La peretta

La peretta

di Giuseppe Iannozzi

A Grotesque old Woman

Vado in farmacia, ho bisogno di dentifricio e collutorio.
La farmacista, che ha un fisico da fare invidia a una top model, sta servendo una signora oltremodo appariscente. Avrà intorno agli ottant’anni, come minimo. Indossa una gonna lunga con lo spacco, una maglietta strettissima e scollata; la canizie è nascosta, almeno in parte, da un cappellino fru fru. Alle dita porta anelli a dir poco pacchiani; e ai polsi fanno bella mostra di sé bracciali hendrixiani; e calza zeppe altissime, base in sughero e tomaia in vernice nera con cinturino alla caviglia.
“Una peretta, ho bisogno di una peretta. Alla mia età l’intestino fa molti capricci”, dice tutto d’un fiato.
La farmacista non fa una piega, sul suo volto non c’è alcun segno di emozione.
“Come la desidera? Piccola, media o grande?”, le chiede con voce quasi robotica.
La vecchia carampana finge di pensarci su. Fa schioccare la lingua, molla una scorreggia mefitica, e dopo un paio di secondi spara a gran voce: “Grande, grande, grande… La più grande che ha, signorina. Per il mio culo solo il meglio.”
La farmacista, adesso, non può davvero fare a meno di sfoderare un mezzo sorriso, che non passa inosservato né a me né agli altri clienti in coda.
“Certamente.”
La giovane farmacista si aggiusta gli occhiali sul nasino alla francese.
Sculettando svanisce, per qualche secondo, nel retro.
Torna dopo circa un minuto, imbracciando una scatola talmente grande che potrebbe contenere una Carabina Winchester.
“Ecco a lei, Signora!”
La cliente non nasconde un pizzico di scetticismo: “La scatola è bella grossa, ma la peretta… Me la farebbe vedere?”
“Certamente”. E così dicendo, l’oricrinita farmacista tira fuori la peretta dalla confezione.
“È proprio grande”, osserva felice.
Un vecchietto allampanato scoppia a ridere di gola. La carampana, niente affatto offesa, ride pure lei.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, letteratura, medicina, racconti, società e costume e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a La peretta

  1. luisa zambrotta ha detto:

    Delizioso 😉😉😉

    Piace a 1 persona

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ho i miei dubbi, però fa sorridere. ^_^ Grazie, Luisa.

    Piace a 1 persona

  3. luisa zambrotta ha detto:

    Fa sorridere sì… e questo fa bene 😘

    Piace a 1 persona

  4. romanticavany ha detto:

    Che scema, un minimo di decenza no, poteva fare un’alimentazione più sana. Comunque forte la descrizione dell’abbigliamento della carampana. E’ così bella la semplicità. Hai scritto un racconto
    per farci sorridere, ma corrisponde a certe realtà.

    Piace a 1 persona

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E’ abbastanza. Questo racconto ha poi solo uno scopo, far sorridere. Nulla di più. 😘

    Piace a 1 persona

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E’ una scena un po’ strana ma non troppo lontana dalla realtà. In fondo, la fantasia non fa altro che prendere ispirazione dalla realtà di tutti i giorni.
    Bisogna saper scegliere i particolari giusti per conferire carattere a un personaggio. Io ho scelto quelli essenziali per tratteggiare la mia carampana.
    La semplicità non significa banalità. E’ fondamentale che la semplicità sia profonda.

    Sì, questo racconto ha il solo scopo di far sorridere.

    Un grande bacio, cara Violetta. ❤

    Piace a 1 persona

I commenti sono chiusi.