Jeff Buckley – Nightmares by the Sea

Jeff Buckley – Nightmares by the Sea

(Anaheim, 17 novembre 1966 – Memphis, 29 maggio 1997)

Jeff Buckley – Nightmares by the Sea

Disteso nel letto, la coperta è calda | Questo corpo non sarà mai al salvo dal dolore | Sento ancora i tuoi capelli, neri nastri di carbone | Tocca la mia pelle per mantenermi intero.

I’m lying in my bed, the blanket is warm | This body will never be safe from harm | Still feel your hair, black ribbons of coal | Touch my skin to keep me whole. (da Mojo Pin, n.° 1)

Cadiamo giù noi due per servire e preghiamo per amare | Nati di nuovo dal ritmo che grida fin dal paradiso | Senza età, senza età e sono lì nelle tue braccia.

Drop down we two to serve and pray to love | Born again from the rhythm screaming down from heaven | Ageless, ageless and i’m there in your arms. (da Mojo Pin, n.° 1)

C’è la luna che chiede di restare | Quanto basta perché le nuvole mi facciano volare via | Bene, è giunto il momento per me di andare, non ho paura, paura di morire.

There’s the moon asking to stay | Long enough for the clouds to fly me away | Well it’s my time coming, I’m not afraid, afraid to die. (da Grace, n.° 2)

Questo è il nostro ultimo addio | Odio sentire che l’amore tra noi due finisca | Ma è finito | Ascolta solo queste parole e poi me ne andrò | Mi hai dato qualcosa in più per cui vivere | Molto più di quanto tu possa immaginare.

This is our last goodbye | I hate to feel the love between us die | But it’s over | Just hear this and then i’ll go | You gave me more to live for | More than you’ll ever know. (da Last Goodbye, n.° 3)

Beh, forse c’è un Dio lassù | Ma tutto quello che ho imparato dall’amore | È come colpire qualcuno che ha sfoderato le armi prima di te | Non è un pianto che senti di notte | Non è qualcuno che vede la luce | È un freddo greve Hallelujah.

Well, maybe there’s a God above | But all I’ve ever learned from love | Was how to shoot somebody who outdrew ya | It’s not a cry that you hear at night | It’s not somebody who’s seen the light | It’s a cold and it’s a broken Hallelujah. (da Hallelujah, n.° 6)

Non è mai finita, il mio regno per un bacio sulle sue spalle | Non è mai finita, tutta la mia ricchezza per i suoi sorrisi quando dormii dolce addosso a lei | Non è mai finita, tutto il mio sangue per la dolcezza della sua risata | Non è mai finita, lei è la lacrima che scende per sempre nella mia anima.

It’s never over, my kingdom for a kiss upon her shoulder | It’s never over, all my riches for her smiles when I slept so soft against her | It’s never over, all my blood for the sweetness of her laughter | It’s never over, she is the tear that hangs inside my soul forever. (da Lover, You Should’ve Come Over, n.° 7)

Ho paura e chiamo il tuo nome | Amo la tua voce e la tua folle danza | Ascolto le tue parole e conosco il tuo dolore | La tua testa tra le mani e il suo bacio sulle labbra di un altro | I tuoi occhi al suolo | E il mondo intorno che ruota per sempre | Addormentato nella sabbia con l’oceano che tutto cancella…

I feel afraid and I call your name | I love your voice and your dance insane | I hear your words and I know your pain | Your head in your hands and her kiss on the lips of another | Your eyes to the ground | And the world spinning round forever | Asleep in the sand with the ocean washing over… (da Dream Brother, n.° 10)

Il suo amore è una rosa pallida e morente | Che perde i suoi petali…

Her love is a rose pale and dying | Dropping her petals… (da Forget Her, n.° 11)

È stata un dolore dal primo giorno in cui l’ho incontrata | Il mio cuore è ancora congelato | Mentre provo a trovare la volontà di dimenticarti in qualche modo | Perché so che sei da qualche parte qua fuori adesso.

She was heartache from the day that i first met her | My heart is frozen still | As I try to find the will to forget you somehow | ‘Cause I know you’re somewhere out there right now. (da Forget Her, n.° 11)

Stai con me sotto queste onde, stanotte | Sii libera per una volta nella tua vita stanotte.

Stay with me under these waves, tonight | Be free for once in your life tonight. (da Nightmares By The Sea, n.° 4)

Come sei ora nel tuo cuore | Illuminati | Non vergognarti di ciò che sei | Sentiti come fosse una cascata | Illuminati, illuminati | Cresci nella luce.

As you now are in your heart | Fall in light | Feel no shame for what you are | Feel it as a water fall | Fall in light, fall in light | Grow in light. (da New Year’s Prayer, n.° 7)

Portagioie di tristezza preso per raccogliere le tue lacrime, | illusioni cristallizzate splendono, dimenticato, sono qui | Portagioie di tristezza, preso per raccogliere le tue lacrime. | Hai lasciato alcune stelle dentro di me | Hai lasciato alcune stelle dentro di me.

Jewel box of sadness, bring to catch your tear | Crystallized illusions shine, forgot I’m here | Jewel box of sadness, bring to catch your tear | Oh, you left some stars in my belly | You left some stars in my belly. (da Jewel Box, disco 2, n.° 9)

Jeff Buckley

Jeff Buckley

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, musica, spettacoli e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Jeff Buckley – Nightmares by the Sea

  1. mariannapuntog ha detto:

    Commovente Jeff!!

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.