Sulla tomba non scrivere versi

Sulla tomba non scrivere versi

ANTOLOGIA VOL. 227

Iannozzi Giuseppe

La morte di Re Artù

LUNA BELLA

Luna bella, ti ho persa
tra un raggio di luce
e uno di buio
Mi sei entrata dentro
in punta di piedi
quando meno me l’aspettavo:
avevo le finestre aperte
E ora che non sei più
a darmi una speranza,
penso a quanto bello
un volo dall’ultimo piano,
leggendo con gli occhi in velocità
tutte quelle mutevoli verità
che per un istante s’affacciano
Un volo giù a capofitto
più stanco dell’urlo
in gola – che strozzata rimane
fino alla fine

PREGHIERA DEL MESTIERANTE

Risuolo le scarpe,
un mestierante io
che male sa l’abc
Dio ha voluto così

Dicono cose i clienti
che non intendo
A tutti con il capo
faccio cenno di sì,
e muto muto resto

Pianto chiodi
sotto le suole

Prego in silenzio,
prego la croce e Gesù
perché non si compia
oggi il destino mio
a testa in giù
Prego bene perché
ho del lavoro da sbrigare
per dar ai figli miei
un pane da mangiare

BIONDE RISATE IN RIVA LA FIUME

Era tutto così bello
Il sole che picchiava forte
e l’erba alta verde e soffice
Fiori dappertutto,
nell’aria profumo di fragilità

Così coccolato,
fra le dita una ciocca bionda raccolsi
e scoppiasti tu subito a ridere
insieme al piccolo fiume
da noi così poco distante

Era d’oro quella ciocca
E il tuo volto felice
era estasi in un bianco sorriso;
fui così tentato,
così tentato di credere al divino

Arrossendo lievemente,
ti alzasti nascondendo le gambe
sotto la corta gonna
Fra le scomposte chiome degli alberi
prendesti a correre,
come braccata da una feroce felicità
Fino alla riva del fiumiciattolo ti portasti
In esso i nudi piedi calasti,
rabbrividendo un poco appena

Ti ero dietro
Affannato ammirai te
muover sicura i passi
Ridevi alzando spruzzi al cielo,
un calcio e poi un altro
– una bambina che vuol giocare

Rimasi, non so
per quanto tempo,
con quella immagine di te
nel cuore piantata
Poi fui costretto a esalare
l’ultimo respiro

LE LETTERE CHE TI SCRIVEVO

Che ne hai fatto
delle lettere che ti scrivevo?
Coriandoli per un pulcinella,
danè per gli usurai

Che ne hai fatto
del mio amore tenero e ingenuo?
Un cigno strozzato dal suo canto

Che hai fatto,
che hai fatto alla bianca timidezza
ch’era disposta sul tuo dolce seno?
Un nudo che ogni diavolo vede
e morde

Il povero rimango io,
io che ti adoravo

SE NON ORA, QUANDO?

Se non ora, quando?
Non uno in bocca
mastica risposta certa;
e però si sa che prima o poi
un giorno ci si sveglierà
avvolti in un silenzio assoluto
proprio come, per tanto tempo
e con sussurri fra le labbra,
abbiamo pregato.

IL VOSTRO SILENZIO

Verrà il giorno
che da me nudi e scalzi
vi presenterete
reclamando a gran voce
che sia io a parlare
Ma quel giorno
avrò io labbra serrate,
ed allora ricorderete
che ieri dono voi mi faceste
d’un silenzio sepolcrale

DAL MIO GIARDINO

Non più spandono profumo
le rose dal mio giardino;
e anche i morti han smesso
di ciarlare coi grilli e le cicale

SEPOLTO NEL CUORE DI LEI

Non le ombre
su le tombe,
né i rami ischeletriti
di peso caduti
su letti di foglie marcescenti
potranno mai dire
quale la sofferenza
di quell’unico vagabondo
che dall’Est all’Ovest
la sua donna cercò

Bionda d’animo,
vergine di cuore,
si perse lontano lontano
tanto tanto tempo fa
in una notte
che il vento ululava
e la luna moriva
in un pozzo di nero inchiostro
affogata

Bionda
come il grano maturo
a Primavera,
scomparsa
nell’età più bella
accompagnata
soltanto dalla sua passione;
non lo sa Dio né Belzebù
dove oggi il suo rifugio,
se viva o prigioniera,
o se in balia
di altro destino
Nessuno davvero
sa più niente di lei
sì tanto amata

Ma sepolto è un uomo
in un angolo oscuro
dove la terra non è
per santi e sacramenti;
senza iscrizione,
l’avello nudo di fiori sta…
come in attesa
d’una carezza, d’un fiore

ERO IERI

Ero ieri più bravo di oggi
che non assumo la posizione del Loto
Ero ieri un collasso di poesia vuoto
Dicevo ma quel che dicevo lo tacevo
Ero santo diavolo perfetto
nascosto in un angolo d’uno specchio

