7 momenti

7 momenti

Iannozzi Giuseppe

buddha

I.

Qualche volta
accade che
notte venga
e non finisca
se non contro…
muri di nebbie

II.

Se fossi Donna
sarei Primavera
che bacia la Luna

III.

Rose ai tuoi piedi,
sorprese
che dimenticherai

IV.

L’anima d’un uomo
– se ce l’ha –
dentro alla sua
vuol sentirla una donna
che sia una donna
e non un avanzo di galera

V.

Rottura di lune
questo aspettare
su una panchina
una donna
che il cuore
l’ha bruciato
dentro a un sole
sospettato di nuvole

VI.

Ti ho dimenticata,
ti ho dimenticata
Puoi credermi,
sulla parola, sì
L’ho detto ieri,
e lo ripeto oggi,
te lo ricorderò domani
Ti serve forse
una proposta
indecente più di questa
per capire
che non si può capire
la verità
fra me e te?

VII.

Spreco d’energie
scrivere poesie,
come per mestiere,
come per dovere

Spreco d’anima,
peccato di vanità
come di puttana
che a tutti la dà
per avidità

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, poesia, società e costume e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a 7 momenti

  1. Lady Nadia ha detto:

    Brevissime e pungenti. Sì, pungenti proprio.

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Per non pochi versi, la poesia breve è difficile, bisogna infatti pesare ogni parola e ogni virgola, ogni pausa.

    Sì, sono piuttosto pungenti. 😉 Un po’ ungarettiane, quindi non prive di sentimento.

    Grazie.

    Beppe

    Liked by 1 persona

I commenti sono chiusi.