Donne e fiamme per Leonard Cohen e Lou Reed

Donne e Fiamme per
Leonard Cohen e Lou Reed

Iannozzi Giuseppe

Leonard Cohen and Lou Reed

Maestro, mio Maestro L. Cohen

All’improvviso
un silenzio di silenzio
sul sogno della perfezione calato
Non era in programma,
non era proprio in programma
dimenticare l’impermeabile blu
in questa casa piena di poesie

Ma nel tuo tè una rosa d’amore
ha lasciato cadere Marianne,
ti sei così addormentato
cullato dal canto dell’Angelo,
dal magico suono della sua voce

Milioni di baci dimenticati,
naufragati e ripescati
dal Mare della Discordia
Ma sull’alba vigila la Colomba
costringendo lo sguardo di Dio
a un esame di coscienza
per una più profonda ispirazione

Non era in programma,
non lo era davvero,
così sul piatto della bilancia aggiusta
la tua domanda, e fallo adesso, adesso
perché è una questione al di là
delle possibilità della realtà,
lo sappiamo bene entrambi
Accorda il violino dell’Ebreo
che, al padre dimenticato
fra le lune delle calende greche,
non chiedeva mai pane né pesci,
e lascialo poi scivolare lontano
Lo sappiamo bene entrambi
che il discorso fra me e te
riposa in sospeso, sappiamo
che nulla mai si perde per sempre
sul pelo dell’acqua

Forse non ti ho mai raccontata
per filo e per segno tutta la verità;
e forse ho sbagliato ad amare
più di quanto fosse giusto
E queste poesie, queste donne
ripetono la mia cifra, ti ripetono
che soltanto per un pelo
non sono riuscito a chiarire il Nome,
Signore

Per questo, per tutto questo
con mani penitenti
fra il poco e il tanto
che al tempo rauco ho donato,
dal cavo della notte la mia voce scava;
e il famoso impermeabile blu
insieme al rasoio lascialo riposare
là dove giusto ieri l’ho dimenticato,
là dove con lo sguardo giusto ieri
l’ho incrociato

Meritiamo un attimo di rispetto

Tutto è pronto
Come sempre,
come sempre aspettiamo
che il cielo esploda
per nostro dispetto

Al punto cui siamo
meritiamo un attimo di rispetto,
un finale mozzafiato,
l’Aurora che ci illumini
da qui fino a Nuova York

A questo punto
segnato è il punto
sopra la coccinella nera
e la mano che ne sorregge
il cammino con illuso coraggio

I bicchieri da tempo vuotati,
i volti degli stranieri
senza uno straccio di faccia,
e, e le donne che non immaginano
che come sempre aspettiamo
che dalle porte delle chiese
escano allo scoperto urlando
del Sabbath milioni di tradimenti

Per dove

Per dove veleggia
il tuo cuore,
per quale entusiasmo?
Dir non si sa
se sia desiderio o destino,
non ora che il tempo si fa sabbia
fra i chiusi gusci delle mani.

E io qui a naufragare
coi miei baci di sale e di miele
mentre i dischi di Cohen
suonano la più triste canzone,
Suzanne.

Magnifici perdenti

Seduto a un tavolino francese
su un taccuino giallo le mie poesie;
ti faceva ridere l’idea, vedere
che dal sole al tramonto bersagliato
su asfalto e cemento
l’ombra mia ebrea s’allungava

Chissà se hai mai visto l’aurora sfaldarsi,
se sei stata mai sfiorata dal pollice di dio,
dall’implacabile sua tenerezza!

E dove sei ora, a cosa pensi,
non lo so
E che fai ora, a chi pensi,
non lo so
Forse ancor ridi di qualcuno
che nella Cabala si perde
sognando d’averla vinta sulla vita

Chissà se hai mai saputo di quell’uomo
che dal niente tirò su un faro abbandonato!
Chi sa quante cose, quante ancor non sai

Forse, forse solo ancor ridi di qualcuno
Forse ancor non comprendi il niente
e chi di te ha una disciplina più forte

Ricordo zoppo

Le pentole e i coperchi,
l’acqua bollente
e il mio violino zoppo su una corda:
te l’avevo detto che vivevo per questo,
non mi hai creduto
quando tutti i miei rossi petali
li ho persi nel vento della Piazza Rossa

Non mi guarderò indietro,
crollano i palazzi e i muri
e io voglio di più
Lo sapevi che vivevo per questo
E io voglio qualcosa di più,
non queste tristi copeche fra le mani
mentre mi penetra le ossa il freddo

Angela, guarda il mondo,
fissa poi i tuoi occhi dentro ai miei:
se ci vedrai falsità
allora abbandonami sulla strada;
suonerò il violino di città in città,
sarò straniero a ogni mio passo
e mai avrò una laurea ad honorem

Angela, chiudi la porta!
Fa freddo,
più di quanto osi immaginare,
e sempre qualcuno busserà,
dicendoti sono io il migliore;
tu non gli credere
quando accanto al fuoco,
fra le sue colte fiamme,
vedrai il ricordo
che alimenti a mia immagine
e somiglianza

