AI CONFINI DEL MONDO

AI CONFINI DEL MONDO

Iannozzi Giuseppe

old man

In bocca
davvero pochi denti,
e la barba bianca bianca,
e le spalle curve,
dolenti,
e in tasca niente
di niente,
forse soltanto
un po’ d’aria stantia;
non è rimasto granché
dell’uomo che fui:
ricordi e dolore
si mischiano
alle macerie
di questa città
che non riconosco più;
e la donna
che ho amato
più di me stesso
sta da tempo
in una tomba
ai confini del mondo,
e i miei piedi,
ossuti e piagati,
non ce la fanno
a muovere
più di qualche passo;
mi consolo,
sono un vecchio
con lo stomaco scavato,
e presto tirerò le cuoia,
e finirò anch’io
sottoterra,
e raggiungerò
il mio amore,
e non sentirò più
l’inferno che le bombe,
ogni santo giorno,
esplodono qui
dove io sto,
dove muoiono donne
e giovani innocenti.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, poesia, società e costume e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.