Recensioni e/o interviste su questo sito richiedono un obolo non inferiore a 10 Euro

Recensioni e/o interviste su questo sito richiedono un obolo non inferiore a 10 Euro

oboloDa oggi in poi, recensioni e interviste saranno scritte  solo per gli autori o editori che verseranno, a titolo di gratitudine per il lavoro svolto dal sottoscritto, un minimo obolo, non meno di 10 Euro.

Quando un professionista lavora gratis, il lavoro da esso svolto non è apprezzato e viene sottovalutato. 

Gli oboli raccolti saranno utili per mantenere in piedi questo sito, che ha dei costi. Gli oboli versati, come è facile arguire, non potranno mai coprire il tanto tempo impiegato dal critico letterario per leggere e poi redigere recensioni e interviste.

L’obolo deve essere intestato a Giuseppe Iannozzi sul seguente numero di conto bancario:

IBAN: IT35 N0306909 209 100000065990

specificando bene in chiaro la causale.

Le condizioni sono queste. Chi ci sta può contattarmi in privato, tramite e-mail:

giuseppe.iannozzi[at]gmail.com

email

In ogni caso non saranno presi in considerazione e-book superiori alle 20 pagine a video.

E’ estremamente necessario inviare una copia cartacea del proprio lavoro, qualora qualcuno fosse interessato nel richiedere una recensione e/o un’intervista.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in comunicati stampa, copia e diffondi, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, segnalazioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Recensioni e/o interviste su questo sito richiedono un obolo non inferiore a 10 Euro

  1. romanticavany ha detto:

    Quando un professionista lavora gratis, il lavoro da esso svolto non è apprezzato e viene sottovalutato; “è proprio vero”, ma a parte questo chi lavora gratis, nessuno . Quindi è giusto devi pretendere il compenso come minimo di 50 Euro.
    Buonanotte King 🙂
    1 Bacio ♥

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E’ proprio così, cara Agnellina Vany. Di palate di cacca ne ho ricevute tante in questi anni, ma ora basta: quand’anche dovessi abbandonare l’attività di critico letterario non avrei alcun rimpianto. Nel corso di tanti anni ho promosso artisti sconosciuti e altri già molto noti, per cui mi posso dire soddisfatto di aver aiutato chi meritevole. Se dovessi farmi pagare sul serio per il lavoro da me svolto, altro che 50 Euro. Chiedo solo un obolo a chi di buona volontà, a chi apprezza sul serio la mia professionalità, di aiutarmi a tener vivo questo spazio critico: null’altro che questo. Ma su facebook si è scatenato un mezzo finimondo e mi hanno pure mandato a quel paese in malo modo. Non apprezzano o vogliono tutto e gratis: certa gente pensa che lo schiavismo sia giusto. Peggio per loro se non vorranno avvalersi di me in qualità di critico, avrò difatti molto più tempo da dedicare alla mia crescita artistica, come scrittore.

    Buonanotte a te, Piccolina. E grazie infinite per il tuo supporto: ne ero più che mai certo.

    Bacio a te, Agnellina dolce. ♥

    King

    Mi piace

I commenti sono chiusi.