Non dimenticherò che mi hai dimenticato

Non dimenticherò che mi hai dimenticato

ANTOLOGIA VOL. 47

Iannozzi Giuseppe

Caravaggio - Morte della Madonna (particolare)

IL GHIGNO DELLA TEMPESTA

Voi che danno alle donne recate
ai vostri lombi incatenandole
come schiave e pezze da piedi,
in virtù di quale folle illusione
credete che il Nome e il Cognome,
che a fuoco vi marchiano la fronte,
non siano riconoscibili o conosciuti
alla giustizia umana e divina?
Sì sicuri di voi, violenza usate
credendo il silenzio più duro
del diamante; eppur così non è,
lo sanno quanti tutto han lasciato,
affetti e beni materiali mal acquistati,
nel giro d’un batter di ciglia.
Voi ancora a piede libero,
possibile siate sì tanto ciechi
da non capire che, presto o tardi,
tutti alla pecorina in gattabuia
per maniche di pervertiti assassini?
Mai in eterno dura il silenzio;
quando poi della tempesta il ghigno,
finalmente felice distoglie Dio
lo sguardo, ché non conosce
pietà o misericordia la Giustizia.

NON RICORDO DOVE E QUANDO

Non ricordo dove e quando
Il sole che nasce, che nasce
Il sole che muore, che muore

Caduto è un uomo
senza un lamento;
gli ha fatto da cuscino
il sogno ch’era suo

Non ricordo come e perché
Ma questa rosa di sangue
Ma questa medaglia sul petto
non più sveglio al desiderio

E sugli spalti a teatro
s’applaudiva la vanità;
perdeva lacrime una donna
nella tragedia ingessata

Non ricordo niente
Più niente m’è il ricordo
Fa però qui tanto freddo
Questo quel che sento

LE BALLERINE SONO ANDATE

Le ballerine
sono andate
Il becchino ubriaco
ride e scava
Una nuvola di gente
scorta una piccola
piccola bara bianca
La fossa
puzza di gesso

& quando
l’ubriaco cala
la bara
dalla fossa s’alza
come una nebbia
Resiste
qualche istante
nell’aria
Poi più niente

ACQUA SANTA

Non ti amerò
perché sei tu a comandarlo
Non cercherò le tue labbra
né ringrazierò le lacrime che un dì versasti
nella tinozza dell’acqua santa sotto la Croce

Non dimenticherò
che mi hai dimenticato
per un capriccio di gabbiani
e un batter di mani a teatro
Non ti perdonerò d’avermi amato
sempre a modo tuo per il mio bene
Sempre a modo tuo per il mio bene

Adesso mi lasci intendere
che vorresti…
che sei pentita o giù di lì

Butta giù quel grattacielo,
i faraoni alle scrivanie dietro
alle loro babeliche torri di burocrazia
Butta giù il telefono
e dimentica d’esser legata
alla condanna d’un numero

Questo ti consiglio,
vieni poi a me accanto;
e vedremo se per noi
qualcosa si può ancora fare,
anche se non so davvero
dimenticare

MEDIOCRITÀ

Mediocre d’intelletto,
in ogni angolo
abbondante di oppio e di alcol
filosofeggiava d’amor di letto,
contando sulla punta delle dita
le conquiste, le violenze…
le sconfitte
perché fossero materiale
per un libro di refusi

PIRATA

Il mondo d’attorno
l’ho guardato
con un occhio solo,
sempre cercando
fra travestiti e marinai
chi fosse il più nero,
chi il più maledetto

Sonnecchiando,
a ogni rumore attento,
spazzando via
dalla burrasca
mille e più maledizioni,
sa la notte
per quanti mari
ho navigato
affrontando fantasmi
e ciclopi dimenticati

Han le sirene spalancato
l’occhio mio buono
su livide albe,
su cieli divisi in due
e spiagge di cadaveri lastricate
Non è però mai tornata
Lei, l’amata mia guerriera,
né la conta degli sconosciuti
Sol le onde han bagnato
dei morti in battaglia i piedi
cancellando loro il nome,
portandogli via l’anima
o quel poco che ne restava

DIO DI KARATE

Ho cercato per una vita intera Dio
E quando l’avevo fra le mani,
– il suo collo ben stretto -, l’ho perso
E’ poi solo questo il motivo
che m’ha spinto a imparare il karate

VIVI QUALCUNO
(prima versione)

Amami oggi, amami sempre di più,
lascia lontane da noi le confusioni
che da mane a sera regnano sovrane
in certi mercati sol ricchi d’inflazioni
Amami e amami fino in fondo,
senza mai perderti nei pensieri tuoi

Hai letto a letto tutti i romanzi rosa
e quelli che parlano di guerra,
e ti sei commossa fino alle lacrime
per ogni fila di uomini caduti
nei dispetti dei loro inutili sogni

E così, oggi, sciogli i capelli e sorridi
felice d’esserti lasciata alle spalle
il pianto delle notti buie e insonni,
perché adesso sì, hai un amore

VIVI QUALCUNO
(seconda versione)

Amami oggi, amami sempre di più,
lascia lontane da noi le confusioni
che da mane a sera regnano sovrane
in certi mercati sol ricchi d’inflazioni
Amami e amami fino in fondo,
senza mai perderti nei pensieri tuoi

A letto hai letto tutti i romanzi rosa
e quelli che parlano di guerra,
e fino alle lacrime ti sei commossa
per ogni fila di uomini caduti
nei dispetti degl’inutili sogni loro

Così, oggi, sciogli i capelli e sorridi
felice d’esserti lasciata alle spalle
il pianto delle notti buie e insonni,
perché adesso sì, vivi qualcuno,
un uomo più o meno umile,
perfetto in quelle sue imperfezioni
che sai decifrare

VIVENDO SU UNA STELLA

Mi permetti di volare insieme a te,
di attraversare il siderale
senza mai trovar riposo su una stella
perché nel nostro cuore già una più bella?