Avevo ieri occhio lungo
e l’ago trovavo nel pagliaio,
sparavo poi alla cieca,
e, ci crediate o no,
disegnavo rose di sangue
sul petto delle amate

Ero ieri amante non scontato

SULLA TOMBA DI CHI NON FU

Vivere, morire:
quale la differenza!
Saranno i rimpianti
a passar di bocca in bocca
domani
per i pettegoli
sedicenti poeti;
ma niuno saprà mai
la verità e se mai una
abbia trovato
nel petto mio
albergo

Sulla tomba mia
versi non scrivere,
non spargere silenti lacrime,
o gocciole
raffinate con alte grida

Ho vissuto
e visto abbastanza
e sentito in egual misura
Lasciami
come si lascia la sabbia
che nelle mani a coppa raccolta
tosto dalle dita fugge via

Lasciami all’ellera,
alla gramigna e alle piante
che sul nudo marmo
vorranno ricamare il lor squallore
Sarò felice così,
nella morte eterna
vestito a lutto finalmente

DONNE IN INVERNO

Il verno maledetto
per lutto certo
corso ha dato
a nevi e tormente
su i guerrieri
e le loro armi;
non è bastato
l’acciaro novo
dal Maestro forgiato,
con rabbia e passione,
perché orchi e coboldi
cadessero
l’uno su l’altro,
né è servito priare
con la nuda forza
della disperazione
Uno a uno
caduti
tutti
e tosto coperti
da impietoso sudario
giù dritto dal Cielo
piovuto
pesante

Non ancora
la feral contezza
le donne sanno
nel sonno raccolte
accanto a le spente braci
della sera prima
fra lazzi e accese risa
Chi dirà loro
che gli uomini
non faran più ritorno?
chi avrà questo coraggio?

Disabitata al lor fianco
del letto una piazza,
ma ancor calda
dell’amata virile impronta

SE MI VUOI PRENDIMI

se mi vuoi
prendimi,
prendimi
nudo e crudo,
piovuto giù
da un cielo di zolfo
di lingue di fiamme,
dove sol navigano
bare fantasma

SGUARDO DI DONNA

Anche se mi vuoi oggi uccidere
non sarà facile, ho pur sempre
due occhi e due proiettili,
e una pistola ben legata al fianco;
tra le dune posso provare
a prender la mira, posso provare,
aspettando del sole il calare,
studiando degli avvoltoi il volo

Non vedrò forse che una o due albe
In fondo sempre l’ho sospettato
che lo sguardo d’una donna fulmina
più dell’ira di Dio; mi riterrò dunque
fortunato di darti del filo da torcere

Non ho mai preteso di vincere
Di morire da uomo, sì…

MEMORIA

In un grande cielo
che prima era di vuoto
il corpo d’un uomo impiccato
Ma non la sua libertà
che di bocca in bocca s’eterna
Ma non la sua vita di lotte
che di bocca in bocca vola,
perché sia forza e memoria
per tutti gli uomini di volontà

MIA VESTALE

Traballante, nudo e indifeso,
nell’alma gelato, col fiato corto,
ecco infine giunta l’ora mia

Sempre ho ceduto il passo
e se ho peccato, il sesso,
la poesia che esso è,
m’ha riscattato, non del tutto
ma abbastanza perché
se non oggi domani si dica
di me innocente e leggenda

Carco d’un crimine non mio,
attraverso il penetrale del Fato
il desio d’incontrarti brucia
quel poco di me che è restato;
col ginocchio franto al suolo,
la bocca massacrata, piagato,
a te che di me amasti la favella
vorrei oggi presentare il dono,
la vita mia seppur a brandelli
perché sia il piedino tuo gentile
a darmi la fine, e non il piè vile
d’un centurione qualunque
Oh, mia Vestale!

DIMENTICHERAI

Dimenticherai, di me
ogni segno e gesto
Dimenticherai, di me
il sasso scagliato
e l’allegria triste
che mi disegnava il viso
Sì, mi dimenticherai
e ti porterai sul cuore
un uomo migliore di me
E farai l’amore per amore
fra grida d’angeli
e risate dal mare
di vergine bianca spuma
sulla non mai
troppo calda sabbia
Mi dimenticherai, e sì,
non sarà peccato
all’alba scoprire
che sei viva più che mai

