannozzi/dp/8876066179/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1461000875&sr=8-1&keywords=bukowski+racconta

laFeltrinelli

http://www.lafeltrinelli.it/libri/bukowski-racconta/9788876066177

MondadoriStore

http://www.mondadoristore.it/Bukowski-racconta-na/eai978887606617/

Libreria Universitaria

http://www.libreriauniversitaria.it/bukowski-racconta-ass-culturale-foglio/libro/9788876066177

e su tutte le maggiori librerie online.

Pubblicato in ACQUISTA, ACQUISTA DALL'EDITORE, ACQUISTA ONLINE, arte e cultura, autori e libri cult, Bukowski racconta, consigli letterari, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, letteratura, libri, libri di Iannozzi Giuseppe, narrativa, parere dei lettori, rassegna stampa, romanzi, segnalazioni, società e costume | Contrassegnato , , , , , , , , , | 3 commenti