Referendum 17 aprile 2016 – Vota Sì e ferma le trivelle

Referendum 17 aprile 2016 – Vota Sì

Oramai gli italiani sono perlopiù rimbambiti e lobotomizzati da troppa falsa informazione.

Gli strumenti per tentare la via della democrazia ancora ci sono, ma agli italiani piace troppo davvero tenere i loro grassi culi a casa, a farsi di tivù e calcio e solo il diavolo sa di cos’altro. Bell’atteggiamento proprio “il non esercitare un proprio diritto”. E’ questo che certi politici vogliono, che desiderano e che sono riusciti a far passare nelle teste di troppe persone dopo un lungo e decennale lavoro di trivellazione mentale.

In completo disaccordo con quanti, oggi renziani fino al midollo, pensano che l’astensionismo sia la cosa giusta da suggerire agli italiani.

referendum 17 aprile 2016 - vota sì

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Referendum 17 aprile 2016 – Vota Sì e ferma le trivelle

  1. romanticavany ha detto:

    La gente dovrebbe votare SI, per il solo fatto che Renzi in diretta tv ha detto che se il referendum non passa, se ne va a casa.
    Buona serata King.

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Gli italiani sono il peggior nemico degli italiani.
    Sono a dir poco schifato da questo popolo di imbelli, capaci solo di lamentarsi e guardare partite di calcio allo stadio, sempre pronti a scannarsi e a farsi la pelle per un pallone di merda. Hanno voluto così, sono stati la maggior parte per l’astensionismo, e allora adesso che si becchino tutti i mali che ne deriveranno. Non spenderò di certo una lacrima per chi morirà bombardato dall’inquinamento.

    beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.