Pablo Neruda avvelenato da Pinochet

Pablo Neruda avvelenato da Pinochet

Iannozzi Giuseppe

Pablo Neruda

Pablo Neruda

Pablo Neruda è stato avvelenato. La notizia non sarebbe poi così nuova, non fosse che quella che ieri era una ipotesi, oggi troverebbe nuove conferme. Il ministro degli Interni cileno, in un documento del marzo scorso, pubblicato dal quotidiano spagnolo El Pais, scrive: “E’ altamente probabile che un intervento di terzi sia stato la causa della morte del poeta e premio Nobel, avvenuta il 23 settembre 1973”. La causa della morte del grande poeta Neruda non sarebbe dunque da imputarsi a un cancro alla prostata, bensì a un veleno che ne avrebbe accelerato la morte in maniera inesorabile.

L’11 settembre, il golpe della giunta militare guidata da Augusto Pinochet aveva rovesciato il presidente socialista Salvador Allende, grande amico di Neruda. Anche la morte di Allende è tutt’ora un mistero: potrebbe essersi suicidato, ma non v’è sicurezza. A seguito del golpe e della salita al potere di Pinochet, Pablo Neruda decise di lasciare il Cile per trovare riparo in Messico. Poeta impegnato, Neruda intendeva forse guidare dal Messico un governo in esilio! Proprio il giorno prima della sua partenza, il poeta venne ricoverato d’urgenza in una clinica di Santiago e qui, con somma probabilità, gli sarebbe stata somministrata una dose letale di veleno. Si parla di una iniezione fatale o di qualcosa che suo malgrado il poeta ingerì. Dopo solo sei ore dal ricovero nella clinica di Santiago, Pablo Neruda muore.

Le circostanze della morte di Pablo Neruda, nel corso degli anni, sono state oggetto di imperterriti dibattiti, di verità all’acqua di rose e pettegolezzi a non finire. Nel 2013 la salma di Neruda è stata riesumata con un niente di fatto: sul corpo non sarebbero state difatti rinvenute tracce di veleno. Sono stati richiesti nuovi esami. I risultati non sono stati resi noti, ma l’esistenza del documento è stata confermata dal ministero.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in attualità, Beppe Iannozzi, cronaca, cultura, esteri, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, news, NOTIZIE, politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.