SONO IL PICCOLO EBREO

SONO IL PICCOLO EBREO

Iannozzi Giuseppe

Henry Matisse - Woman with hat

Sono il piccolo Ebreo che a mano ricopia i libri proibiti,
sono il ladro che entra nella casa del suo miglior amico,
la mano che per fame taglia la gola al bue e all’asinello
Sono il poetastro che della Bibbia ben poco ha compreso,
l’Ebreo Errante che bussa alle porte della fortezza Bastiani,
il vecchio usuraio che al mercato compra una fanciulla
perché è sempre troppo lunga la notte senza nessuno accanto

Quando mi avete incontrato sulla vostra strada
l’ho detto chiaro e tondo:
“So bene chi sono, non sono perfetto.
Ma voi! Dentro di voi si annida il buio più buio”
Lo ripeto, lo ripeto, ve l’ho detto chiaro e tondo,
ed era solo ieri

Non avete compreso,
dubito capirete oggi la drammaticità della verità:
non basta illuminare il cielo con una lampadina
per dire se Dio c’è o non c’è

Ho distrutto una dopo l’altra le vostre strane immagini,
e ho calpestato gli orrori coltivati nei vostri giardini;
siete venuti a lamentarvi, ma non vi ho dato un soldo
Chiaramente, non avete compreso

Ho dato al fuoco le mie poesie,
quelle che ritenevo belle, e ho lasciato che
il vento soffiasse via la loro cenere
Lo ripeto, lo ripeto, ve l’ho detto chiaro e tondo,
ed era solo ieri:
“Non inquinate chi sono con la vostra vanagloria”
Non avete compreso, non avete compreso,
e dubito che un giorno capirete

Quando mi avete incontrato sulla vostra strada
l’ho detto chiaro e tondo:
“Conosco i miei limiti, voi non conoscete i vostri”
Non avete proprio digerito la mia verità,
e oggi gridate ai quattro venti che non ho detto il vero,
e cercate di invertire del fiume il senso della corrente

Non avete capito, non capirete mai

Ho fatto la mia scelta, ho fatto la mia scelta
Vi ho dato le spalle per cercare di capire le stelle
con il poco talento che riconosco d’avere
Vi ho dato le spalle per continuare il mio viaggio,
tenendo per mano la fanciulla di cui ignoro il nome

Ho fatto la mia scelta, ho fatto la mia scelta

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, poesia, società e costume e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.