Giorni da Favola. Antologico con un inedito

Giorni da Favola

Iannozzi Giuseppe

evil queen

Aspetta e spera
(scherzo blues)

a Cinzia Paltenghi,
che ben sa quel che non fa!

Oh, bambina…
mi hai fatto così male
quando mi hai detto
di restare nel blues

Tanto male, oh sì

Mi ha fatto male
leggere i tuoi occhi
persi nel blu,
in un cielo
lontano da me,
lontano da me

Tanto male, oh sì

Oh, bambina…
mi ha fatto così male
scrivere note così dure
E poi a mani vuote
aspettare
segnali di fumo,
senza più sperare
e respirare

Tanto, tanto male
Tanto male, oh sì

Chissà se puoi capire,
se davvero puoi capire
quant’è difficile
restare a galla nel blues

Una brava ragazza

Un bravo ragazzo
e tu una brava ragazza
Bella, così bella! E’ negl’occhi
l’allegra tua bellezza riunita

Ti guardo adesso commosso
e scopro che di ieri
più bella sei, un’alba rosata
che il nudo mio sguardo taglia
E allora, che ti manca?
Solamente la nudità
vestita d’un semplice sorriso

Eletta Regina

…ma se per te
son io che scrivo poesie
e gioie senza posa
dal sessantanove in poi;
non uno t’ha amata mai
come faccio ora io
più d’un dio!

Eletta Regina,
tra gli spalti e ‘l proscenio,
l’aria sempre piena
del volume del tuo profumo,
della tua voce
che si spande
e allaga gl’orecchi miei
Tutt’intorno sei
più d’una dea pandemia:
berilli gl’occhi lucenti
mettono in ginocchio
non un amante ma mille

E però soltanto io
t’amo e t’amo
lasciandoti addosso
l’ardore dell’amore, del sesso
senza quasi minimo pudore!
Soltanto io so
quanto ti sento:
teatro di baci e segreti…
così la tua bocca;
e in petto altri ancora,
altri carnali segreti
Ma fra le nude tue gambe
vellutate e di pesca odorose
le labbra mie e la poesia,
la più dolce e dura che ci sia

Preghiera piccina

Un re di cuori
che sia pagliaccio
come lo desidero io,
così pregavi
in trepida attesa
davanti alla chiesa
il buon Gesù
per quell’appuntamento al buio
In sorte però
un vecchio illuso ti toccò
che non aveva
né arte né parte,
solo qualche spicciolo
per un caffè alla buona
e fiato per parole
e altre deliranti parole

Per paura e pietà
un momento lungo
una mezza eternità
gli restasti accanto;
e morto
che fu il pomeriggio
subito lo salutasti
con insperato coraggio,
con un breve cenno del capo
felice di poter
finalmente tornare al sicuro
tra le bambole in porcellana

La tua mano

Ma,
dove corri?
E,
dove posso
raggiungerti
per tenere
il tuo passo,
e così, presto
innamorarmi
della tua mano
nella mia?

Così folle
questo giro
intorno
al mondo,
passando
di camera
in camera,
come fantasmi
– duri
a perire
nella fatica
di mille baci
ripetuti
da qui
all’infinito.

Morire di notte

Il sole c’è stato e m’ha scocciato
colla sua pretesa di splendere alto
lassù, dove il cielo è solo altro cielo
che non puoi toccare con un dito

Il sole c’è stato
Son felice adesso che s’è fatto spento
e che d’attorno è sceso silenzio tombale,
non fosse per l’assordante fischio
che tirano le ambulanze in velocità
tra sorrisi stinti e paludati pianti

Che piangi a fare?
Non vedi forse che le strade
son già dedicate a nova amistade?
Quella che sì, puoi ben sospettare
Si passerà da un club a un altro
con facilità, vomitando alcoliche verità
Poi le membra si faranno pesanti,
e soltanto il letto saprà raccogliere
le lacrime per farne salso origliere

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, poesia, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Giorni da Favola. Antologico con un inedito

  1. furbylla ha detto:

    cosa è che non faccio ? 🙂 bella quella per me la migliore naturalmente nonostante la mia confusione 🙂 MI piace molto anche Morire di notte si molto
    A domani ❤
    Cinzia

    Mi piace

  2. romanticavany ha detto:

    Parole di fuoco! Sorridi Cinzia come se quelle parole ti bruciassero in una lunga notte con il rumore della pioggia. King è una persone che è lucente come una stella.

    Buon Pomeriggio.
    1 Bacio a entrambi ♥

    Mi piace

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non fai segnali di fumo. Ah ah ah La tua è uno scherzo blues, ma ha un suo perché. Mi è venuta simpatica, sì. Niente di che, ma simpatica sì.

    Morire di notte è un po’ pesante, per il tema affrontato: diciamo che potrebbe essere inquadrata come una favola nera.

    Bacione e buona serata, Stregaccia ❤

    beppaccio

    Mi piace

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Biscottino Vany, addirittura lucente come una stella… ^_^ Be’, sì, hai ragione, per via della pelata però. 😀 Grazie infinite, bella bimba. ❤ ❤ ❤

    Dolce serata a te e fa’ la brava. ^_^ ❤ ❤ ❤

    orsetto

    Mi piace

I commenti sono chiusi.