Killer da edicola

Killer da edicola

di Iannozzi Giuseppe

killerGli ho sparato. Alla testa. Per essere sicuro d’ammazzarlo sul colpo.
E’ bastato un colpo. Uno solo. Era uno dei tanti. Non lo conoscevo. Mai incontrato in vita mia.
Perché l’ho fatto fuori?
Non c’è un perché. Ho sentito che dovevo farlo secco.
In un thriller da edicola una volta ho letto che chi uccide ha sempre un movente. Balle. Io ammazzo per il piacere d’ammazzare. Semplicemente punto la pistola e chi è, in meno d’un secondo, non è più di questo mondo. Non è difficile da capire.
Un colpo. Uno solo. Un colpo e non due o tre.
Il colpo deve essere mortale.

La maggior parte degli assassini seriali sprecano pallottole: due tre quattro, e alla fine, presto o tardi, li beccano.
Sono anni che faccio fuori la gente, a casaccio. Con un colpo. E’ questo il mio segreto. Non ho un profilo. Non sono un serial killer. Sono uno con la pistola e tanti proiettili per tante vittime da beccare a destra e a manca. Sono molto di più d’un banale killer seriale. Sono un Dio.
Cambio il ferro ogni volta che mando al creatore qualcuno.
Nessuno sa di me.
Faccio un gioco pulito io. Come la morte appaio, colpisco e scompaio.
Premere il grilletto in faccia a uno che non hai mai visto è facile. Non ci stai a pensare, premi e basta.
Il piacere d’ammazzare può forse essere considerato il movente? Non fatemi ridere.
Ogni giorno scompaiono persone che, prima o poi, vengono trovate morte, assassinate.
Tutti si affannano per cercare il colpevole. Alla fine in carcere ci finisce un poveraccio che non ha mai avuto il coraggio d’essere un assassino e che però ha avuto la sfortuna d’esser un vecchio amico o un lontano parente del morto ammazzato.
Nessuno capisce che ammazzare è un’arte e che per ammazzare bene non devi avere delle vittime prefissate.
Quando poi un giorno sarò vecchio, solo allora scriverò un libro, un thriller perfetto, la storia della mia vita e nessuno sospetterà. Non c’è poi molta differenza fra un bravo assassino e uno scrittore di grido.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, Beppe Iannozzi, cultura, fiction, gialli noir thriller, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, letteratura, narrativa, racconti, satira, società e costume e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Killer da edicola

  1. furbylla ha detto:

    è solo diverso ciò che si uccide… rubo
    Cinzia

    Piace a 1 persona

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sì, è una possibilità interpretativa. 😉

    beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.