Chi salva una vita salva il mondo intero. Scrittori e poeti per la Giornata della Memoria

Chi salva una vita salva il mondo intero

Scrittori e poeti per la Giornata della Memoria

chi salva una vita salva il mondo intero

«Chi salva una vita salva il mondo intero».

dal Talmud

«[…] io, il non credente, e ancor meno credente dopo la stagione di Auschwitz […]»

«Devo dire che l’esperienza di Auschwitz è stata tale per me da spazzare qualsiasi resto di educazione religiosa che pure ho avuto. […] C’è Auschwitz, quindi non può esserci Dio. Non trovo una soluzione al dilemma. La cerco, ma non la trovo.»

Primo Levi

«È un’epoca di semplificazioni. La gente si aspetta risposte semplici e non teme più di sembrare estremista. Ottanta anni fa avevamo paura di Hitler o di Stalin.»

Amos Oz

«Ci vuole molto tempo prima che le persone trovino la loro faccia. Non sembrano nate col loro viso, la loro fronte, il loro naso, i loro occhi. Acquistano tutto con l’andare del tempo ed è una cosa lunga, bisogna aver pazienza.»

Joseph Roth

«Idioti ideologici! Il terzo grande fallimento ideologico del ventesimo secolo. È sempre la solita storia. Fascismo. Comunismo. Femminismo. Tutti progettati per indurre un gruppo di persone a scagliarsi contro un altro gruppo. I bravi ariani contro le altre razze cattive che li opprimono. I bravi poveri contro i ricchi cattivi che li opprimono. Le brave donne contro gli uomini cattivi che le opprimono. Il depositario dell’ideologia è puro, buono e pulito, e gli altri sono malvagi. Ma lo sai tu chi è davvero malvagio? Chiunque pensi di essere puro è malvagio!»

Philip Roth

«C’è negli uomini un impulso alla distruzione, alla strage, all’assassinio, alla furia, e fino a quando tutta l’umanità, senza eccezioni, non avrà subíto una grande metamorfosi, la guerra imperverserà: tutto ciò che è stato ricostruito o coltivato sarà distrutto e rovinato di nuovo; e si dovrà ricominciare da capo.»

«Quanto sarebbero buoni gli uomini, se ogni sera prima di addormentarsi rievocassero gli avvenimenti della giornata e riflettessero a ciò che v’è stato di buono e di cattivo nella loro condotta! Involontariamente cercheresti allora ogni giorno di correggerti, ed è probabile che dopo qualche tempo avresti ottenuto un risultato.»

Anna Frank

«Vorrei poter dire tutto quello che c’è da dire in una sola parola. Odio tutte le cose che possono accadere tra l’inizio di una frase e la sua fine.»

«Voi che oggi costruite altri altari/ Per sacrificare altri figli/ Dovete smettere di farlo./ Una macchinazione non è una visione/ E voi non siete mai stati tentati/ Da un demone o una divinità./ Voi che li sovrastate oggi/ Le vostre accette spuntate e insanguinate/ Voi non c’eravate prima/ Quando giacevo sulla montagna/ E la mano di mio padre tremava/ Della bellezza della parola.»

Leonard Cohen

«Una delle forme più odiose di antisemitismo era appunto questa: lamentare che gli ebrei non fossero abbastanza come gli altri, e poi, viceversa, constatata la loro pressoché totale assimilazione all’ambiente circostante, lamentare che fossero tali e quali come gli altri, nemmeno un poco diversi dalla media comune.»

Giorgio Bassani

«Ah, voi Gentili! Non romanzate troppo sull’ebraismo! Avete preso questo ebreo che andava oltre i confini con l’intelletto, ne avete fatto un simbolo! Ma noi abbiamo pagato un prezzo altissimo a questo. E allora dateci la soddisfazione di vivere dentro questi confini territoriali!»

Abraham Yehoshua

«Il nazionalismo mostra, come la nevrosi, il rovescio della medaglia; attraverso l’esasperazione di un sentimento così naturale nell’uomo come l’amore per il proprio paese, il principio della sua negazione.»

Umberto Saba

«La libertà è qualcosa che incute, veramente, terrore. E così pure la modernità. Questo è ciò che ha reso sconcertante e mostruosa, agli occhi del mondo, l’America. Ed è anche ciò che ha reso certi paesi, agli occhi degli americani, disperatamente noiosi, monumentalmente plumbei.»

Saul Bellow

«L’unica speranza del genere umano è l’amore nelle sue varie forme e manifestazioni, la cui unica fonte è l’amore per la vita, il quale, come sappiamo, cresce e matura con gli anni.»

«La cultura ebraica non è una sorta di erba selvatica che cresce per conto suo. È un giardino che si deve curare di continuo. Quando il giardiniere se ne scorda, o decide di scordarsene, le piante avvizziscono.»

Isaac Bashevis Singer

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in aforismi, arte e cultura, attualità, citazioni, cultura, poeti, scrittori e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.