Il bastardo. Capitolo tre

Il bastardo

Iannozzi Giuseppe

Ogni riferimento a persone esistenti
o a fatti realmente accaduti è puramente casuale.

San Salvario (Torino) - Orso

Capitolo tre

Un topo si fa sotto i miei piedi. Squittisce.
Dovrei farlo secco. Stranamente mi fa pena. E’ solo e non sembra se la passi tanto meglio di me. Lo lascio a sé stesso, libero di lasciare le sue tracce sulle macchie di sangue incrostato, che dipingono il pavimento di quello che, fino a poco tempo fa, era il mio ufficio.
Non c’è nulla qui che mi possa aiutare.
E non c’è una vera ragione per cui sono tornato sul luogo del delitto. Mi aspettavo forse di incontrare il fantasma della donna, e invece ho solo sbattuto il muso contro un muro di solitudine.
Una volta fuori, Bachir mi fa un cenno: vuole che vada da lui.
“Non ho tempo”, gli dico in tono di rimprovero.
“Ti cercano, non ti agitare”, fa lui.
“Lo so. Non ci girare intorno: se hai qualcosa da dirmi, adesso o mai più.”
Bachir trema, come in preda a un orgasmo: “Bachir tuo buono amico.”
“Sì, certo, come no! Sputa il rospo.”
Allunga la mano.
Gli rifilo una sberla in piena faccia.
“Parla!”, gli sibilo in un orecchio sin tanto che è stordito.
“Bachir, parla, cazzo!”. Non scuce parola. Ma glielo leggo in faccia che sa qualcosa che io non so.
Gli rifilo un pugno alla bocca dello stomaco, un pugno che per lo sforzo fa più male a me che a lui. In bocca sento l’odore dolciastro del sangue. Stringo i denti. Quel disgraziato non deve rendersi conto che sono più di là che di qua.

“Parla! E’ l’ultima volta che te lo chiedo con gentilezza”, gli dico tutto d’un fiato, sputando veleno sulla sua faccia da topo di fogna.
“Bachir rischia e tu sei…”, sputa infine, con un filo di voce.
Gli rifilo un altro pugno che lo piega in due.
“Senti, gran pezzo di merda, o parli o ti faccio secco qui.”
Gli lacrimano gli occhi, e non solo per via del dolore. Vedo bene su quella sua faccia da topo che mi crede.
“Sei alle corde”, raschia con la gola. Se la sta facendo sotto, ha paura.
“Parla!”
“Bachir parla”, capitola.
“Avanti, racconta… poi avrai quel che ti spetta.”
Bachir si apre in un sorriso tanto maligno quanto avido, poi sputa quel che sa: “I poliziotti ti vogliono. Ce l’hanno su con te, vogliono fartela pagare. Il perché Bachir non lo sa ma lo immagina.”
“Questo lo so”, dico io fingendo una pazienza che in realtà non ho.
“Bachir sa che la donna è stata portata dentro, nella tua tana.”
“So anche questo. Chi ce l’ha messa? Lo sai questo, Bachir?”
“Bachir sa che erano in due. Non parlavano come me e te… ucraini o russi, sicuro.”
Inghiotto amaro. La faccenda si complica, troppo.
“Che altro sai?”
“Hanno fatto il tuo nome.”
“Li hai visti tu, con i tuoi occhi, Bachir, o queste stronzate le hai sentite da qualche cesso come te?”
“Bachir ha visto e sentito, nessun altro. Solo Bachir.”
Non mi viene d’istinto credergli.
“Bachir, tu sei sempre fatto, non ti accorgeresti nemmeno se ti inculassero, non raccontarmi cazzate. Chi ti ha passato queste informazioni?”
Il maghrebino sbianca.
“Avrai quel che ti spetta, se è questo che ti preoccupa. Ma devi dirmi chi ti ha visto e sentito”, gli sibilo dritto sul muso.
“Salgari”, ammette in un sussurro appena udibile.
“Salgari, il venditore di Bibbie?”
Fa un cenno d’assenso con il capo.
Gli caccio in bocca due pezzi da cinquanta.
“Tieni il becco chiuso”, lo avverto prima di squagliarmi.
Non è buono, se c’è di mezzo Salgari, Carla doveva essersi cacciata in guai davvero grossi. E li ha lasciati a me.

(c) Tutti i diritti riservati / All Rights Reserved 

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cultura, gialli noir thriller, Iannozzi Giuseppe, letteratura, narrativa, romanzi a puntate, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.