Dante Alighieri aveva una folta barba

Dante Alighieri aveva una folta barba

di Iannozzi Giuseppe

Dante Alighieri, ritratto con barba

Dante Alighieri aveva una folta barba. Nel “Trattatello in laude di Dante”, Giovanni Boccaccio porta una descrizione ben precisa del Poeta: “Fu adunque questo nostro poeta di mediocre statura e, poi che alla matura età fu pervenuto, andò alquanto curvetto, e era il suo andare grave e mansueto, d’onestissimi panni sempre vestito in quello abito che era alla sua maturità convenevole. Il suo volto fu lungo, e il naso aquilino, e gli occhi anzi grossi che piccioli, le mascelle grandi, e dal labro di sotto era quel di sopra avanzato; e il colore era bruno, e i capelli e la barba spessi, neri e crespi, e sempre nella faccia malinconico e pensoso. Per la qual cosa avvenne un giorno in Verona, essendo già divulgata per tutto la fama delle sue opere, e massimamente quella parte della sua Comedia, la quale egli intitola Inferno, e esso conosciuto da molti e uomini e donne, che, passando egli davanti ad una porta dove più donne sedevano, una di quelle pianamente, non però tanto che bene da lui e da chi con lui era non fosse udita, disse a l’altre: – Donne, vedete colui che va ne l’inferno e torna quando gli piace, e qua su reca novelle di coloro che là giù sono? – Alla quale una dell’altre rispose semplicemente: – In verità tu dèi dir vero: non vedi tu come egli ha la barba crespa e il color bruno per lo caldo e per lo fummo che è là giù? – Le quali parole udendo egli dir dietro a sé, e conoscendo che da pura credenza delle donne venivano, piacendogli, e quasi contento che esse in cotale oppinione fossero, sorridendo alquanto, passò avanti.” (Giovanni Boccaccio, Trattatello in laude di Dante Alighieri, cap. X).

La tela si trova a Orvieto, un quadro unico al mondo. L’autore è ignoto. Alcuni storici dell’arte ipotizzano che l’autore si sia ispirato al pittore fiorentino Cristofano di Papi dell’Altissimo. Dante Alighieri aveva “i capelli e la barba spessi, neri e crespi”. Era dunque questo il vero volto del Sommo Poeta.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, news, NOTIZIE, poeti, società e costume e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Dante Alighieri aveva una folta barba

  1. romanticavany ha detto:

    Grande Dante, ma quanto era immenso chi non lo ama , di lui ricordo poco, so che.
    nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia di piccola nobiltà. A 30 anni sposa Gemma Donati, fu un matrimonio organizzato dalle famiglie come era normale in quel periodo.
    L’esperienza amorosa di Dante, ebbe come protagonista però un’altra donna, Beatrice. Era una giovane fiorentina che egli vide per la prima volta quando entrambi avevano nove anni, la rivide poi a diciotto anni e lui ricambiò il suo saluto, dal quale lui cominciò a provare un sentimento profondo.
    La morte di Beatrice gettò Dante in uno stato di grande disperazione durante il quale decise che non avrebbe più parlato di lei fino a che non fosse stato pronto a farlo in un’opera degna della sua amata; quell’opera sarebbe stata la Divina Commedia.
    L’amore di Dante per Beatrice va interpretato in modo simbolico non con una storia reale fatta di passione, desiderio e incontri ma al contrario come una vicenda intellettuale e spirituale. Nel 1302 venne esiliato per motivi politici. Nel 1321 morì ahimè a Ravenna. Ciao Buonanotte King

    Piace a 1 persona

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Dante è grande, immensamente grande.
    Sulla vita di Dante si sono dette parecchie cose. Per conoscerlo meglio ti consiglio “Dante” di Alessandro Barbero (Laterza editori)

    "Mi piace"

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Giovanni Boccaccio il ritratto di Dante lo fece secoli or sono nel suo “Trattatello in laude di Dante”. E oggi c’è anche questo dipinto.

    Piace a 1 persona

  4. luisa zambrotta ha detto:

    🙏🌺🙏

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.