DAL FANGO FIORI DI LOTO – Poesie bonus per Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen – Iannozzi Giuseppe – Il Foglio letterario

DAL FANGO FIORI DI LOTO

Poesie bonus per Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen

Iannozzi Giuseppe

leonard-cohen-buddist

Acquista DONNE E PAROLE. SULLE ORME DI LEONARD COHENIannozzi GiuseppeIl Foglio letterario – Collana: Autori Poesia Contemporanea – Edizione a tiratura limitata: novembre 2016 – Pagine: 604 – ISBN 9788876066450 – prezzo: 18 Euro

Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen - Iannozzi Giuseppe - Il Foglio letterario

Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen – Iannozzi Giuseppe – Il Foglio letterario

acquista

http://www.ilfoglioletterario.it/Catalogo_Poesia_Donne_e_parole.htm

Su Facebook la pagina ufficiale di DONNE E PAROLE:

https://www.facebook.com/donneparole

Selezione di poesie bonus

IL LAVORO CHE LAVORATE

L’occhio cieco avete
soltanto per il lavoro
L’occhio cieco avete
soltanto per il lavoro
che lavorate,
per questo oggi cadete
e pesante il passo
nell’incubo vi trascina

L’ingranaggio
che al sogno dava sostanza
da tempo nella mente
si è inceppato,
così in mano sol vi resta
delle tenaglie l’avanzo

Se non tragica
comica la battaglia
che nell’astensionismo
oggi conducete

Demolite oramai
dei Padri le storie,
dove siete stati,
se mai siete stati
non sapreste dirlo
Ma fioriscono ancora
dal fango fiori di loto
che non amerete,
che non comprenderete

TU, MIA GERUSALEMME
(seconda stesura)

Il tuo sorriso scorgo
in ogni sorriso che incontro
in questo vasto mondo oscuro
vuotato d’ogni futuro
Uomini in ginocchio vedo
e altri che han tutto perso,
un occhio o una mano
rischiando la fortuna a carte,
puntando verso la Mecca

Ovunque io vada
in mente e nel cuore
soltanto te
Mi condurrà all’Inferno,
all’inferno di te questa strada

Ovunque io volga
lo sguardo incontro te
che preghi per me
A mani giunte
con occhi di pianto,
mi assolve la tua anima
dai peccati
E’ questa, è questa la strada
che conduce al Paradiso?

I tuoi baci
sul mio volto arso
I tuoi piccoli morsi
su collo e spalle
e più giù ancora
Oh, tutto questo e di più
E di più

Sotto la pioggia acida,
nella nebbia e nel fumo di città
o sotto il sole del grigio Sahara
perduto,
in questo vasto mondo
sempre ritrovo te che preghi;
sempre è l’eco della tua preghiera
perché l’amato tuo vecchio diavolo
mai perda la speranza
d’arrivare a Gerusalemme, da te;
e portarti finalmente via,
via lontano da lacrime e attentati

TI VESTO DI ROSE

Ti vesto di rose rosse
per spogliarti petalo
dopo petalo

E lasciarti senza fiato
in imbarazzo
fra le braccia d’un pazzo!

LUNAPAZZIA

Luna, alla pazzia
mi hai tu abbandonato
Seppur pallida,
bella ti credevo
Ti credevo
Ti credevo quando il volto
cadaverico m’illuminavi
mettendo a nudo
la maschera del lume
della povera mia ragione

Come a una sorella,
Luna, in te confidavo
segreti e passioni
La notte attendevo,
sempre attendevo
con respiro pietroso
dentro all’anima
felice per vaga coscienza
che presto in briciole
il teschio mio
dell’essere o non essere

Un momento fu abbastanza
perché dall’orizzonte mio sparissi
per sempre inghiottita da chissà
quali abissali dimenticanze;
così resto oggi io con la testa
fra le mani più di là che di qua

PASSEROTTI

Piombano
giù
Non tentano
il volo
i passerotti
che il suolo
toccano
Schiantati
Non un battito
d’ali
un cinguettio,
un qualunque
avviso
dai nidi
sulle dita
scheletrite
dei rami

Nell’occhio
d’un sole
indecente
rimangono
scomposte
piume
su piume

REPUTAZIONE

…e tu
che hai negato
per il gusto
di negare
chi t’era accanto
in umiltà superiore
oggi sei negato
destituito
dalla Corte