Mi permetti di riposare
sul tuo cuore?
…come uno che è appena nato
e del male e dell’amore nulla sa
se non che ha fame d’un seno,
di latte materno, e in gola un gemito
e un piccolo pianto già pronto
a straripare dagli occhi…

UNA NOTTE ALL’OPERA

Non finirà, non tanto presto
La luna è alta, il sangue è dolce
Pallida sei tu, assetato io

Non mi hai dato una buona ragione
per non lasciarti cader di brutto, in fondo
e più giù, nel baratro dei miei occhi neri

Hai visto troppo e sempre troppo poco
Hai capito che aldilà di me altro non c’è
Ti spaventa il niente, eppur mi ami
come si ama il proprio riflesso
in mille triangoli di cristalli parigini

Sono innamorato più del solito
e tu hai un’aria così… così tisica

Non finirà, non tanto presto
O forse sì
Hai un’aria sì patita in questi giorni
Il freddo, lo chiami sempre
quasi volessi costringerlo
a diventar la tua seconda pelle
Quando t’accarezzo tremi, tremi

Forse sì, finirà presto questa notte
prima delle altre; e da solo resterò
ad aspettare l’alba al di là dei monti

SE TI LASCIO

Se ti lascio
andare
& domani
la luce
filtrerà
attraverso
le commessure
delle serrande
trafiggendo
la fotografia
del tuo volto
nella cornice
allora
avrò perso
la vita
insieme a te

AMAMI UNA, DUE VOLTE

E’ il cielo in cerca d’un rifugio
A me sempre manca il coraggio
di tagliare la coda alle lucertole,
e continua a darmi fastidio la luce
Dal collo in giù, amami una,
due volte o di più

Son cigni i ballerini, lo fanno bene
Sull’amante volano, lo feriscono
con passi leggeri, astuti di tecnica
s’inventano volti più bianchi della cera
Li amano le donne, alla follia li amano,
gentiluomini due volte li credono
Giovane donna, fammi divertire,
mostrami il bianco dei denti
E amami una, due volte

Dal volto ti sei levata la maschera
Inconsolabile Eschilo
Più non gli basta il jazz,
più non gli fa effetto il whisky
Tragico corre dietro ai ballerini

E amami una, due volte o di più

Sei bella, bella dal collo in giù
E il cielo non ha trovato un rifugio
Dal collo, dal collo in giù il miele
Raccogli le mie mani, abbi cura di me,
e non fiatare: in cielo già sporge
un buco nero, lo vedi anche tu!

Di buchi neri è ormai gravido il cielo
Ma tu amami, dammi quel che hai
dal collo in giù, dal collo all’inferno
E amami una, due volte o di più

SILENZIO DI RASOIO

Sento anch’io
il bisogno
di parole dolci
che mi facciano
cadere in ginocchio
in segno
di profondo
ringraziamento

Più non reggo
il lamento mio
e quello più lungo
degli stranieri
A lungo
dai miei occhi
le cascate del Niagara,
e il morso del deserto
dentro all’anima mia
non è mutato

Più non ho parole
che siano di giustizia
Se i giorni ancora così
le labbra taglio via
con un colpo di rasoio
E in silenzio
il mio amen

DOVUNQUE IO E TE

Se le stelle in cielo alte all’unisono esplodono
e quaggiù non c’è un solo raggio di luce,
un altro uomo è però sulla spiaggia a piedi nudi
che trema e prega per un amore che è d’indecisione
Tutto quello che saremo è perché siamo stati

Puoi non credermi,
ma ognuno di noi ha una ferita
da curare che si porta dentro

Se rimetto le mie mani nelle tue
tu piangi insieme a me,
e le onde increspano il mare

Puoi non credermi,
ma ognuno di noi ha un segreto
che non intende spiegare
neanche a se stesso

Se una stella esplode e cade
al di là della linea dell’orizzonte
che solo immaginiamo ci sia,
rimaniamo oggi soltanto io e te,
e le impronte sulla sabbia
a inseguirci ovunque domani noi saremo
mano nella mano o no

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, arte e cultura, attualità, cultura, eros, Iannozzi Giuseppe, passione, poesia, società e costume e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Non dimenticherò che mi hai dimenticato

  1. romanticavany ha detto:

    Sei troppo Bravo. Confondi.

    Dolce Domenica pomeriggio 1 Bacio ♥

    Piace a 1 persona

  2. Lady Nadia ha detto:

    Molto belle, Beppe. Ciao.

    Piace a 1 persona

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Grazie, Angioletta. Ma comincio a credere d’esser più bravo a confondere che non a poetare. 😉

    ❤ Bacio a te. Sempre King.

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Un giorno forse si dirà che scrivevo poesie e che poi sono cresciuto. 😉 Grazie, Nadia.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.