Non si può scrivere per sempre

Non si può scrivere per sempre

ANTOLOGIA VOL. 232

Iannozzi Giuseppe

bimbo legge

OCCHI BAMBINI

Se non avete perso
gli occhi nei suoi occhi bambini
non potrete capire mai
la bellezza del cielo infinito

I TUOI PASSI

Quando mi dirai “Hai dimenticato
la data, la più importante”,
ti risponderò ch’ero preso
in qualcosa più grande di me
In molti ci hanno provato
a stare al passo della tua bellezza,
e tutti hanno ammesso la sconfitta
a testa bassa; così quando mi dirai
di far le valigie,
ti guarderò negli occhi piangenti
dicendoti “Ho perso me stesso
per ritrovarmi nei tuoi passi,
ed ho capito”

GETTARE LA SPUGNA

gettare la spugna
pria che sia morte,
emorragia cerebrale,
eterno crepuscolo
affacciato sull’abisso
dell’oblio

tentare di far fuori
volo di mosche
a pugni chiusi,
barcollante ubriaco,
scimmiesco persino
all’ombra sul ring
schiacciata

gettare la spugna
e morire comunque

RICORDO ZOPPO

Qualche fiore secco in tasca
e qualche spartito musicale sgualcito,
e il mio violino zoppo su una corda:
te l’avevo detto che avevo ben poco
Non mi hai creduto quando i petali
che in estate avevo raccolto,
li ho persi nel vento della Piazza Rossa

Non mi guarderò indietro,
crollano i palazzi e i muri
e io voglio di più
E io voglio qualcosa di più,
non queste tristi
poche copeche fra le mani
mentre mi penetra le ossa il freddo

Angela, chiudi la porta!
Fa freddo,
più di quanto osi immaginare,
e sempre qualcuno busserà
dicendoti sono io il migliore;
tu non gli credere
quando fra lingue di fuoco
e fumo vedrai il ricordo
che alimenti a mia immagine
e somiglianza

Non mi guarderò indietro
Tutto crolla,
la vita giusto un soffio
Lo sapevi che avevo poco da offrirti
Ti dico, chiudi la porta
Ti dico, apri il cuore alla vita
con un ricordo che sia sincero
Non fare come me
che lontano vado di città in città
Non fare il mio ricordo zoppo
più di quanto non lo sia già

GENOVA L’ANARCHICA

Non so dove sia quell’uomo
che dieci anni or sono si fece marinaio,
portando per i sette mari le sue piume
d’angelo e di struzzo, cantando
a squarciagola in cambusa col cuoco,
ridendo delle gambe pelose
dei compagni mezzo nudi nei lor letti

Si dice abbia scritto poesie per i gabbiani
E qui a Genova gli anarchici li pestano
proprio come ieri quando lui prese il largo;
i cuori teneri finiscono quasi sempre male,
impiccati, sottoterra o all’ospedale

SIGNORE, PROTEGGI LA MIA COLOMBA

Tutti i miei sogni.
tutti, con timidezza e amorosità,
a te li portai
Per te solamente, amor mio bello,
ho cantato e ho cantato a lungo

Dio ti benedica!

Non ho paura,
non nutro speranza alcuna
In questi giorni di pioggia
sorridi triste agli angeli,
e le lacrime mie
scavano e lavano le strade

E di nuovo giunto è
il tempo di vivere
E di nuovo ho bisogno di tutto
e di nuovo di niente ho bisogno
Ho cercato di stare al tuo passo,
ma un buffone ero, solo questo

Dio ti benedica!

Nelle mie tasche un centesimo appena,
ma sul tavolo tutte le mie poesie gettai
Dio benedica il mio amore,
la tenera mia piccola colomba

Non posso, o non so pregare
Dio benedica il blues
perché in pace riposa una croce nel mio occhio destro
mentre la polvere in quello di vetro distrugge il mondo

Nei tempi che furono l’amore
fra un uomo e una donna contava più del pane,
ma ero io un imbroglio e un buffone,
un bastardo ai tuoi piedi
Però mai fui fascista, mai comunista,
e mai una bandiera o una religione sostenni

Dio benedica il blues!

Senza un sussurro domani il morire
perché un uomo libero sono, libero!