RITRATTO DI DONNA

oramai non ho più paura, sai
non ho pause né baci in sottofondo
oramai dormo poco e sogno tanto
oramai nasco sulla bocca
come un fiore partorito da una tomba
oramai non ho più parole
da darti in pasto per farne concime,
per sbriciolarle in quel che fu l’epitaffio
del nostro amore

oramai mi sembra tutto così normale
che sia finita così, con il mio dolore
e la tua completa indifferenza

metto su quel vecchio disco di bob dylan
che ti piaceva tanto e canto
non sento più niente, non sento più niente
da quando ho imparato che il sogno è tutto
e tutto il resto è destinato a marcire

l’uomo della pioggia non si stanca mai
domani bel tempo, dopodomani lacrime e sudore
il telegiornale mi sveglia al mattino puntuale
c’è una guerra in corso e c’è un uomo in fuga
un altro l’hanno accoltellato alle spalle in un vicolo
perché sapeva troppo sul conto di quel parrucchiere
questo mondo non cambia mai nonostante gli anni

quando conosci l’inferno non sai dov’è la luce
né la desideri per un’ipotesi di futuro alla boia d’un giuda
quando capisci che non hai più paura non ce l’hai più
e tutto passa, e non t’importa come, se veloce o lento

oramai mi sembra tutto così normale
che sia finita così, con il mio dolore
e la tua completa indifferenza
ma berrò alla tua salute un goccio di vino rosso
l’ebreo errante per ora è ancora qui col suo tormento
non aspetta l’inverno o un’altra stagione
l’uomo della pioggia gli ha spiegato tutto da un pezzo

oramai non ho più paura, sai
non ho pause né baci in sottofondo
oramai dormo poco e sogno tanto

IN GATTABUIA PER UNA ROSA

Ho regalato una rosa a una carina,
così sono finito in gattabuia
insieme a tanti altri uguali a me
a suonare il mio sporco blues

Adesso prendo quel che viene,
mi guardo le spalle, suono l’armonica
in attesa che emetta il Giudice il verdetto
Qui dentro hanno già tutti scommesso
che resterò a tener loro compagnia
per un lungo lunghissimo pezzo
Ma io ho solo regalato una rosa,
una triste rosa sotto un cielo di pioggia

Quando sarò fuori non regalerò più fiori,
lo giuro sul bene che ti voglio, Ma’
Quando sarò fuori non perderò più la testa,
lo giuro sulla memoria di Pà

Adesso suono l’armonica a bocca
Quando scende la notte è dura,
devi dormire con le scarpe allacciate
e tenere un occhio sempre ben aperto
Suono l’armonica a bocca, è tutto
quel che ho, proprio tutto quel che ho

Quando sarò fuori non scriverò più blues
Ma oggi sono qui, oggi, oggi sono qui
e il sole, quando c’è, lo vedo da dietro le sbarre
Se non suonassi impazzirei com’è già successo
quando da bambino mi prendevano in giro
per le orecchie grosse da elefante gandhiano

Ho regalato una rosa a una carina
perché non ce la facevo più a non andare
incontro alla tentazione dell’amore,
così sono finito in gattabuia
Mi tengono compagnia altri uguali a me,
e sono tutti più cattivi di me,
per questo non posso far a meno di suonare,
di suonare il mio personale blues

Suono il mio personale blues
perché almeno una volta nella vita
ogni uomo dovrebbe andare incontro
alla tentazione dell’amore, costi quel che costi

Costi quel che costi

DI SESSO LA POESIA

Se oggi
non ti dicessi bella,
desiderabile
spada di luce
confitta
dentro
al mio cuore
domani sicuro è
che mi rimprovereresti
di non averti amata

Se oggi
non ti confessassi
che della donna
il sesso è poesia
delicata e setosa,
domani sicuro è
che morirei
solo abbandonato,
seppellito prima però
dalle tue occhiate
di femmina ferita

CIARLATANI

Dici tu “ciao”,
rispondo io “addio”:
son le strade di tutti,
un venditore di panacee
a ogni angolo si sgola
perdendo la parrucca,
gli occhi viperini sgranando
di fronte a un pubblico cieco

Dove sono adesso io capitato
non c’è uno che non sia poeta
In quattro spacco il capello,
non serve però a far deragliare
i cavalli di ferro:
brigatisti e fondamentalisti
han già pronta la loro biografia

Quando l’amor mio confessai
al coro delle voci bianche,
gridasti ch’ero io un Pasquino

Dici tu “ciao”,
rispondo io “addio”

IL  FREDDO SI SPANDE

Dalla Russia
il freddo si spande
sulle genti,
spezzando schiene,
producendo guai,
brividi e affanni.

A un tavolino
sta però un poeta,
solo e contento,
con quella sua aria
un po’ snob,
fischiettando di Puccini un’aria
davanti al cameriere stanco
e gelato; la mancia attende
sul palmo del bianco guanto,
sopportando il fumo
che in spire di futuro
sovra il vento si alza.

E non c’è più,
sparito,
volatilizzato,
senza lasciar dietro di sé
una minima eco.
Era forse un fantasma,
e quanto lontano
s’è portato,
nessuno lo saprà mai.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, arte e cultura, cultura, eros, passione, poesia, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sulla tomba non scrivere versi

  1. Pingback: Sulla tomba non scrivere versi | Isabella Difronzo

I commenti sono chiusi.