CONFESSATI A ME E PENTITI! – Poesie bonus per Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen – Iannozzi Giuseppe – Il Foglio letterario

CONFESSATI A ME E PENTITI!

Poesie bonus per Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen

Iannozzi Giuseppe

woman-praying

Acquista DONNE E PAROLE. SULLE ORME DI LEONARD COHENIannozzi GiuseppeIl Foglio letterario – Collana: Autori Poesia Contemporanea – Edizione a tiratura limitata: novembre 2016 – Pagine: 604 – ISBN 9788876066450 – prezzo: 18 Euro

Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen - Iannozzi Giuseppe - Il Foglio letterario

Donne e parole. Sulle orme di Leonard Cohen – Iannozzi Giuseppe – Il Foglio letterario

acquista

http://www.ilfoglioletterario.it/Catalogo_Poesia_Donne_e_parole.htm

Su Facebook la pagina ufficiale di DONNE E PAROLE:

https://www.facebook.com/donneparole

Selezione di poesie bonus

DITEMI COSA AVETE FATTO

Ditemi adesso della forza
Vacante è il Seggio dei Re,
e della fiamma della candela
non rimane niente,
nemmeno la cera nel buio sepolta

Ditemi cosa avete fatto,
dove avete portato i cuori
e il vino che li alleggeriva
Ditemi adesso dell’onestà,
se vi piace il presente
Il Muro del Pianto è alto,
e come sempre, come sempre
se solo lo voleste veramente
con le dita potreste sfiorarlo

Ditemi adesso della forca
che dal niente avete tirato su:
è dunque questa la forza
di cui oggi disponete?

Un giorno qualcuno vi dirà
parole dure e gentili,
ed allora dovrete arrendervi
a camminare a piedi scalzi
lungo la Strada del Perdono

CAMBIAMO MUSICA

Cambiamo musica,
buttiamo il pigiama
che ci intristisce,
che ingrigisce
dell’anima
la nuda verità
di noi e di Dio

Buttiamo via
tutta l’inutilità,
le frasi fatte
e quelle in sospeso,
e sediamoci,
e con calma
negli occhi
cerchiamoci

Combiniamoci,
in fretta cambiamo
questa notte
prima che l’alba
con la sua dura luce
la scopra negata;
prima che l’alba
dia corso a un’altra
diga di amori taciuti

L’HO SEMPRE SOSPETTATO

L’ho sempre sospettato
Non avevo dubbi in proposito!
Se ce li avevo li ignoravo
come s’ignora la signora Morte
che di punto in bianco ti coglie
senza lasciarti neanche il tempo
di cambiarti le mutande sporche

Rincasavi sempre a tarda sera,
sempre eri da capo a piedi bagnata
Ti chiedevo perché
e ti chiudevi in un silenzio
di ostinata maledizione;
poi però venivi a letto trafelata
e sul tuo petto forte mi stringevi,
così forte che pareva volessi
prima che far sesso soffocarmi

Non ho mai potuto soffrire
quel tuo modo di essere,
lontana da Casa e Chiesa:
gli amici hanno cercato
di mettermi sull’avviso,
ma ti amavo io troppo
per potermi preoccupare
delle chiacchiere alle spalle

Però eri sempre bagnata zuppa,
spettinata e le labbra esangui
Ogni volta sembrava fossi venuta
da lontano, da chissà quale terra
Ogni volta sembrava fossi precipitata
dal cielo, da chissà quale cielo straniero
Ogni volta, ogni volta che tentavo
d’affrontare con te l’argomento
il tuo sguardo mi fulminava

Non ho mai potuto far molto
per aiutarti a restare con me
Non potevo sospettare ch’eri tutt’uno
con un demonio diverso da me

A lungo mi sono ritenuto il migliore
Ho pagato caro il mio credermi
estraneo a ogni difetto, ho pagato con te
Così adesso distribuisco carte
ai tavoli da gioco e trasso e sparo
a chi mi chiama baro; non ho niente
da perdere, né l’anima né l’amore

