Roberto Pace – L’uomo nero (Fandango Libri) – In ognuno di noi c’è un altro Noi

Roberto Pace – L’uomo nero

In ognuno di noi c’è un altro Noi

Iannozzi Giuseppe

Roberto Pace è nato a Roma nel 1952 e si è laureato in filosofia alla Sapienza di Roma e si è specializzato alla “London International Film & Television School”. E’ autore di numerosi saggi sulla comunicazione e l’arte contemporanea, e L’uomo nero è il suo primo romanzo. Attualmente Roberto Pace è Amministratore delegato di Mediatrade spa.

L'uomo nero - Roberto PaceUn costrutto narrativo semplice per uno stereotipo narrativo semplice e ampiamente abusato nella narrativa italiana e non, quello dell’uomo nero. Roberto Pace riscrive la storia dell’uomo nero con delicata macabra poesia, conferendo così al romanzo un’aura fiabesca di tutto rispetto. Lo stile felice di Roberto Pace fa di una storia abbastanza banale un egregio risultato artistico, che non manca di divertire e scavare nelle nostre coscienze. Pregio maggiore della prima prova narrativa di Roberto Pace è quello di snidare dal subconscio le nostre pulsioni più ascose, portandole alla luce del giorno; con L’uomo nero l’autore ci ricorda che ognuno di noi, nessuno escluso, è un uomo nero, una personalità originale che – solo per restare fedele alle regole del civismo – fugge il suo lato oscuro, quello che lo porterebbe a compiere i più efferati delitti, senza neanche interrogarsi sul perché. Sembra quasi che, sotto un profilo strettamente antropologico/psicologico, l’umanità sia più portata a condurre la sua anima verso il male piuttosto che verso il bene; Bene e Male sono facce d’una stessa medaglia, e che l’uomo propenda per l’uno o l’altro è capriccio del caso, una questione di educazione sociale, o forse, più semplicemente, una necessità di sopravvivenza in un mondo dove il Bene è riconosciuto come sommo valore per la vita di gruppo (sociale).
Schultze è l’Uomo Nero, ma non sa di esserlo: la sua vita in nero sembra quasi cominciare quando decide di citofonare alla famiglia Mayer; in casa ci sono soltanto due gemelli, Augustin e Anne Lise che aspettano la madre, la Sarta Mayer. I gemelli ignorano che la madre non tornerà più perché è morta, almeno questo è quanto dice Schultze ai due fratelli portandoli, come dice lui, al sicuro, in una nuova città. Per i gemelli seguire l’Uomo Nero significherà scivolare in una nuova vita che li vedrà protagonisti di iniziazioni sessuali, il cui sapore è di stampo cristiano-adamitico (peccaminoso). I gemelli vittime del sesso scoprono il peccato e la loro innocenza muore nell’estremo tentativo di una ricerca del sé. Tuttavia la madre è viva, ma questo i gemelli non possono saperlo: la sarta è stata soggiogata e convinta da Fra Erasmo, suo confessore, a diventare suor Clara e a produrre vestiti esclusivi a tutto e solo vantaggio del clero benestante. Dedicandosi allo spirito e alla clausura, La Sarta Mayer vive un breve periodo di intensa soddisfazione personale, ma ad un certo punto si ammala stretta dalla morsa del pentimento e dal desiderio naturale di ricomporre la sua propria famiglia. Ovviamente, il rapimento dei gemelli non passa inosservato: tra delazioni, congetture filosofiche di un sovrintendente di polizia esaltato, deliri in sanscrito di un professore mongolo paleocristiano – che è poi il padre mai conosciuto dai gemelli -, nasce un vero e proprio caso nazionale che vede impegnati il Male e il Bene in una lotta senza quartiere. Male e Bene si confondono: il distinguo fra le due forze in gioco diventa tanto sottile da risultare impercettibile. Intanto i due gemelli continuano le loro tristi iniziazioni alla vita. Ben presto si rendono conto che la società non è innocente e forse neanche cattiva, è piuttosto il prodotto delle passioni umane e queste non si possono definire né buone né cattive: più semplicemente sono la naturale antropologica strada verso la sopravvivenza e la costruzione della civiltà così come noi la conosciamo (e che accettiamo, passivamente). La Sarta rinnega la sua clausura, rendendosi conto d’esser stata vittima d’una cospirazione religiosa, che la voleva reclusa e schiava per produrre abiti talari, quella iconolatria che il clero indossa per evidenziare ai suoi fedeli che Dio esiste e non può essere nudo, un Dio semplice.

Il Dio che Roberto Pace disegna è un Dio vestito, inventato dagli uomini, è un Dio che è buono e cattivo allo stesso tempo, nella misura che gli uomini gli “misurano” attraverso la Fede. La Sarta Mayer rifiuta tutto questo e inizia la ricerca dei figli e in questa cerca ritrova il padre dei gemelli, che avrà una parte non da poco per risolvere il caso dei gemelli rapiti dall’uomo nero. E’ questo solo l’inizio di una complessa vicenda psicologica della ricerca del sé tradotta in fiaba nera. Ma chi è in realtà l’Uomo Nero? L’autore ci dice che “la curiosità era per Shultze quel che per gli altri esseri umani è uno smodato, costante desiderio sessuale”.
Romanzo di chiaro stampo freudiano, pur accogliendo nel costrutto narrativo gli stereotipi tipici della fiaba nera, è una storia che si lascia leggere senza annoiare e che non mette in ridicolo l’intelligenza del lettore. Alcune deboli cadute di tono, alcune forzature narrative comunque inevitabili per un romanzo che si basa sul cliché dell’uomo nero inteso come Male, tolgono poco o nulla al felice tono poetico, macabro, di Roberto Pace.
L’Uomo Nero  è un romanzo che fa riflettere in un’epoca sempre troppo avviata a propagandare falsi profeti, serial killer di casa nostra, miracoli impossibili, Beati che piangono lacrime di sangue vinoso, sesso subliminale a tutte le ore sui canali televisivi e su quelli cartacei, opulenza e capitalismo sessuale spacciato per marxismo e viceversa, religione come solo pane per i poveri. Roberto Pace è riuscito a dipingere bene e con raffinatezza tutto questo e molto di più. Un romanzo forte che ha la forza di una favola nera per adulti, coraggioso; le bellissime tavole illustrate di Gianluigi Toccafondo fanno de L’Uomo Nero un romanzo che merita un’attenta considerazione da parte di quel pubblico che è ancora attento a scoprire segreti e perversioni della nostra moderna società, quella che ancora osa definirsi civile.

L’uomo nero – Roberto Pace – tavole di Gianluigi Toccafondo – Fandango Libri – 160 pagine – € 16,00

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, consigli letterari, critica, critica letteraria, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, letteratura, libri, narrativa, romanzi, società e costume e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.