Sherlock Holmes e il caso del secolo, il nuovo romanzo di Roberto de Marinis traduce i lettori nel cuore dell’Età Vittoriana

Sherlock Holmes e il caso del secolo

ROBERTO DE MARINIS

Un romanzo di puro intrattenimento che ci traduce nell’Età Vittoriana

Iannozzi Giuseppe

Roberto de Marinis - Sherlock Holmes e il caso del secolo

Non dico sempre, ma qualche volta capita d’imbattersi in un libro che non ha pretese letterarie e che proprio per questo ti incastra dentro alla sua trama. Oggigiorno si scrivono tanti e tanti libri, forse troppi, cosicché riesce difficile per il lettore – ma anche per il critico più navigato – riuscire a trascorrere un po’ di ore liete leggendo una storia, che non nasconda fastidiosi ammiccamenti politici e/o filosofici. Non è quasi mai facile trovare un libro che sia di puro intrattenimento e basta.

Ultimamente, su consiglio di Isabella Difronzo,  ho avuto modo di leggere un libro che ha la sola sana presunzione di voler intrattenere il lettore, Sherlock Holmes e il caso del secolo. Roberto de Marinis è l’autore di questa nuova avventura di Holmes, personaggio creato da Sir Arthur Conan Doyle sul finire del XIX secolo. Nel corso degli anni, Holmes è diventato un personaggio che in tanti hanno ripreso in mano per farne materia adatta al cinema, al teatro, alla narrativa, ma non sempre i risultati sono stati lodevoli o degni di nota. Sherlock Holmes appartiene all’immaginario popolare già da un bel pezzo, per cui è facile che si cada in tentazione, quella di tradurlo, per l’ennesima volta, in un caso più che mai incasinato. Un bravo scrittore sa resistere a tutto, ma non alla tentazione di ridare vita a Sherlock Holmes e al suo compagno di avventure, un certo John Watson di cui, ne sono sicuro, tutti ne avrete sentito parlare.

Roberto de Marinis dà nuova vita alla coppia più affiatata della letteratura e lo fa con un piglio originale e personale, che non intende scimmiottare lo stile di A.C. Doyle. L’autore di Sherlock Holmes e il caso del secolo scrive un giallo intricatissimo ambientato a Londra, nel 1899. Mancano pochi giorni perché si entri nel XX secolo, ma, all’improvviso, un certo Wells fa la sua entrata in scena. Wells reca con sé un orologio e chiede a Holmes di aiutarlo a ritrovare una donna sui trentacinque anni, sua sorella Helèna. Herbert George Wells spiega ad Holmes che sua sorella sta fuggendo da un uomo, da Jack lo Squartatore.

Sherlock Holmes e il caso del secolo è un romanzo originale, e il perché è presto detto: per la prima volta Holmes incontra Jack the Ripper. Questo assassino seriale (realmente esistito) avrebbe iniziato la sua opera intorno al 1888. Ufficialmente  gli sono state attribuite cinque vittime, ma gli studiosi ricondurrebbero a Jack the Ripper una attività criminale ben più ampia.
Roberto de Marinis dà alle stampe un romanzo più che godevole, che ha un solo preciso scopo, quello di far divertire il lettore traducendolo nel cuore dell’Età Vittoriana. Elementare, miei cari lettori!

Sherlock Holmes e il caso del secoloRoberto de MarinisLibritalia Edizioni – Pagine: 316 – ISBN: 9788899693503 – Prezzo: 10 €

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA, ACQUISTA DALL'EDITORE, ACQUISTA ONLINE, arte e cultura, attualità, consigli letterari, critica letteraria, cultura, editoria, fiction, gialli noir thriller, Iannozzi Giuseppe, letteratura, libri, narrativa, recensioni, romanzi, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.