Amica Mia

Amica Mia

Iannozzi Giuseppe

maooo

clicca sulla gattina per vedere l’altro lato di Rosy

A Te, Rosy, Amica Mia

Amica Mia

L’amore poi cos’è?
Pescare in riva al fiume,
aspettare che all’amo abbocchi
chi come te, chi ancor crede che
importante poi tanto non è
la corrente che a ogni stagione,
bene o male c’è

L’amore poi cos’è?
Questo sentimento fra me e te
che ghiacciai e nevai scioglie da sé,
che a primavera i fiori più belli
senza doglie coi baci li coglie
Questo nostro sentimento, cosi è:
sempre canta da lontano o da vicino

Questo sentimento fra me e te
che la luce delle stelle
sprofonda sul cuscino:
nostro vivere sempre e per sempre

Ringrazio Te, mia Torah

Troppo giovane per morire,
troppo per vivere

Ti ringrazio
per le corde di violino nuove,
per aver accordato alla Torah
il giusto tempo dell’esilio
Per aver messo da parte i rancori
raccogliendo l’Errante lungo la via
Ringrazio te
che uno spazio in casa tua
gliel’hai ritagliato
Ringrazio te
che il profilo suo ebreo hai riconosciuto
senza giudicar di crudeltà il suo passato

Troppo giovare per morire,
troppo per in libertà vivere
Giù al Tempio la sentenza
non ammetteva repliche

Ma prima della creazione del mondo
la matrice era infinita solitudine
Così, ancora ti ringrazio
per aver imbevuto la tua bellezza
nel millenario biancore della Via Lattea
stendendoti poi fresca al mio fianco

E grazie, ancora grazie
per aver camminato a piedi nudi sulle acque
prima che deserti e dervisci le prosciugassero
Han fatto presto gli eroi a cadere in fallo
lasciando l’ingrato compito ai poeti d’eternarli,
ma non tu, non tu
che al marmo la passione non hai incatenato

Troppo giovane per morire,
troppo per vivere ma non per amare
al di sopra delle nuvole,
dei Comandamenti per tua bocca

Bocciolo di Rosy [*]

Lo hai gridato, fra le lacrime
hai gridato l’amore vincendo la paura
Tra i singhiozzi ti sei finalmente dichiarata
mostrando a me la nuda tua anima
così come mai avevi osato
Confusa e disperata hai temuto
che non ti amassi completamente,
e forte della tua femminilità in gabbia
il coraggio l’hai infine trovato,
ti sei dichiarata il cuore invadendomi di te
Così, con questi versi scalcagnati
che valgono il poco che valgono,
te lo grido ancora una volta, Donna mia:
“Ti amo perché tu ami me,
perché divisi non siamo noi,
non siamo liberi di volare”

E’ pazzia l’amore che nutro per te?
Forse sì, ma è benedizione
Le tue lacrime vorrei bere
Le tue labbra vorrei baciare
La tua anima vorrei mangiare
perché alla mia si sposi
La tua bellezza vorrei prendere
senza più la paura di ieri
di poterti arrecare danno o male
Il tuo corpo sì tanto bello e delicato,
la tua spoglia anima uguale a bocciolo di rosa
vorrei penetrare adorando e benedicendo
la bellezza che mi commuove,
che mi fa arrossire di piacere

Mi consumerà il desiderio d’averti
Per quanto ancora dovrò aspettare…
non lo so, prego però Dio
anche se in lui non credo;
prego lui che è lassù in alto,
lo prego perché sincera è la tua fede;
e attendo d’unirmi a te, mio Bocciolo di Rosy
Attendo di donarmi a te vergine
dopo tanti anni consumati in solitudine
Attendo il domani come la Terra Promessa,
per arare e far germogliare amore e solo amore

[*] Da Fiore di Passione di Iannozzi Giuseppe, antologia poetica disponibile in e-book e hardcover

Leggete Fiore di passione, regalatelo a Natale

Fiore di Passione - Iannozzi Giuseppe

Fiore di Passione – Iannozzi Giuseppe

Scheda editoriale ebook

ebook pdfFiore di Passione
Giuseppe Iannozzi
ISBN 9781326420185
Argomento: poesie d’amore
Edizione: prima edizione
Pubblicato: settembre 2015
Lingua: Italiano
Pagine 208
Formato del file: PDF
Dimensioni del file 1.73 MB
Prezzo: 4 Euro

Fiore di Passione in ebook

Short link per l’acquisto

http://goo.gl/lrvQRF

aggiungi-al-carrello

aggiungi al carrello

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, Giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, arte e cultura, Beppe Iannozzi, cultura, e-book, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, libri, libri di poesia, poesia, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.