BIANCA REGINA

Non andar via,
tu che sei la mia poesia
Se oggi vai via morirò
Morirò senza veder più
il tuo viso di luna

Non sono stato l’amante
che meritavi ma t’amo
T’amo ancora, fra rose
e viole, Bianca Regina

Non sono stato all’altezza
Ho solo fatto la mia felicità
per un’idea senza fine

Non so dimenticare
il sapor tuo sulle mie labbra
Di te drogato non mi puoi lasciare,
non su due piedi, non sto in piedi
senza il sorriso che sai donarmi tu

Non andar via, poesia mia
Non scegliere qualcun altro
Ho davvero bisogno, tanto bisogno
d’affogare nel tuo biancore

Non lasciare che muoia senza te
Devo avere le tue labbra da mordere
Non posso farne a meno, poesia mia
Ho bisogno di te, Bianca Regina
Sei la sola che mi restituisce verginità
Senza di te veleno nelle mie vene

Non andar via, poesia mia
Tu che sei la vera mia gioia
non mi abbandonare ora
che vien la domenica col suo sudario;
ben lo sai che la gente muore
a grappoli nelle chiese in viola
Non portar via da me ogni cosa
prima ch’abbia dato un senso
alla fine che mi ronza in testa

OH ROSA!

Rosa
fragilità di velluto
di seta
di carezze
sulla nudità
della pelle

Così donna Tu
Oh Rosa!

Di tanti petali
impaginati
vive Ella di sé
E a ogni volo
di farfalla
muore
un poco appena
In bellezza però
nessun altro fiore
l’eguaglia mai

CONFESSATI A ME E PENTITI!

Ti prego,
confessati!
Sin tanto
che sei in tempo,
pentiti!
E inginocchiati,
così io ti prego

Ha accolto la tua bocca
del Signore l’ostia
Non puoi continuare a far finta,
così io ti prego, ti prego
di consegnarti al tuo confessore
prima che si apra la terra
sotto i piedi tuoi delicati

Non puoi,
non puoi continuare
a nascondere la verità
Non puoi fingere ancora
che non ti piace il piacere
Confessati prima
che sia qualcun altro
a parlare in vece tua

Confessati
prima della Fine,
e pentiti, pentiti!

UNIVERSI SENZ’ANIMA

Siamo poi solo
simulacri senz’anima
ma che credono di sì,
d’avercela una
Fra pianisti e piazzisti
ci adopriamo
E in ritardo ci accorgiamo
che si son scaricate le batterie,
abbandoniamo allora
lungo i fianchi le braccia
e aspettiamo, e aspettiamo
che pure per noi
venga un tempo…

un tempo migliore
oltre queste stigmate di universi
che cadono a pezzi

Perché leggere DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen

Al di là del fatto che questo volume, DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen, accoglie poesie mie, penso sia davvero un gran bel regalo da fare e da farsi, soprattutto oggi che la nostra società è sempre più avvezza al cinismo e alla cattiveria.
C’è tutto in DONNE E PAROLE: amore platonico, amore pensato, amore fatto con il corpo ma sempre con l’anima in gola, amore cavalleresco, amore sofferto, amore idealizzato, amore disperato, amore perduto, amore pianto e sofferto, amore come religione, piccole delusioni affettive, sogni d’amore, etc. etc.

Le poesie, scelte fra le migliaia che ho scritto nel corso degli anni (15 o giù di lì), sono state tutte riviste e corrette nel corso di un anno. La cifra poetica non la so, non spetta a me dire: posso però dire qual è stato il mio intento… quello di portare, a lettrici e lettori, della poesia di sostanza, di emozioni non riciclate.