Non mi guarderò indietro
Tutto crolla,
la vita giusto un soffio
Lo sapevi che vivevo per questo
Lo sapevi che altro non avevo da offrirti
Ti dico, chiudi la porta
Ti dico, apri il cuore alla vita
con un ricordo che sia sincero
Non fare come me
che lontano vado di città in città
Non fare il mio ricordo zoppo
più di quanto non lo sia già

Il tuo schiavo è qui

Il tuo schiavo è qui
Gli hanno comandato di obbedire,
di non mettere in disordine l’Egitto
Il tuo schiavo è qui,
ha solo riparato alla meno peggio
la sua vita,
perdendosi nei secoli

Quando cala la sera
accende milioni di candele
per disperdere l’oscurità,
per scorgere l’ombra della verità,
per non correre il rischio
che i secoli lo scalzino troppo

Il tuo schiavo ha visto,
ha visto tirar su piramidi di dolore,
ha visto cadere la gloria delle nazioni
A occhio nudo ha visto
amore e odio stringersi di nascosto la mano,
e ti può dire che in giro per il mondo
non molto è cambiato:
nei campi di concentramento
uomini donne bambini muoiono
scavandosi il viso nel filo spinato

Il tuo schiavo è sempre qui
Di tanto in tanto scrive le sue memorie,
nascondendole come meglio può
dalla malvagità degli occhi delle spie
perché non ha tempo da perdere,
perché ha ancora tanto da fare
nel tentativo di salvare una vita
che salvi il mondo intero

Adesso sì

Adesso sì,
cammini sull’altro lato
E chissà com’è
e come non è
Giù parlano di te
Ne dicono tante,
ognuno ha una verità
e una diversità
da sparare a bruciapelo

Adesso sì,
sei sull’altro lato
e non ti guardi indietro;
e se sì, è per un istante
– distrazione di passaggio
da qui all’eternità

Hai spento gli occhi
per un momento;
non immaginavi
sarebbe stato per sempre
Ma sei sull’altro lato
e cammini a passo spedito
Era una vita intera
che aspettavi di capire,
soltanto che non era giusto,
non era giusto il momento

Adesso sì,
sei sull’altro lato
e cerchi d’andare avanti
per vedere l’ombra di Andy
o quella della dea Nico
Ti hanno preceduto,
sono avanti a te,
e allora perché, perché
non incontri nessuno?

Cambia la carta

Se ti amo è una colpa?
E’ una colpa se ti amo
Vieni dolce però,
metti a nudo la mia fragilità
Vieni presto,
fammi sentire come non mai
Portami dentro e fuori
dalla mia percentuale femminile
Se ti amo, se ti amo
non farmene una colpa, sorella

Quando vieni così
penso sempre che ce l’hai!
Non posso fare a meno di pensare
che il meglio lo devi ancora dare
Non posso fare a meno di ricordare
come hai dato via le nostre scorte
a quei leccaculo del Greenwich Village
Avrei dovuto fermarti allora
Non ne sono stato capace
Preso dentro la tua anima nera
c’era solitudine di aghi e spilli

E tu mi ami anche se cambi
le carte in tavola sempre,
sempre più spesso di me

Elettroshock

Ti ho pensata spesso
Avevi quella fissa
Non meravigliato
scopro oggi che non sei cambiata,
vuoi ancora mettere a soqquadro
ogni uomo che ti passa fra le gambe

Vuoi vedere la pioggia cadere
o restare qui dove siamo?
L’elettroshock non ti ha cambiata,
non una virgola fuori posto
o un capello scomposto
quando per sesso prendi qualcuno

Cercami, cercami nella notte
Non ti basterà farmi i fanali
nonostante i tuoi occhi azzurri

La notizia

Settantuno nere colombe in volo
hanno perso le piume sbattendo
le ali a vuoto
Il sotto e il sopra adesso così uguali
Improvvisa è piovuta giù la notizia,
“Il poeta americano è scomparso
Caduto, forse rifugiato in un dove
dove più nessuno lo potrà scannare”

Potere oscuro

Un po’ goffo – problemi di fegato
Non si regge, sul palco inciampa
Un pericolo – problemi di giri malati
Da un angolo del buio prigioniero
qualcuno ha gridato “Morto, vedete?”

E sei risorto, lasciandoti alle spalle
la famiglia e le radici ebree,
cantando “Il mio Dio è il rock’n’roll,
un potere oscuro che ti cambia”

In mezzo alle fiamme, al neon

In mezzo alle fiamme,
al neon delle metropoli
con passo stanco
a lungo ho camminato;
spettri e venditori di fumo
hanno calpestato le mie tracce
Solo Poe ha consigliato bene,
fare una visita al cuore nel pozzo
e alla casa caduta degli Usher
ma non prima d’una bevuta di rum
Bambine sotto i sedici
vendono la verginità al primo
che gli dia la dritta giusta
per uscire da questo posto
La bicicletta e la caduta,
non c’è stato niente da fare
Quando arriva è così banale,
non trovi anche tu, Nico?