Mai più
divani e specchi
a ricordarti vivo,
mai più chiacchiere
sul tuo conto
di così poco conto

MI PENSERAI

Dunque mi penserai
mentre a testa alta
vado io incontro
alla pioggia domenicale

Sei bella e tu lo sai
Amare la tua bellezza
non è stato difficile mai
Odiarti perché sei lontana
potrei dire uguale

Sempre aspetto carezze
dalla tua mano
menando pugni ai riflessi
dentro agli specchi conchiusi
A cazzotti prendo nani e spie
Mi stanco molto
Ma saperti bella e donna
rende lievi le nuvole su me

Sia il tuo sorriso il mio
Labbra su labbra,
e il mondo d’invidie livido
al di là del nostro Tempio
– dal Tempo
per sempre esiliato

IN SILENZIO PIANGEVI

E’ stato tanto tempo fa
L’amore ci accompagnò
mano nella mano fra ulivi e croci
Ricordo che in silenzio piangevi
Nessuno di noi due però fiatò,
non una parola per salvarci
solo il pianto sul fuoco all’orizzonte

A teatro i primi posti non erano per noi
Sedevamo in fondo, come due ombre
cadute sulla terra per caso
A volte scherzavamo con il fuoco,
altre ancora ci gelavano le parole
a sipario chiuso fra gli applausi della gente
Bastava davvero poco per farci felici o no

Non un parola per salvarci
Solo una colomba sul tramonto
e la Città Santa terribile ignota

SCIOCCHI E SAGGI
(Inizio & Fine)

Quando taceranno gli sciocchi
sarà perché morti stecchiti,
caduti come alberi tagliati
alla radice

Quando rideranno i vecchi saggi
sarà il tempo giusto per le teste
di cadere nella cesta,
in un silenzio quasi perfetto
come prima del Genesi

SOGNAVO DA BAMBINO

Sognavo da bambino
di diventare un eroe:
una ragazza al fianco,
una casa con giardino
e rose da potare,
e versi da scrivere
a tempo perso
dopo aver fatto l’Arte
e l’Amore

Un soldato sono invece
diventato, in una bara
sepolto

PER VOI SONO CADUTO

Per voi sono caduto,
per voi, ragazze belle
figlie degli uomini
Per voi ho rinunciato
a Dio per l’Inferno
nel vostro cuore
Merito o non merito
il miele
che fra le gambe
e in bocca raccogliete?

PERDUTO ANGELO MIO

Più non c’è
l’amato Angelo mio
Sì tanta fede nutrivo!
Possibile che,
in un momento,
possa tutto perdere
un uomo?

Alla mia tristezza
sorrideva lei,
di colpo poi taceva
nell’incavo
della mia spalla
l’imbarazzo
d’uno o due singulti
celando
Le sollevavo
allora con due dita il mento
con un bacio asciugando
il dolor suo di madonna;
e nei suoi occhi
il sereno tornava

Tutto avevo

Senza motivo
tutto ho perso

Perché leggere DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen

Al di là del fatto che questo volume, DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen, accoglie poesie mie, penso sia davvero un gran bel regalo da fare e da farsi, soprattutto oggi che la nostra società è sempre più avvezza al cinismo e alla cattiveria.
C’è tutto in DONNE E PAROLE: amore platonico, amore pensato, amore fatto con il corpo ma sempre con l’anima in gola, amore cavalleresco, amore sofferto, amore idealizzato, amore disperato, amore perduto, amore pianto e sofferto, amore come religione, piccole delusioni affettive, sogni d’amore, etc. etc.

Le poesie, scelte fra le migliaia che ho scritto nel corso degli anni (15 o giù di lì), sono state tutte riviste e corrette nel corso di un anno. La cifra poetica non la so, non spetta a me dire: posso però dire qual è stato il mio intento… quello di portare, a lettrici e lettori, della poesia di sostanza, di emozioni non riciclate.

DONNE E PAROLE è dedicato alle donne, a Tutte le donne che, nel corso degli anni, mi hanno seguito leggendomi ed emozionandosi. Ed è dedicato al Sommo Maestro, Leonard Cohen, cui tutto devo. 

