Contro la violenza sessuale sulle donne

Contro la violenza sessuale sulle donne

di Iannozzi Giuseppe

violenza sessuale sulle donne

Il ghigno di Dio

Quante, quante bestie, invalide
persino per il più basso bestiario.
Molestatori, violentatori, stupratori,
non v’accorgete forse che nulla siete
e mai sarete? Nulla temete, nulla…
eppur già il cappio ce l’avete,
il collo vi lega, stringe e stringe forte
perché la morte non sia né dolce
né veloce; e Dio, impietoso e giusto
– e non come voi v’illudete
pronto a soffocar l’umana dignità -,
quando infine le gambe penzolanti
di voi ch’avete ucciso e offeso
più non muovono un solo spasmo,
sotto i baffi se la ride della grossa
ché per voi, mostri senz’anima,
le mandibole sue affamate
l’Oblio oscuro in un niente
tutti, uno a uno, vi masticherà.

Il ghigno dei Giusti

La quiete dopo la tempesta,
così, sol ieri, il poeta di Recanati;
quanti ancora però gl’ingrati
che a una festa preferiscono
dal busto spiccar una testa!

E sì che di giorni ne son passati
da quell’èra bruta a sprecar fiati
per questa o tal’altra vil causa:
sempre però Nerone ha la scusa,
non buona, per violentare
or Claudia Ottavia, or Poppea.

Inutile che oggi vi beiate
sol perché adusi alla pantomina;
se Dio lo vuole, presto le grate
d’una negra cella, e sul giornale
la notizia, che lo scempio silente
negl’anni prodotto, vi condanna
a non veder del cielo più la luce.

Il ghigno della Tempesta

Voi che danno alle donne recate
ai vostri lombi incatenandole
come schiave e pezze da piedi,
in virtù di quale folle illusione
credete che il Nome e il Cognome,
che a fuoco vi marchiano la fronte,
non siano riconoscibili o conosciuti
alla giustizia umana e divina?
Sì sicuri di voi, violenza usate
credendo il silenzio più duro
del diamante; eppur così non è,
lo sanno quanti tutto han lasciato,
affetti e beni materiali mal acquistati,
nel giro d’un batter di ciglia.
Voi ancora a piede libero,
possibile siate sì tanto ciechi
da non capire che, presto o tardi,
tutti alla pecorina in gattabuia
per maniche di pervertiti assassini?
Mai in eterno dura il silenzio;
quando poi della tempesta il ghigno
distoglie Dio lo sguardo
finalmente felice, ché non conosce
pietà o misericordia la Giustizia.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, poesia, società e costume, violenza, violenza sessuale e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Contro la violenza sessuale sulle donne

  1. furbylla ha detto:

    Fantastiche Beppe… una piaga che sembra sempre più ingrandirsi un grazie da me come donna
    Cinzia

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Poesie che sono un grido di rabbia: per simili mostri così tanto vili non dimostro alcuna pietà: chi usa violenza contro donne e bambini perde automaticamente di fronte agli occhi di Dio ogni caratteristica umana, e se è vero che un Dio esiste, domani questi mostri conosceranno l’Oblio e se la sogneranno la consolazione dell’Inferno, perché, come diceva Gaber, Dio è violento e non perdona. In un Dio così posso credere.

    Non so quanto possano servire, ma spero che quanti sono coinvolti in simile porcherie animalesche leggano e abbiano almeno almeno un freddo brivido lungo la schiena.

    beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.