Per un sorriso camusiano – Appunti filosofici (1)

Per un sorriso camusiano – Appunti filosofici (1)

Iannozzi Giuseppe

Non mi meraviglio del quotidiano, non più. Pienamente esistenzialista, perfettamente per un sorriso camusiano che non si veda.

Esistenzialista. Se nulla ti aspetti di buono o di cattivo, qualsiasi cosa domani dovesse venire o non venire, la accetterai con un sorriso, senza sentimento di meraviglia o altro. Dei morti so qualcosa, dei vivi non so niente tranne quello che loro vogliono far sapere di sé, quasi sempre contraffacendo la realtà. I morti non sanno invece mentire, perché non possono, per cui meglio loro, i morti e sepolti che, pur non avendo voce, ti restano vicini senza estrometterti dalla loro morte, perché è la morte poi solo un altro modo di essere senza più essere nella prigione d’un corpo di vizi, di falsità e di fragilità infinite.

Albert Camus

Albert Camus

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in cultura, filosofia, Iannozzi Giuseppe e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.