Iannozzi Giuseppe intervistato da Giovanna Amoroso. Cinque domande sul futuro della letteratura, della poesia, etc. etc.

Cinque domande a Beppe Iannozzi

di Giovanna Amoroso

Giovanna Amoroso mi intervista sul neonato magazine online Divine Parole.

Ringraziando la collega Giovanna, colgo l’occasione per invitarVi a leggere le pagine di Divine Parole e augurare a Lei ogni fortuna per questo nuovo progetto culturale. – giuseppe iannozzi

– Beppe Iannozzi: scrittore, giornalista e critico letterario. Cosa rappresenta per te la parola, sia scritta che parlata?

Le parole significano sempre qualcosa. Non esiste una parola che sia priva di significato. In maniera assai riduttiva, potremmo dire che le parole sono dei segni che utilizziamo per farci comprendere dai nostri simili. Ci sarebbe bisogno di un approfondimento semiologico, ma, per ovvie ragioni, ciò non è possibile. Il punto è che il discorso non lo si può esaurire con una frase ad effetto, ragion per cui dirò qual è per me l’importanza della parola sia essa scritta o portata a voce. I nostri pensieri sono catene di parole e i pensieri la nostra anima, l’unica che abbia un peso, un significato verificabile e interpretabile. […]

Leggi l’intervista completa a questo indirizzo:

http://www.divineparole.org/beppe-iannozzi/

divine-parole-giovanna-amoroso

Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, Beppe Iannozzi, critica, critica letteraria, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, interviste, letteratura, narrativa, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Iannozzi Giuseppe intervistato da Giovanna Amoroso. Cinque domande sul futuro della letteratura, della poesia, etc. etc.

  1. Rosy ha detto:

    La parola a mio avviso vale di più di qualsiasi scritto, i pensieri sono la nostra vita.
    Beppe, ti auguro di cuore, che presto venga pubblicato ” Il Tormento ” di cui ho letto qualche capitolo, e come ben sai mi è piaciuto parecchio.
    Per quanto riguarda le poesie che scrivi tu – che hai scritto tu per me, oppure che scrivono altri che non si dicano poeti, beh che dire…! sarò retrograda, ma mi piace un sacco leggerle, tanto più che cerco di calarmi sempre nei panni di colui che “non si dice poeta”, e cerco di immaginarmi la sua personalità e il suo sentire.
    Sono felice e ti ringrazio di cuore per aver scritto “Fiore di Passione”, un cofanetto di sentimento che resterà scritto nel tempo… Anche questo libro penso sia uno di quelli che terrai ben custodito, nella miriade di libri che hai nella tua mega libreria. 😉

    Un abbraccio e un particolare grazie a te ❤

    Rosy

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E’ quel che penso anch’io e mi spingo anche oltre dicendo che i pensieri sono poi, alla fin dei conti, la nostra anima, cara Rosy.

    Ti ringrazio. Non so davvero quando “Il tormento” potrà trovare la luce, un editore. Sono tempi un po’ bui, ne consegue che gli editori preferiscono di gran lunga pubblicare lavori più leggeri. Il tempo storico è quello che è, per cui tanto vale far buon viso a cattivo gioco e aspettare un periodo migliore. Ricordo bene che alcuni capitoli ce li hai anche tu e che ti erano piaciuti parecchio. Potrebbe essere questo il mio personale capolavoro, il romanzo è venuto davvero bene e la storia è solida, un romanzo hemingwayano con dentro Pavese etc. etc., proprio com’era nelle mie intenzioni. Direi che ci sono riuscito.

    Come ben sai, e difatti l’ho pure dichiarato a chiare lettere in pubblico, sono per “Fiore di Passione” mi sono detto poeta. Questo vale. Sono poesie ed emozioni, un cofanetto di emozioni, come ben dici. E sono le nostre emozioni. Credo, sperando di non sbagliare, di averle ritratte al meglio: perlomeno ci ho messo dentro tutta l’anima, meglio credo non potessi fare. E se c’è qualche ingenuità, penso non guasti e che invece conferisca carattere e genuinità alle poesie. Va da sé che ha un posto speciale tra i miei libri, non potrebbe essere altrimenti.

    Grazie di tutto cuore, cara Rosy. Uh uguale e speciale abbraccio a te e un bacio anche. ❤ ❤ ❤

    beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.