Non credo in te,
non credo davvero che lassù e vero sia tu,
ma ti prego, in questa landa sì crudele,
Signore, proteggi l’innocente mia colomba

KEROUAC

Colpo basso
Alto
il tasso alcolico

Non hai idea
di come ci si sente
senza il pallido
affogato
volto di luna
Per due righe
che scrivo
perdo
una vita intera
Così sol ti chiedo
di non tornare
a bussare
alla mia porta:
sono occupato a sprecarmi
su i tasti danzanti olivetti

La mia donna
ha lasciato l’impronta
sul letto disfatto
Non ho tempo
per questo,
per questo terremoto!
Lasciami
come mi hai trovato,
un livido
– perfetto postumo
perso
nell’eternità dorata

MI CHIEDO PERCHÉ

Io ancor mi chiedo perché
nella nebbia ti confini
invece d’abbracciare
il mio orizzonte,
di darmi un bacio in fronte

SCOPRIRAI

E all’alba scoprirai
che non è lontano
il tramonto
dentro agli occhi miei

CON LE UNGHIE

Con le unghie
il cielo graffiamo,
sempre impunemente

FINITO IL TEMPO DEI BACI

Finito il tempo dei baci
e degli addii
rimane sul palmo
della mano la sabbia
del tempo perso
che non sa consolarsi
in pianto

VIOLENTA LA FRANA

violenta la frana
finalmente
seppellisce
il poeta
dal sorriso felice
giù a valle

TROPPO VECCHIO PER GIOCARE

Troppo vecchio
per giocare ancora
ai cowboy contro gl’indiani

Con questo cuore
che batte male in petto
posso sol sperare
di salvare il cavallo
e la sua sella

Con questa pallottola
conficcata fra le scapole
ti sorriderò dovunque
domani io andrò,
all’Inferno
o sottoterra e basta

PERDONAMI

Perdonami, amore,
non si può scrivere per sempre
Prima o poi tocca a ogni mortale
di rovesciare il calamaio,
di mandar tutto al diavolo

Il disgusto che suscito agli Dèi
non è diminuito né cambiato
in tutti questi anni persi
tra un panino al prosciutto
e la Gerusalemme liberata

AI PIEDI DELLA PIETÀ

Non chiedete niente,
son già io mendicante
ai piedi della Pietà
con martello e scalpello

VIZIO E GIOIA NELL’ANIMA

Nacqui scimmia,
vizio e gioia nell’anima;
ma natura volle
che non fossi bello,
né biondo e riccio come Gesù

PROMESSE

puttane le promesse
sotto la luna espresse

IL RAGLIO DEGLI ASINI

Se sol potessero immaginare
quelli con l’occhio allo spioncino
d’esser a loro volta inculati!

Mai chieder agli asini
sforzo di fantasia,
talento gli è stato negato
già in tenera età;
così sempre
si leva alto
dell’ignoranza il raglio

FORFORA

di forfora il pensiero
eiaculato dal coglione

avesse avuto un pidocchio
dalla sua parte
più dolce forse
gli sarebbe stata la morte

canzone di morte

ed ora dimmi
con chi cammini
e chi ti sta accanto
dimmi
se c’è qualcuno
che ti ama
come ti amavo io

e sì lo so
non ero speciale
meno d’un niente
ma almeno ero
forse uno zero
ma ero
un egoismo e un fiato caldo
un petto da prendere a botte
da prendere a botte

eh sì
se avessi dovuto scegliere
amar te solamente
che non mi amavi mai
avrei scelto sicuramente
d’amare te infinitamente
sicuro delle conseguenze

dici che è niente
e forse hai anche ragione
possiamo fare quel che vogliamo cioè poco
e il resto quando c’è chissà come e perché

e lo so che non la ascolterai
no che non la ascolterai
questa mia canzone
come mai hai ascoltato le mie parole

…le mie parole così care
foglie al vento
timidi ritagli di cielo

no che non la ascolterai
questa mia canzone
ma per sempre gli occhi tuoi
prigione dentro ai miei
dentro ai miei
dentro ai miei…

UN ALTRO AMORE

Cercherò un altro amore?

Sono rimasto in attesa
fiutando la notte,
contenendo la mia rabbia,
ignorando dei lupi affamati
gli ululati
Non sei da me tornata

Come quella d’un monaco
ho rasato la testa mia canuta
Mi guardo allo specchio,
mi dico che sono a posto
Per adesso
non ho bisogno di altro
Mi lascio l’odio alle spalle
col suo bagaglio di sbagli

Ti lascio la mia penna d’oca
e l’inchiostro blu, il flauto di legno
che non ho mai imparato a suonare,
e la mia collezione di farfalle

Adesso no, adesso no
Domani, forse, cercherò
un altro sole
Domani, forse, cercherò
di far battere forte ancora…
il cuore, il cuore

AIUTAMI E SPARAMI

Aiutami e sparami
E non dire una parola
Tu la sai la verità,
la vita mia giusto un crimine
e per questo così divertente
Ma oramai al termine il tempo

VIOLA

Viola, da un po’
non ascolto la tua voce
Col fiato
sul vetro della finestra
ti ho disegnata,
e in silenzio ti ho baciata

SOGNARE L’INDEFINITO

Sognare l’indefinito,
l’Infinito
nella nebbia
conchiuso
mentre tu dentro
urli piangi ridi
sperando sia fantastico
ogni momento
del domani,
sparando
ai giorni zoppi
di ieri,
abbracciando
quelli pazzi
di oggi

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, arte e cultura, cultura, eros, Iannozzi Giuseppe, passione, poesia, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.