DONNE E PAROLE è dedicato alle donne, a Tutte le donne che, nel corso degli anni, mi hanno seguito leggendomi ed emozionandosi. Ed è dedicato al Sommo Maestro, Leonard Cohen, cui tutto devo. 

Inutile negare che da sempre sono stato influenzato dalla poetica di Leonard Cohen, Francesco Guccini, Pasquale Panella, Franco Battiato, Roberto Vecchioni, Claudio Lolli, Cesare Pavese, Dino Campana, Gabriele D’Annunzio, Guido Gozzano, Federico Garcia Lorca, Hermann Hesse, William Blake, George Gordon Byron, John Keats, Edgar Allan Poe, William B. Yeats, Walt Whtiman, Jacques Prévert, Pablo Neruda, etc. etc. Chiunque avrà modo di leggere DONNE E PAROLE, credo non potrà non rendersene conto.
Al di là delle influenze poetiche masticate e digerite, in DONNE E PAROLE è evidente uno stile particolare, uno stile pienamente mio e originale che fa di me un autore lontano da un po’ tutti gli stilemi attualmente in voga.

Giuseppe Iannozzi

Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe

Quarta di copertina – DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen nasce dall’esigenza dell’autore, Giuseppe Iannozzi, di portare, per la prima volta, a quanti amano la poesia, una antologia della sua migliore produzione poetica.
L’autore ha quasi sempre rifiutato il titolo di “poeta”, nonostante sia stato detto tale in più di una occasione. DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen si prefigge lo scopo di accontentare lettori e lettrici che, nel corso degli anni, gli hanno chiesto di pubblicare un libro di poesie.
In questa antologia, che raccoglie testi scritti nel corso di quindici anni, senza mai dirsi poeta a tutto tondo, l’autore parla della grandezza, della bellezza e della stupidità che sono nell’amore.
Perché mai parlare e scrivere d’amore?
Forse perché, oggi più di ieri, l’amore non esiste se non nel cuore di pochi ingenui ribelli, che non si sono rassegnati all’idea che i sentimenti siano stati sostituiti, in via definitiva, da stravaganti surrogati ad ore, o da velenose inflazioni che dir si voglia.

Giuseppe Iannozzi (detto Beppe), classe 1972, è giornalista, critico letterario, editor e scrittore.

Nel 2012 ha pubblicato Angeli caduti (Cicorivolta Edizioni), nel 2013 L’ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta edizioni) e La lebbra (Il Foglio letterario), mentre nel 2014 La cattiva strada (Cicorivolta edizioni). Nel 2015 ha pubblicato Fiore di passione, una raccolta poetica autoprodotta e disponibile su Lulu.com (http://goo.gl/7fiaLo). Nel 2016 ha tradotto e curato Bukowski, racconta! (Il Foglio letterario). Ha inoltre curato l’editing di parecchi libri di narrativa e di saggistica per svariate case editrici. Attualmente si occupa dell’Ufficio Stampa de Il Foglio letterario (facebook.com/ilfoglioletterario/) e scrive per diverse testate online e la free press.

Sito web:

iannozzigiuseppe.wordpress.com

Facebook:

facebook.com/iannozzi.giuseppe

Twitter:

twitter.com/iannozzi

DONNE E PAROLE. SULLE ORME DI LEONARD COHENIannozzi GiuseppeIl Foglio letterario – Collana: Autori Poesia Contemporanea – Edizione a tiratura limitata: novembre 2016 – Pagine: 604 – ISBN 9788876066450 – prezzo: 18 Euro

Il Foglio letterario

http://www.ilfoglioletterario.it

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, Giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA, ACQUISTA DALL'EDITORE, ACQUISTA ONLINE, amore, arte e cultura, attualità, comunicati stampa, consigli letterari, cultura, DONNE E PAROLE. Sulle orme di Leonard Cohen, editoria, eros, Iannozzi Giuseppe, libri, libri di Iannozzi Giuseppe, libri di poesia, NOTIZIE, passione, poesia, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...