Delia è di nessuno – Ilaria Milandri – Laurana editore – comunicato stampa

Delia è di nessuno – Ilaria Milandri

Dal 7 luglio in libreria

DELIA E DI NESSUNO

IL LIBRO

Ripudiarsi è il modo più efficace di possedersi.

Delia e Adamo, un incontro casuale in una fredda mattina di primavera.
Lei, colta e bellissima, con alle spalle un lavoro poco tradizionale – prostituta per scelta – e una famiglia dal passato oscuro. Lui, un anziano distrutto per la recente scomparsa della moglie, che trascorre il suo tempo tra il cimitero e un parco.
L’incontro cambierà per sempre la vita di Delia, in un momento in cui il suo cupo passato e il suo enigmatico presente la scaraventano di fronte a una realtà inaccettabile.
Giocherà sporco, Delia, e farà del male per proteggere chi di più caro le è rimasto.

Perché vale la pena di leggere Delia è di nessuno?

Perché si tratta di un libro di grande respiro, scritto senza sposare una qualche tesi, ma con la volontà di rappresentare tipica del mondo teatrale. Un mettere in scena la storia, che poi è quello che ciascuno di noi si aspetta da un romanzo.

Perché è una storia non comune, non banale. La trama intricata ha la forte – e per nulla scontata – capacità di  sciogliersi naturalmente, di districarsi sotto gli occhi del lettore, riga dopo riga, pagina dopo pagina.

Infine perché Ilaria Milandri, al suo quarto libro, si dimostra una scrittrice schietta e autentica. Uno stile tagliente,  in perfetto equilibrio tra momenti di profonda intimità e improvvise accelerazioni, cambi di scena e descrizioni che terranno il lettore in sospeso fino all’ultima pagina.

COME COMINCIA

laurana editoreGli ultimi colpi non sarebbero stati necessari, ma come al centometrista serve uno spazio per esaurire l’energia accumulata nelle gambe, così le braccia, caricate di foga e violenza, hanno bisogno di un ammortizzatore, di una coda, di uno strascico per smaltire il peso immagazzinato.
Poi il piede di porco grondante sangue rimase sollevato a mezz’aria nella semi oscurità di quella sera silenziosa e finalmente calda. Era la prima sera calda della stagione.
Da terra, dagli sbranchi, evaporava odore di ferro che si andava a mischiare a quelli di gelsomino e rose canine sbocciate da poche ore, lì, poco distante. L’assenza di vento faceva ristagnare su quel metro quadro, un quadro degno di Bacon, quella miscela volatile di strabiliante orrore.
C’è una specie di bellezza in quel che resta di un’atrocità. C’è una verità e il suo svelamento, in fondo, in qualsiasi fondo.

L’AUTRICE

Ilaria Milandri (1967), pittrice, fotografa e scrittrice, è nata e cresciuta a Forlì. Si avvicina alla scrittura nel 2000 collaborando a progetti teatrali e musicali e accompagnando le sue mostre con dei testi.
Il 2010 vede il suo debutto nel campo della narrativa con La visione cieca, seguito nel 2012 daAmen e nel 2014, a conclusione della trilogia, daLegami di sangue, tutti pubblicati da Foschi Editore.

Leggi un estratto

Dal 7 luglio in libreria

Delia è di nessunoIlaria MilandriLaurana editore – Collana: Rimmel – pagine: 416 – ISBN 9788898451517 – prezzo: € 16,50

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, comunicati stampa, cultura, editoria, letteratura, libri, narrativa, romanzi, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.