Inutile negare che da sempre sono stato influenzato dalla poetica di Leonard Cohen, Francesco Guccini, Pasquale Panella, Franco Battiato, Roberto Vecchioni, Claudio Lolli, Cesare Pavese, Dino Campana, Gabriele D’Annunzio, Guido Gozzano, Federico Garcia Lorca, Hermann Hesse, William Blake, George Gordon Byron, John Keats, Edgar Allan Poe, William B. Yeats, Walt Whtiman, Jacques Prévert, Pablo Neruda, etc. etc. Chiunque avrà modo di leggere DONNE E PAROLE, credo non potrà non rendersene conto.
Al di là delle influenze poetiche masticate e digerite, in DONNE E PAROLE è evidente uno stile particolare, uno stile pienamente mio e originale che fa di me un autore lontano da un po’ tutti gli stilemi attualmente in voga.

Giuseppe Iannozzi

Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe

Quarta di copertina – DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen nasce dall’esigenza dell’autore, Giuseppe Iannozzi, di portare, per la prima volta, a quanti amano la poesia, una antologia della sua migliore produzione poetica.
L’autore ha quasi sempre rifiutato il titolo di “poeta”, nonostante sia stato detto tale in più di una occasione. DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen si prefigge lo scopo di accontentare lettori e lettrici che, nel corso degli anni, gli hanno chiesto di pubblicare un libro di poesie.
In questa antologia, che raccoglie testi scritti nel corso di quindici anni, senza mai dirsi poeta a tutto tondo, l’autore parla della grandezza, della bellezza e della stupidità che sono nell’amore.
Perché mai parlare e scrivere d’amore?
Forse perché, oggi più di ieri, l’amore non esiste se non nel cuore di pochi ingenui ribelli, che non si sono rassegnati all’idea che i sentimenti siano stati sostituiti, in via definitiva, da stravaganti surrogati ad ore, o da velenose inflazioni che dir si voglia.

Giuseppe Iannozzi (detto Beppe), classe 1972, è giornalista, critico letterario, editor e scrittore.

Nel 2012 ha pubblicato Angeli caduti (Cicorivolta Edizioni), nel 2013 L’ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta edizioni) e La lebbra (Il Foglio letterario), mentre nel 2014 La cattiva strada (Cicorivolta edizioni). Nel 2015 ha pubblicato Fiore di passione, una raccolta poetica autoprodotta e disponibile su Lulu.com (http://goo.gl/7fiaLo). Nel 2016 ha tradotto e curato Bukowski, racconta! (Il Foglio letterario). Ha inoltre curato l’editing di parecchi libri di narrativa e di saggistica per svariate case editrici. Attualmente si occupa dell’Ufficio Stampa de Il Foglio letterario (facebook.com/ilfoglioletterario/) e scrive per diverse testate online e la free press.

Sito web:

iannozzigiuseppe.wordpress.com

Facebook:

facebook.com/iannozzi.giuseppe

Twitter:

twitter.com/iannozzi

DONNE E PAROLE. SULLE ORME DI LEONARD COHENIannozzi GiuseppeIl Foglio letterario – Collana: Autori Poesia Contemporanea – Edizione a tiratura limitata: novembre 2016 – Pagine: 604 – ISBN 9788876066450 – prezzo: 18 Euro

Il Foglio letterario

http://www.ilfoglioletterario.it

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, Giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA, ACQUISTA DALL'EDITORE, ACQUISTA ONLINE, amore, arte e cultura, attualità, comunicati stampa, cultura, DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen, editoria, Iannozzi Giuseppe, libri, libri di Iannozzi Giuseppe, libri di poesia, NOTIZIE, poesia, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a DAL FANGO FIORI DI LOTO – Poesie bonus per Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen – Iannozzi Giuseppe – Il Foglio letterario

  1. romanticavany ha detto:

    Stupenda mi penserai,l’ho postata su Google+

    Bacio♥

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Grazie, Violetta.

    Le mie poesie sono fatte anche per essere rubate e portate altrove. Quando questo accade per me significa che forse non lo sto buttando il mio tempo, per cui ti ringrazio di cuore.

    Un bacio ♥

    Beppe

    P.S:: L’hai messa qui

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...