ANTOLOGIA VOL. 4

ANTOLOGIA VOL. 4

Iannozzi Giuseppe

little buddha

NON NE SONO STATO CAPACE

Terrò vivo il silenzio
Ogni tenerezza ha visto il centro
dell’Occhio del Grande Cinico,
e le suole bucate rimangono bucate

I tesori raccolti ieri
giacciono adesso in fondo al mare
coi fantasmi che m’hanno conosciuto

Troppo tardi
per cercare un altro porto
e un’altra donna da amare

A menadito conoscono i morti il futuro,
a chiare lettere è vergato nel Libro del Giudizio
E lungo le strade non uno che parli chiaro,
e tutti lo sanno di non avere scampo,
tutti lo sanno e tacciono

Alle Idi di Marzo ogni cosa avrà compimento
Se qualcuno può trarsi fuori da questo impiccio
lo faccia ora e non si guardi alle spalle
In fondo, in fondo lo sapevamo dall’inizio
che Dio avrebbe baciato l’anello di Lucifero
Aveva visto giusto il vecchio Charlie
anche se aveva un bordello in testa
e nemmeno una nota di coraggio
per gli Scarafaggi

Ma ancora canta il Fantasma dell’Opera
Non è cambiata la sua voce
nel corso dei secoli

Sarei dovuto andarci cauto
coi movimenti di Marte
Sarei dovuto andarci cauto
E non ne sono stato capace,
non ne sono stato capace

NO CRISTI ZEN

Non seguendo le mode,
con il sacco in spalla
in giro per il mondo,
lontano da croci e cristi,
prodigo di sorrisi
per un frivolo piacere
che tu, chino
sul tramonto dell’Occidente,
non puoi concepire,
solletico la panza che cresce

1. “Hai baciato molti morti?”
Risposi: “Molti. Uguale è il ventre
che ci dà alla luce e alle tenebre.”

2. Lei era bella, la più bella
che i miei occhi abbiano mai cercato:
per questo grave motivo, Dio!,
ho smesso di chiedere e credere.

3. Quando domandai loro perché fossero venuti da me, prontamente stesero le mani mostrando i palmi nudi. Offrii loro baccelli e frustate in abbondanza. Fu un giorno felice come pochi.

4. Mi disse solamente che avrebbe avuto piacere di. Ma la mia bocca tacque un .

5. Per un breve periodo non scrissi una sola poesia. A quel tempo ero un angelo, senza peccato né pensiero, scagliato per puro sbaglio sulla Terra.

6. Sull’azzurro del lago il cigno, bianco, sotto lo sguardo della pallida Luna. Tutta eleganza.

7. Ascoltando le tue storie non ho potuto far a meno d’invidiare il lato in luce della Luna.

8. Come tutte le donne (amate), in me hai scorto la possibilità d’un poeta: per questo ho pianto oramai cieco della serenità.

9. Fanny mia dolce, se sol tu potessi scassinare il turpe meccanismo della malattia che a ogni ora m’inghiotte nelle brume di Londra… sarei scandalo sulle tue labbra incontaminate.

FRA LE TUE GAMBE POETA

In un giorno di freddo qualunque,
in mezzo alla nebbia della mezza,
sognante e piangente,
mi chiedesti d’esser il tuo poeta
Ti dissi che di spine si nutre la bellezza
e che mai han saputo le mie mani
raccogliere delle rose la finezza spinata
senza violarle

Per questo, per questo hai benedetto l’uomo
e mandato al diavolo la scimmia della mia cultura

Non sei cambiata da allora,
sogni ancora a occhi aperti
come un’ape d’oro in cerca
della primavera

In un giorno qualunque
che il crepuscolo ci baciava,
rimproverasti alla mia anima
di non conoscere
le profonde conseguenze
delle verità taciute

Per questo, per questo ho amato
la saggezza nella scollatura del tuo petto,
continuando ad adorare maniaco
le tue labbra rosse rosse

Mai ho avuto il coraggio di confessarti
che amavo ieri credermi il più maledetto

In un giorno qualunque, né caldo né freddo,
all’ombra della chiesa dei sacri tuoi avi,
rossa di rabbia, sicura di te come una dea,
sulla mia fronte della volgarità scorgesti il segno
Da quel momento non ci fu più spazio
fra le tue gambe per la tristezza d’un poeta

