quarantasette

quarantasette anni

Iannozzi Giuseppe

Charlie Brown da grande - Iannozzi Giuseppe

Il poeta illude – e s’illude:
uguale è a un giocoliere,
più spesso a un prestigiatore
che con la Bibbia in mano
crede di poter far miracoli
e altre stramberie così.

Gli vengono presto gli anni
a reclamare il pesante dazio
per gl’istanti di gioia portati
in illusione a un po’ tutti,
quasi non avesse mai avuta
coscienza et esperienza
che dar per dare inutile è,
inutile vanteria. Così il capo
infine china, più piccolo
d’un clown, e in solitudine
attende egli che la falce
gli porti via dalle pupille
le lacrime gentili.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in Iannozzi Giuseppe, poesia, Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a quarantasette

  1. romanticavany ha detto:

    Che cosa piangi,il compleanno va preso con leggerezza e altrettanta serietà.Tu sei come una barca salpata 47 bellissimi anni fa,che si lasciano spingere dalle onde in mezzo al mare,un mare a volte calmo,a volte in burrasca.
    Un giorno per tutti prima o poi ci sarà il naufragio,non preoccupiamocene.Tu per ora hai il vento in poppa.
    Ti auguro tanti bellissimi anni futuri,tanta salute, tantissimo lavoro e di amarti e rispettarti perché tu solo puoi farlo bene;ti auguro di essere amato, ammirato e stimato.

    -AUGURI BUON COMPLEANNO- 🙂

    Piace a 1 persona

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Mi fai sempre venire il sorriso, Violetta. ❤
    Hai ragione, prima o poi toccherà a tutti di andare a bussare alle porte del paradiso, diciamo così. Per il momento ho 47 anni e secondo me sono vecchio. Vorrei poter tornare ai miei 30 anni, ma non è possibile, per cui dovrò accontentarmi e tirare avanti vecchio come sono, con i miei alti e bassi.

    Mi hai fatto degli auguri bellissimi, da incorniciare. ❤
    E io auguro a te di restare sempre così, dolce e bella dentro e fuori.

    King

    Mi piace

  3. romanticavany ha detto:

    🙂

    Piace a 1 persona

I commenti sono chiusi.