Woody Allen: “Non è che ho paura di morire. Solo che non voglio esserci quando accadrà.”

Woody Allen: “Non è che ho paura di morire. Solo che non voglio esserci quando accadrà.”

Woody Allen

– Non sono un ipocondriaco, sono un allarmista.

– Siamo così presuntuosi da pensare che la ricerca e la scienza possano controllare tutto? Un uomo ingoia un boccone troppo grande di carne e soffoca. C’è nulla di più semplice? Quale altra prova occorre dell’armonia squisita dell’universo?

– La tradizione è l’illusione dell’immortalità.

– Gli intellettuali sono come la mafia. Si uccidono solo tra loro.

– Il giorno del Giudizio Universale, quando una voce ordinerà «Tutti in piedi», riuscirò a trovare le mie pantofole?
La morte è come il sonno, ma con questa differenza: se sei morto e qualcuno grida “In piedi, è giorno fatto!”, ti riesce difficile trovare le pantofole.

– Ho fatto un corso di lettura veloce, ho imparato a leggere a piombo, trasversalmente la pagina, e ho potuto leggere “Guerra e pace” in venti minuti. Parlava della Russia.

– Provo un intenso desiderio di tornare nell’utero… di chiunque.

– Tutti conosciamo la stessa verità: la nostra vita consiste in come scegliamo di distorcerla.

– Ogni volta, quando un mio film ha successo, mi chiedo: come ho fatto a fregarli ancora?

– Perché l’uomo uccide? Uccide per mangiare. Ma non solo per mangiare: spesso anche per bere.

– Non sono un atleta. Ho cattivi riflessi. Una volta sono stato investito da un’automobile spinta da due tizi.

– I momenti comici sono banali rispetto al senso di tragedia che permea l’essere umano. Sono piccole oasi in un mare di tragedia che porta inesorabilmente verso l’invecchiamento, la fine dell’umanità, il disfacimento del pianeta e dell’universo.

– Non è che ho paura di morire. Solo che non voglio esserci quando accadrà.

– Presumo di essere ateo. Non ho mai creduto in Dio e penso che non ci crederò mai. Tra scienza e religione ho sempre scelto la scienza, tutti dovrebbero essere come minimo agnostici. La fisica contemporanea ci sta dando messaggi sempre più tristi sull’universo e credo che le spiegazioni che ci verranno date in futuro non saranno né piacevoli né confortanti. Sono molto critico verso le religioni organizzate, le trovo una gran perdita di tempo. Al massimo posso credere che un individuo nella sua intimità possa avere sentimenti religiosi che non hanno nulla a che vedere con la religione che ci viene insegnata da piccoli: qualcosa di molto personale e indescrivibile che ci porta a cercare di capire noi stessi.

– Io sono sempre stato ateo. Ma quando ho cominciato a fare commedie, mi sono reso conto che i riferimenti ebraici, con il rapporto con il sesso e lo psicanalista, garantivano risate facili. Sono diventato ebreo al cinema, per ragioni commerciali.

– Non c’è nulla di positivo nell’invecchiare. L’ho sempre trovato un argomento schifoso e non c’è niente di buono anche se intorno circola un grande business: avrai apparecchi acustici, difficoltà di digestione, crampi e molto altro.

– Dove sono cresciuto, dovevi rubare per mangiare. Poi dovevi rubare per dare la mancia.

– In generale un’affermazione della destra è sempre una cattiva notizia, è sempre una faccenda pericolosa. Perché la destra dà risposte molto semplici, dirette a problemi enormi. Ci sono i senzatetto? Che se ne vadano. C’è un aumento di criminali? Ripristiniamo la pena di morte. Soluzioni che naturalmente non tentano di capire il perché dei fenomeni a cui vengono applicate. Al momento possono sembrare efficaci, ma fra venti anni sarà peggio e ne faranno le spese le generazioni del futuro che di nuovo si troveranno di fronte problemi gravissimi.

– C’è una grandezza innata in Groucho, che sfida l’analisi più accurata, come succede con tutti i veri artisti. Lui è semplicemente unico, allo stesso modo di Picasso o Stravinskij, e credo che la sua impudente strafottenza verso l’ordine costituito sarà divertente tra mille anni come adesso. Oltre tutto, mi fa ridere.

– Ho smesso di fumare. Vivrò una settimana di più e in quella settimana pioverà a dirotto.

– Vista positivamente, la morte è una delle poche cose che si possono fare facilmente restando distesi.

