Silenzio dopo silenzio il rasoio – Poesie bonus per Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen – Iannozzi Giuseppe – Il Foglio letterario

Silenzio dopo silenzio il rasoio

Poesie bonus per Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen

Iannozzi Giuseppe

Acquista DONNE E PAROLE. SULLE ORME DI LEONARD COHENIannozzi GiuseppeIl Foglio letterario – Collana: Autori Poesia Contemporanea – Edizione a tiratura limitata: novembre 2016 – Pagine: 604 – ISBN 9788876066450 – prezzo: 18 Euro

Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen - Iannozzi Giuseppe - Il Foglio letterario

Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen – Iannozzi Giuseppe – Il Foglio letterario

acquista

http://www.ilfoglioletterario.it/Catalogo_Poesia_Donne_e_parole.htm

Su Facebook la pagina ufficiale di DONNE E PAROLE:

https://www.facebook.com/donneparole

tristesse

Selezione di poesie bonus

Grazie a Dio

Grazie a Dio non sono poeta
e nemmeno un ciabattino
un tiranno o un condottiero
Per Roma nostra basta Nerone

Che fossi bravo
non ne hanno mai parlato
al telegiornale in televisione
Eppure tutta questa bellezza
che ai miei piedi se ne muore
qualcuno deve averla pensata
O è il disegno d’un aguzzino
tra cuore e amore un po’ santo

Meno d’un peto, ringrazio Dio
Sfamato a fagioli e illusioni
il vino più buono me lo versa
in un vetro d’osteria l’amor mio

E quello che scrivo io
a tarda sera nei vespasiani,
giuro!, non lo saprà nessuno
al mondo mai, grazie a Dio

Prima che sia immenso

Chiedi perché sto dando via il mio cuore
quando c’è in me ancora tanto amore
Vuoi sapere la verità
che sta al di sopra delle nuvole
Non ho mai avuto il coraggio
d’infrangere quella vecchia promessa
che feci a me stesso davanti allo specchio
Ma giunto è il tempo
che sia immenso senza se e senza ma
perché se rischio questa volta
non avrò un asso nella manica da giocare

Vuoi sapere perché sono triste
più di quanto un povero diavolo meriti
Ti dirò che sono andato in fondo alla questione
tanto tempo fa, e adesso cammino al tuo fianco
Vomitato dal grembo della Morte
sono risorto un po’ più cattivo di Belzebù
e un po’ più storto d’un Gesù di miracoli ubriaco
E’ che ho visto inabissarsi Atlantide
e i miei occhi hanno pianto cicuta
per Apollo e Socrate, per Dèi e Filosofi

Forse non è proprio quello
che avresti voluto sentirti dire
Non ho altro che questo, ricordi e macerie
Ricordi e macerie in abbondanza nel cuore,
e fra le mani, e devo disfarmene
prima che sia troppo tardi

Prima che sia troppo tardi
E’ tempo che diventi immenso
prima che il mondo al di là dello specchio
abbia il sopravvento sulla mia libertà
Ma se credi che una virgola meriti d’esser salvata
Se pensi che non tutti i punti segnati li ho sbagliati,
allora nelle tue piccole mani di gigli odorose coglili
e le ferite mai rimarginate scompariranno
sotto i miei e i tuoi occhi

Prima che sia troppo tardi
Prima che sia troppo immenso
Se c’è un ricordo
che merita d’esser salvato salvalo
sotto i miei e i tuoi occhi

Silenzio di rasoio

Vivo anch’io
il bisogno
di parole dolci
che mi facciano
cadere in ginocchio
con la faccia
spremuta
sul pavimento

Più non reggo
il lamento mio
e quello più lungo
degli stranieri
A lungo
dai miei occhi
le cascate del Niagara,
e il deserto
dell’anima mia
non è mutato

Più non ho parole
che siano di giustizia
Se i giorni ancora così
le labbra taglio via
con un colpo di rasoio
E in silenzio
il mio amen

Scrittore di lettere

Sai tu forse dirmi
dove andiamo?
M’han detto
che è la strada
lunga e insicura
Ho fede e tanta
nel racconto della gente;
non posso però fare
a meno d’allungare
il passo e scendere
giù in paese sfidando
nuvole luna e sole
per capire sul serio
se ancora io vivo
o se son qui morto
a scrivere lettere
mai inviate

