Salone del Libro. No confermato all’Arabia Saudita

Salone del Libro. No confermato all’Arabia Saudita

a cura di Iannozzi Giuseppe

Rayed Krimly

L’ambasciatore dell’Arabia Saudita a Roma, Rayed Krimly, ha rivolto un appello all’Italia: “No a lezioni in tema di diritti umani. L’Italia non interferisca”. E in una lettera aperta agli “amici italiani”, Rayed Krimly spiega che Ali Mohammed al-Nimr è colpevole di “molteplici attacchi armati contro mezzi della polizia, contro personale e stazioni di polizia con armi e bombe molotov, la creazione di cellule terroristiche armate, protezione e assistenza offerta a terroristi ricercati, ripetute rapine a mano armata a danno di negozi e farmacie, nonché reiterati attacchi a proprietà private e pubbliche”.

“Amici miei… l’epoca dell’imperialismo europeo si è da tempo conclusa, a voi possono non piacere alcuni aspetti dei nostri valori o della nostra cultura o delle nostre leggi, ma questi appartengono a noi e non a voi. Peraltro, anche noi potremmo non gradire alcuni aspetti della cultura, della politica o del sistema giuridico italiano, ma non ci troverete a impartirvi lezioni su come condurre i vostri affari… Il nostro è un Paese orgogliosamente indipendente e non è mai stato dominato da potenze coloniali. Non è nostro uso interferire negli affari interni di altre nazioni e certamente non tolleriamo che altri tentino di interferire nei nostri”.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in NOTIZIE, notizie italia, politica, querelle e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.