Il tuo Piccolo Poeta. Poesie per Rosy – di Iannozzi Giuseppe

Il tuo Piccolo Poeta

di Iannozzi Giuseppe

Rosy

Rosy

al mio unico Amore, Mariarosa Marchini

Una sola parolabeating heart

di Mariarosa Marchini

Cosi… a modo suo
linguaggio a volte astratto
nel rumore del quotidiano
invisibile
si confonde nell’orizzonte della notte
sperando di sanare ferite
ancora sanguinanti
con una sola parola
AMORE

Tieni duro, sto venendobeating heart

Bambina, tieni duro
Sto venendo da te per amarti
Non lavorare più, mai più
Tutto quello che desidero sei tu

Dolcezza, smettila di combattere
contro i desideri della tua volontà
E’ giunto il tempo d’amare
Accoglimi fra le tue braccia,
sono nudo, così confuso

Dammi le tue labbra di ciliegia
e metti a tacere la boccuccia
Mi brucia il desiderio
di scrivere lunghe poesie
sul tuo corpo di seta orientale

Dolcezza, mi appartieni
e io ti appartengo
Non lavorare, non lavorare mai più
Sto venendo a farti l’amore
laggiù, proprio laggiù

Lega la tua anima alla miabeating heart

Divampa il fuoco nelle vene
Per tanto tanto tempo
ho aspetto questo giorno
pregando angeli e poeti
Ho visto cadere Babilonia
Ho visto coi miei occhi
la biblioteca di Alessandria
andare in cenere
Non basteranno mai i libri
e tutta la sapienza del mondo
per mettere nero su bianco
quel che adesso io provo

Dolcezza, dimentica lo scudo
Anche Atena ha bisogno
d’un dio minore che la conquisti
per la bellezza della sua femminilità
Dolcezza, quale altra verità cerchi?

Ho visto Parigi nella neve
e Berlino sotto le macerie
Non serviranno le parole
per disseppellire i loro tesori
Tesoro, resta accanto a me

Ho visto, ho visto il domani
Ho visto pugni piovere giù dal cielo:
Golia è andato giù secco in un secondo
e i clown hanno segnato la sua sconfitta
declamando opinioni su opinioni
Ho visto, ho visto bene il domani
Per questo ora ti prego,
lega la tua anima alla mia

Per tanto tanto tempo
ho aspetto questo giorno
pregando angeli e poeti,
lega le tue dita alle mie
Insieme possiamo farcela
ad andare al di là del domani

Piccolo Poetabeating heart

Prima o poi morirà
anche il Piccolo Poeta
che oggi tradisce i suoi giorni
per far dispetto al tempo,
all’argento sulle sue tempie
Di lui non resterà
né l’inganno né la poesia
Prima o poi:
ed è questo che vuoi?

Prima o poi, lo sai
Tu sola hai il potere
perché non sia cenere
nella cenere

Bambina, torna in te,
torna alla gioia di ieri
che ti vedeva libera di rubare
l’uva più dolce dai filari
E di lui qualcosa resterà
E di lui qualcosa resterà
Nel tuo cuore per sempre sarà

Indietro non si tornabeating heart

Quando ridi, quando piangi
Quando l’ultima nota dalla Marlboro
Quando la musica sfuma inizia la danza
Per quanto lontano tu possa scappare
Per quanto tu ti faccia inseguire
Per quanto tu ti possa far sognare,
sappi che l’uscita di sicurezza è fuori servizio

Quando ridi, quando piangi
ho in mente una cosa solamente
Sono sulle tue tracce,
sono un uomo in cerca di preda

Quando ridi, quando piangi
Quando taci, quando dici no
Quando scommetti sulla mia sconfitta
Per quanto tu possa ripetere “non so”
Per quanto tu ti faccia desiderare
Per quanto tu ti possa vestire bene,
sappi che m’hai innamorato e non è peccato

Per quanto adesso tu rida e pianga,
indietro non si torna, non si torna
Così eccitante, così eccitante!

Mi spiace, mi piacebeating heart

Mi spiace e mi piace,
a occhio nudo così di classe
Ogni sabato sera una febbre
penetrando le stanze oscure
del tuo alto castello

Mi spiace e mi piace
metterti alle strette
E ti piace e non ti spiace
tenermi sulle spine

Mi piace così tanto
far il pieno della tua risata
Non prendermi però in giro,
già mi gira la testa
a star dietro al tuo passo

Oh, è così, è così
che si finisce insieme:
l’avresti mai creduto?

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, Giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in amore, arte e cultura, Beppe Iannozzi, cultura, eros, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, poesia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il tuo Piccolo Poeta. Poesie per Rosy – di Iannozzi Giuseppe

  1. furbylla ha detto:

    mi sa tanto che ormai non puoi più dire di non esser poeta…
    Cinzia

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Mi sa tanto anche a me che non lo posso più dire di non essere poeta, perlomeno non con Rosy.❤❤❤

    beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.