Il transessuale si regge la cistifellea
Me la offre in omaggio,
viatico per il viaggio
Raccomanda “coraggio”
Raccomanda una parrucca bionda
per non passare inosservato
Ho la netta sensazione di conoscerlo
Dice “le fiamme, le fiamme al neon
bruciano gli occhi prima dell’anima”
Non ho idea di cosa possa significare
Gli darò retta, non ha la faccia
di uno che sbaglia tanto per sbadigliare

Nebbia

Credo nei numeri,
i miracoli bare che non si contano
Un po’ di morfina, un po’ di morfina
per i miei due amici che non resistono
Non puoi leggere neanche un libro,
a pagina diciassette hai dimenticato,
sei costretto a ricominciare da zero
Non ho mai confessato ad alcuno
come ne sono uscito; il sapore del morso
cacciato in bocca non hai mai smesso
di mettere sotto l’elettricità il cervello

Padre, madre, grazie
Avete ucciso vostro figlio due volte
Nato nella nebbia e riportato nel suo grembo
perché dovevo essere un tipo a posto

Padre, madre, grazie
Ce l’ho fatta da solo
a imparare un linguaggio duro

Lulu

Partiamo dalla fine, Lulu
Ho fatto da apripista
contro la stupidità perbenista,
e cammino adesso sull’altro lato
Settantuno non sono pochi,
non sono molti, l’ho già detto:
credo nei numeri,
nei miracoli no

I cimiteri contano tante uguali a te,
strumenti del male e del destino
Dal circo un serpente in regalo,
poi in strada artigliata e sedotta;
e prigioniera in un lazzaretto,
e di nuovo prostituta di basso rango
Sei stata sempre dall’altra parte, Lulu

Facciamolo insieme l’ultimo cammino,
mano nella mano, come due amanti
Non è bastato cavalcare il serpente
Lo sapevamo entrambi
che non sarebbe stato sufficiente
Lasciamoci alle spalle questo posto,
nei secoli dei secoli, maledetto
Nei vicoli di Londra scorre il tuo sangue
e il mio fegato conta mille rughe, mille
Il Natale trova sempre il modo,
giusto o sbagliato,
di reincarnarsi contro, contro di te

7 Novembre

Posso, posso
non credere
in quell’altezza lassù
che dicono
abitata da un Dio
da sempre
un po’ così e così,
distratto,
forse annoiato,
dimentico di sé

Posso, posso
non amare
un’idea sbagliata,
l’umanità
secolo dopo secolo
in un uguale ripetersi
crocifissa

E posso… potrei
annoiare uno
e nessuno,
e una moltitudine
di geniali solitudini

E invece,
come un ebreo,
solo ripeto a te
il miracolo che
da sempre sai:
“Ti voglio bene,
a ogni sette
di novembre
ti voglio bene
un po’ di più,
mia Grazia”

Donne e paroleIannozzi GiuseppeIl Foglio letterario – ISBN 9788876066450 – pagine: 604 – 2a edizione © 2017 – prezzo: € 18,00

acquista Donne e parole 

Donne e parole, la pagina su Facebook:

https://www.facebook.com/donneparole/

Donne e parole - Iannozzi Giuseppe - Il Foglio letterario - 2a edizione

Acquista su Giunti al Punto

http://www.giuntialpunto.it/product/8876066454/libri-donne-e-parole-giuseppe-iannozzi

Donne e paroleAcquista online

Dall’editore:

http://www.ilfoglioletterario.it/Catalogo_Poesia_Donne_e_parole.htm

Su IBS:

https://www.ibs.it/donne-parole-libro-giuseppe-iannozzi/e/9788876066450

Su Amazon:

https://www.amazon.it/Donne-e-parole-Giuseppe-Iannozzi/dp/8876066454/

Su Mondadori Store:

http://www.mondadoristore.it/Donne-e-parole-Giuseppe-Iannozzi/eai978887606645/

Su LaFeltrinelli:

http://www.lafeltrinelli.it/libri/giuseppe-iannozzi/donne-e-parole/9788876066450

Su Unilibro:

http://www.unilibro.it/libro/iannozzi-giuseppe/donne-e-parole/9788876066450

Su Libreria Universitaria:

https://www.libreriauniversitaria.it/donne-parole-iannozzi-giuseppe-ass/libro/9788876066450

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA, ACQUISTA DALL'AUTORE, ACQUISTA DALL'EDITORE, ACQUISTA ONLINE, amicizia, amore, arte e cultura, attualità, consigli letterari, cultura, DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen, eros, Iannozzi Giuseppe, libri, libri di Iannozzi Giuseppe, libri di poesia, passione, poesia, società e costume, spettacoli e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Donne e fiamme per Leonard Cohen e Lou Reed

  1. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Be’, quelle dedicate a Leonard Cohen già le conoscevi. 😉 Non quelle dedicate a Lou Reed, pure lui di famiglia ebrea. E non a caso Cohen e Reed erano amici. Lo avresti mai detto? Due personaggi, in apparenza così diversi… eppure. Ci sarebbero tanti begli aneddoti da raccontare, ma casomai un’altra volta. Ti dirò che però entrambi, da giovani, stavano dietro alla stessa donna e nessuno dei due l’ha conquistata. Si trattava di Nico, all’anagrafe Christa Päffgen.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.