Al mattino la fine

Al mattino la fine

di Iannozzi Giuseppe

Con la notte il mio e il tuo respiro
In due parole ti raccontai di quel tale
che faceva jazz, poi tacqui
Non avevo più niente da dirti
Entrambi non riuscivamo a dormire
Brividi ora caldi ora freddi
lungo le schiene poggiate
su lenzuola scomposte;
e i nostri occhi si sfidavano nel buio,
e i nostri baci, veloci e imprecisi,
servivano solo a farci del male

Scavasti nella mancanza di luce
e come per magia riusciti a trovare
accendino e sigarette; ne accendesti una
e dopo due note subito me la passasti
Fumai lentamente,
ammirando la piccola brace
che feriva il buio
Mi desti le spalle, lo so

Mi svegliai ferito agli occhi
da un sottile raggio di sole
Mi alzai dal letto;
inciampai un paio di volte
e alla fine aprii la finestra
perché entrasse il mattino
Mi portai davanti a te
e ti guardai a lungo
Dormivi così profondamente:
il tuo volto sembrava disteso
Non immaginavo ch’eri già più di là…

Inclusa in Non avevo più niente da dirti. Vol. 258

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, poesia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Al mattino la fine

  1. Nadia Fagiolo ha detto:

    Tenerissima questa!

    Piace a 1 persona

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ho decisamente fatto bene a evolvermi, a cambiare in maniera drastica il mio stile. Mi vergogno non poco delle cose che scrissi a trent’anni.

    Piace a 1 persona

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sentimenti che potevo mettere nero su bianco solo con uno stile diretto, preciso. Ogni tanto, forse, anch’io riesco ad avvicinarmi alla poesia. Grazie.

    Piace a 1 persona

  4. Pingback: Al mattino la fine | Isabella Difronzo

  5. luisa zambrotta ha detto:

    Buona serata, Giuseppe caro 🤗

    Piace a 1 persona

  6. romanticavany ha detto:

    Panna pura, Stupenda. Bravissimo!!
    ♥ Buona domenica King♥

    Piace a 1 persona

  7. wwayne ha detto:

    Sono totalmente d’accordo con la mia amica Luisa! 🙂

    Piace a 1 persona

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Buona domenica, cara Luisa.

    "Mi piace"

  9. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Be’, addirittura panna. 😉
    Buona domenica, dolce Violetta. ❤

    "Mi piace"

  10. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Incredibile, questa poesia ha messo d’accordo un po’ tutti. Grazie d’avermi letto.

    "Mi piace"

  11. wwayne ha detto:

    Grazie a te per la risposta! Colgo l’occasione per dirti che ho appena pubblicato un nuovo post, in cui racconto una storia molto bella e molto commovente… spero che ti piaccia! 🙂

    Piace a 1 persona

  12. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ho letto. James Senese. Amo molto il blues e il jazz, che non di rado entrano nelle trame delle mie povere poesie, povere perché ritengo non siano delle vere poesie.

    "Mi piace"

  13. wwayne ha detto:

    Ti sottovaluti amico mio. Ti ho appena risposto nel mio blog! 🙂

    Piace a 1 persona

  14. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Veramente, non mi ritengo un poeta. Comunque.

    Eccolo qui il tuo bel post. Chi volesse conoscere un po’ meglio James Senese, il suo sassofono, può leggere il bel post di Wayne, sul suo blog:

    https://wwayne.wordpress.com/2021/08/28/una-storia-damore/

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.