Dovunque io e te

Se le stelle in cielo alte all’unisono esplodono
e quaggiù non c’è un solo raggio di luce,
un altro uomo è però sulla spiaggia a piedi nudi
che trema e prega per un amore che è e non è
Tutto quello che saremo è perché siamo stati

Puoi non credermi,
ma ognuno di noi ha una ferita
da curare che si porta dentro come un grido
fra qui e l’infinito

Se rimetto le mie mani nelle tue
Se ti penso sola con me come forse sei
tu piangi, e le onde che dal mare vengono
non bastano a lavar via questo sentimento

Puoi non credermi,
ma ognuno di noi ha un segreto
che si porta dentro per paura e solitudine
come una maledizione
da prima del peccato originale

Se il sole cade aldilà della linea dell’orizzonte
rimaniamo soltanto io e te con le mani legate,
e le impronte sulla sabbia a inseguirci ovunque
domani noi andremo

La donna mia

Di neve la donna mia;
ma quanta pazza tenerezza
sul latteo suo petto,
tale e quale a quello
d’un uccellino piccolino
dal paradiso fuggito.

Tu come gatta

Mi parli della tua gatta,
di quella volta
che per seguirla
ti sei presa una storta;
e di buon mattino
non t’eri alzata
col piede sinistro,
a rotoli però ben presto
tutta o quasi la giornata.
E mi racconti
di quanti conti
sempre a fine mese,
sì tanti che alla fine
par ch’ogni cosa
sia poi sol fumo.

Fra sbuffi e un sospiro
cogl’occhi ti dici stanca;
alla finestra appannata
con passo felpato t’avvicini,
dalla testa scacci via
un pensierino cattivo;
e il mondo di fuori spii
cercando tetti addormentati
e camini accesi che al tuo
un poco rassomiglino.

Amore Vampiro

Il tuo amore
come un vampiro
partito da spazi siderali,
infine arrivato
ha spezzato le mie ginocchia,
ha tagliato
i miei polsi ubriachi di fede,
ed è così che son caduto
perdendo di Dio il favore
imbrattando lo zerbino celeste
col rosso del sangue
indicando a Roma la strada
per farsi grande

Sospetto avessi conoscenza
di quante vite parallele
uno affronta col coraggio
che ha nella pancia
prima che sia l’aria a venir fuori
dalla bocca o da più in basso
là dove Belzebù ama esser baciato

E come Diogene
sol ti chiedo di scostarti dal sole:
non ha che silenzi infiltrati
e lunghe quaresime il tuo orecchio
E’ per questo
che non ho dubbio che il tuo amore
succhia via la vita mia
come un vampiro,
come un vampiro venuto
da un mondo lontano
creato prima di Dio e degl’altri Dèi

No, non chiedermi
di vivere ancora un momento o due
perché sia la mia testa a cadere

Straziato,
di questa festa stanco,
invitato per essere esposto
al pubblico ludibrio
anelo al piacere di riposare gl’occhi
perché sia la prossima notte
il mio sguardo affilato
capace di tagliare
in due metà perfette
il seno della Luna

Ti cerco

Ti cerco
sulla muta superficie della Luna
quando le notti sono buie
profonde di siderali segreti
Ti cerco
perché il tuo cuore batte
seguendo il ritmo del martello
sull’incudine
Ti cerco
perché come Maometto
passo dopo passo
arriverò alla montagna

Ti cerco
per vestirti di rose
Per graffiarti
a sangue la pelle di vergine non vergine
e scoprire che sei donna e dèmone
Il Demonio che c’è in me
a ogni nuova alba pretende un tributo;
e devo io resistere, tenere strette le redini
e non lasciare che questi cavalli
cadano proprio nel centro esatto dell’Averno

Ti cerco
perché ogni volta che vengo vengo con te
Perché ogni volta che vengo
un uomo che non sono io si strappa per te i capelli
e come un ossesso bestemmia

Ti cerco
perché Tu, Sposa del Diavolo,
prima di appartenere a Lui
sei stata creata da una mia costola per me

Perché leggere DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen

Al di là del fatto che questo volume, DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen, accoglie poesie mie, penso sia davvero un gran bel regalo da fare e da farsi, soprattutto oggi che la nostra società è sempre più avvezza al cinismo e alla cattiveria.
C’è tutto in DONNE E PAROLE: amore platonico, amore pensato, amore fatto con il corpo ma sempre con l’anima in gola, amore cavalleresco, amore sofferto, amore idealizzato, amore disperato, amore perduto, amore pianto e sofferto, amore come religione, piccole delusioni affettive, sogni d’amore, etc. etc.