– La differenza tra l’amore e il sesso, è che il sesso allevia le tensioni e l’amore le provoca.

– Se un mio film riesce a far sentire infelice una persona in più, allora sento di aver fatto il mio lavoro.

– Quando ero piccolo, mia madre mi diceva sempre: “Se uno sconosciuto ti avvicina, ti offre caramelle e ti invita a salire in macchina con lui, vacci!”

– Non riuscii ad entrare nella squadra di scacchi a causa della mia statura.

– L’amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande.

– Io credo nell’intelligenza dell’universo, con l’eccezione di qualche cantone svizzero.

– Il mondo si divide in buoni e i cattivi. I buoni dormono meglio, ma i cattivi, da svegli, si divertono molto di più.

– Due settimane fa sono stato coinvolto in un buon esempio di contraccezione orale. Ho chiesto a una ragazza di venire a letto con me e lei mi ha detto di no.

– D’interessante c’è che, secondo gli astronomi moderni, lo spazio è finito. È un pensiero confortante, specie per chi non ricorda mai dove ha lasciato gli occhiali.

– È vero che certe persone possono predire il futuro o comunicare coi defunti? E dopo la morte, è ancora possibile fare la doccia?

– Continuo a chiedermi se c’è una vita dopo la morte, e se sì, saranno in grado di cambiarmi un biglietto da venti?

– Possiamo noi realmente “conoscere” l’universo? Dio mio, è già abbastanza difficile trovare la strada per uscire da Chinatown.

– Perché la carne di maiale sia proibita dalla legge ebraica è tuttora poco chiaro e alcuni studiosi ritengono che la Torah suggerisca semplicemente di non mangiarla in certi ristoranti.

– Dio, secondo gli ultimi libri di Mosè, è benevolo, anche se ci son ancora tante questioni di cui è meglio non si occupi.

– Presi in giro Hemingway sul romanzo in uscita e ridemmo molto e ci divertimmo e poi ci infilammo dei guantoni da boxe e mi ruppe il naso.

– Accanto a me c’era una bionda conturbante che aumentava e diminuiva sotto una camicetta nera con una provocazione sufficiente a indurre la licantropia in un boy-scout.

– Il leone e il vitello giaceranno insieme ma il vitello non dormirà molto.

– “Dio è silenzioso,” amava dire, “adesso se solo riuscissimo a far chiudere il becco all’Uomo!”

– Finora, l’argomento dei dischi volanti è stato per lo più associato ai mitomani e agli squilibrati. Spesso, infatti, gli avvistatori ammettevano di far parte di entrambi i gruppi.

– Nessuno dovrebbe mai spendere soldi per cose stupide, come del nettare di pera o un cappello di oro massiccio.

– Di tutti gli uomini famosi mai vissuti, quello che di più mi sarebbe piaciuto essere è Socrate. Non tanto perché era un grande pensatore, dato che io stesso sono noto per aver avuto delle pensate discretamente profonde, anche se le mie ruotano invariabilmente attorno a una hostess svedese e a delle manette.

– Alla fine, la morte coraggiosa di Socrate dette alla sua vita un significato autentico; qualcosa che alla mia vita manca totalmente, anche se possiede una minima rilevanza per l’ufficio delle imposte dirette.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cinema, citazioni, CULT, cultura, scrittori, società e costume, spettacoli, umorismo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Woody Allen: “Non è che ho paura di morire. Solo che non voglio esserci quando accadrà.”

  1. wwayne ha detto:

    Tra i film di Woody Allen mi è piaciuto molto To Rome with love: l’hai visto?

    Piace a 1 persona

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sì, l’ho visto. Adoro Woody Allen, ed è per me impossibile dire quale film preferisco fra i tanti che ha girato.

    "Mi piace"

  3. wwayne ha detto:

    Buongustaio! A me To Rome with love piace così tanto che gli ho riservato un posto d’onore in questa classifica: https://wwayne.wordpress.com/2014/06/19/i-10-film-che-tutti-odiano-tranne-me/. Grazie per la risposta! 🙂

    Piace a 1 persona

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ho visto tutti i film di Woody Allen, non me ne sono perso uno. Ho letto anche i suoi libri. Si può tranquillamente dire che sono un fan di Allen.

    "Mi piace"

  5. wwayne ha detto:

    Allora ti strameriti il follow! 🙂 Buon appetito! 🙂

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.