Realismo nella vignetta di Mannelli sulla Boschi

Realismo nella vignetta di Mannelli sulla Boschi

Iannozzi Giuseppe

La vignetta di Riccardo Mannelli sulla Ministra Elena Boschi: “Lo stato delle cos(c)e”. La Presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, parla si sessismo. Ma il sessismo è tutt’altra cosa. Non si confonda il sessismo con la satira, con la libertà di espressione, con la libertà di fare satira. E’ brutta la vignetta? Né bella né brutta: fa sorridere, fa sorridere di amarezza perché lo “stato” che si subisce oggi in Italia non è poi molto diverso da quello che si viveva sotto il governo Berlusconi.
La Suprema Corte ha statuito che la satira “non si deve risolvere in un insulto gratuito anche se espresso in una parafrasi o in una similitudine più o meno fantasiosa, né risolversi in un banale mendacio idoneo a ledere la reputazione del destinatario” (Cass. 7.7.1998, n. 7990). La vignetta di Mannelli non offende, fa sorridere di amarezza. E fa riflettere non poco sull’attuale momento storico e politico. Questo è quanto.

Non è una semplice vignetta quella di Riccardo Mannelli, è più che altro un ritratto realista, o anche iper. Se Mannelli avesse ritratto il nostro caro Matteo Renzi  – sempre più imbolsito – con le gambe accavallate, appiccicandogli addosso la stessa frase usata per la Boschi, nessuno avrebbe sollevato un solo “ma”. Il sessismo è quando si concedono dei privilegi al sesso femminile. Questo sì che è sessismo, perché non si trattano le donne allo stesso modo degli uomini. Concedere un privilegio, anche nella satira, questo sì che è sessismo di pessimo gusto.

Posso capire che il Pd si scagli contro Il Fatto Quotidiano, oramai l’unico quotidiano italiano che dice le cose come stanno senza concedere sconti a nessuno. Da sempre la libertà di pensiero e l’obiettività fanno paura a chi sta al potere e non ha intenzione alcuna di sganciarsi dagli scranni.

Mannelli-Boschi

Maria Elena Boschi

Maria Elena Boschi

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in Iannozzi Giuseppe, notizie italia, politica, società e costume e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.