Per questo, per tutto questo ancor vago
di landa in landa in cerca d’uno spiraglio di luce
in tutta fretta fuggito da una porta aperta

DIALOGO COI MORTI

In tanti hanno cantato
di cuori infranti
con facce da clown
per andare avanti con lo show

Dimmi ora
come prosegue
il tuo Dialogo coi Morti
iniziato e mai terminato

Quando ci siamo conosciuti
avevo meno di te;
mi ritrovi oggi uguale
con meno ancora
e un teschio in mano,
come Amleto;
sai tu forse dirmi
come è potuto accadere?

Ho un’idea bizzarra
che mi stampa un sorriso
da orecchio a orecchio,
ma non riesco ancora a capire

Le rose nel roseto sacro,
che ieri coltivai con tanta cura
donando loro il letame migliore,
son venute su gravide di spine;
e a ogni nuova stagione
ne partoriscono in quantità maggiore

Ho dimenticato di pregare,
e non sono stato il solo
Ho interrogato troppo a lungo
il volto ossuto che domani
di certo anch’io avrò,
e non sono stato perdonato

Sai tu forse dirmi
quando terminerà
il mio Dialogo coi Morti?

NON AVREMMO DOVUTO

Con l’antico vestito nero
venne in un giorno di sole
che non sembrava possibile
Con freddezza
raccolse la mano infantile
Dietro di sé
lasciò tracce di sgomento,
fece poi in fretta la nebbia
a piombare su tutto l’intorno

Il palloncino giallo, gonfio di elio,
impiccato ai cavi elettrici
ancora oscura il disco del sole,
quasi a ricordarci
che ci fu inesperienza
e tanta incoscienza

Mai avremmo dovuto lasciarla andare
Mai avremmo dovuto lasciare
che per sempre con sé la prendesse

INCUBO DI CARNEVALE

Voglio il Cattivo Nome
Una maschera veneziana
di quelle in voga nei tempi antichi
Sono ancora qui che aspetto
il mio momento eterno

Vestivi un vestito
che commuoveva
lo sguardo sugli epitaffi
Io invece vestivo un incubo
– un sogno
che non ho saputo confessare

ANGELI DI COMPASSIONE

Mai hai compreso
degli angeli la compassione,
non hai compreso
che aveva un senso la Notte
quando
nell’orgia di me e di te
ieri affondava

Del Libro Sacro scontenta,
hai dimenticato
che a capo chino,
sotto lo sguardo della Luna,
si deve seminare l’argento
sfidando
del caos la malizia

Pensi solo a te,
al gesso scolpito male
sul modello delle tue ossa,
e trovi che è abbastanza,
fin troppo da sopportare:
non sei ancora capace
di restaurare dalle macerie
lo splendore dell’amore,
perde così valore
ogni antico valore
e niente è mai qualcosa,
niente è mai una costola di Dio

UNA FAVOLA DA BAMBINI

Addossato a una pila di libri traballanti,
leggeva un nano una favola da bambini,
leggeva senza pace e con sguardo fisso;
lo si sarebbe detto partorito dalle pagine
d’una storia di coltelli, nebbia e sabbia

D’un tratto però rumore sordo lo rapì,
così che il capo chino fu costretto a tirar su
subito raccogliendo in core gran spavento,
incontrando proiettata l’ombra sua gigante
addosso a persone e cose d’attorno

DOMANDA

Se d’attorno lo sguardo getto
su i tanti a urlare a squarciagola
presto si formula una domanda:
“E’ questo che cercavamo?”
In risposta babelico frastuono
forse e più di me ignorante

PENSIERO ED EMICRANIA

Non un’ora o due,
per giorni e giorni
le dura l’emicrania

Dura è, non si lascia
mover ad alcuna pietà,
insistente trapana
una tempia poi l’altra,
incurante
il nefasto suo lavoro
porta avanti;
e la vittima di turno,
per quanto di forte tempra,
s’abbandona
reggendosi la fronte,
malamente imitando
quel Pensatore famoso
nel marmo scolpito

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, arte e cultura, attualità, cultura, eros, Iannozzi Giuseppe, passione, poesia, società e costume e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.