Le poesie, scelte fra le migliaia che ho scritto nel corso degli anni (15 o giù di lì), sono state tutte riviste e corrette nel corso di un anno. La cifra poetica non la so, non spetta a me dire: posso però dire qual è stato il mio intento… quello di portare, a lettrici e lettori, della poesia di sostanza, di emozioni non riciclate.

DONNE E PAROLE è dedicato alle donne, a Tutte le donne che, nel corso degli anni, mi hanno seguito leggendomi ed emozionandosi. Ed è dedicato al Sommo Maestro, Leonard Cohen, cui tutto devo. 

Inutile negare che da sempre sono stato influenzato dalla poetica di Leonard Cohen, Francesco Guccini, Pasquale Panella, Franco Battiato, Roberto Vecchioni, Claudio Lolli, Cesare Pavese, Dino Campana, Gabriele D’Annunzio, Guido Gozzano, Federico Garcia Lorca, Hermann Hesse, William Blake, George Gordon Byron, John Keats, Edgar Allan Poe, William B. Yeats, Walt Whtiman, Jacques Prévert, Pablo Neruda, etc. etc. Chiunque avrà modo di leggere DONNE E PAROLE, credo non potrà non rendersene conto.
Al di là delle influenze poetiche masticate e digerite, in DONNE E PAROLE è evidente uno stile particolare, uno stile pienamente mio e originale che fa di me un autore lontano da un po’ tutti gli stilemi attualmente in voga.

Giuseppe Iannozzi

Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe

Quarta di copertina – DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen nasce dall’esigenza dell’autore, Giuseppe Iannozzi, di portare, per la prima volta, a quanti amano la poesia, una antologia della sua migliore produzione poetica.
L’autore ha quasi sempre rifiutato il titolo di “poeta”, nonostante sia stato detto tale in più di una occasione. DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen si prefigge lo scopo di accontentare lettori e lettrici che, nel corso degli anni, gli hanno chiesto di pubblicare un libro di poesie.
In questa antologia, che raccoglie testi scritti nel corso di quindici anni, senza mai dirsi poeta a tutto tondo, l’autore parla della grandezza, della bellezza e della stupidità che sono nell’amore.
Perché mai parlare e scrivere d’amore?
Forse perché, oggi più di ieri, l’amore non esiste se non nel cuore di pochi ingenui ribelli, che non si sono rassegnati all’idea che i sentimenti siano stati sostituiti, in via definitiva, da stravaganti surrogati ad ore, o da velenose inflazioni che dir si voglia.

Giuseppe Iannozzi (detto Beppe), classe 1972, è giornalista, critico letterario, editor e scrittore.

Nel 2012 ha pubblicato Angeli caduti (Cicorivolta Edizioni), nel 2013 L’ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta edizioni) e La lebbra (Il Foglio letterario), mentre nel 2014 La cattiva strada (Cicorivolta edizioni). Nel 2015 ha pubblicato Fiore di passione, una raccolta poetica autoprodotta e disponibile su Lulu.com (http://goo.gl/7fiaLo). Nel 2016 ha tradotto e curato Bukowski, racconta! (Il Foglio letterario). Ha inoltre curato l’editing di parecchi libri di narrativa e di saggistica per svariate case editrici. Attualmente si occupa dell’Ufficio Stampa de Il Foglio letterario (facebook.com/ilfoglioletterario/) e scrive per diverse testate online e la free press.

Sito web:

iannozzigiuseppe.wordpress.com

Facebook:

facebook.com/iannozzi.giuseppe

Twitter:

twitter.com/iannozzi

DONNE E PAROLE. SULLE ORME DI LEONARD COHENIannozzi GiuseppeIl Foglio letterario – Collana: Autori Poesia Contemporanea – Edizione a tiratura limitata: novembre 2016 – Pagine: 604 – ISBN 9788876066450 – prezzo: 18 Euro

Il Foglio letterario

http://www.ilfoglioletterario.it

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, Giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA, ACQUISTA DALL'EDITORE, ACQUISTA ONLINE, amore, arte e cultura, attualità, comunicati stampa, consigli letterari, cultura, DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen, eros, Iannozzi Giuseppe, libri, libri di Iannozzi Giuseppe, libri di poesia, NOTIZIE, poesia, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...