Processo Ruby: “Per quanto lui si creda assolto, è per sempre coinvolto”. Il quotidiano Avvenire contro Berlusconi: “Il discorso morale è un altro”

Processo Ruby: “Per quanto lui si creda assolto, è per sempre coinvolto”. Il quotidiano Avvenire contro Berlusconi: “Il discorso morale è un altro”

a cura di Iannozzi Giuseppe

Berlusconi e Ruby

Berlusconi e Ruby

Il segretario della Cei mons. Nunzio Galantino si schiera con il quotidiano dei vescovi Avvenire. In un editoriale il direttore del quotidiano, Marco Tarquinio, ha scritto che “l’esito penale favorevole a Berlusconi non cancella il rilievo istituzionale e morale” e aggiunge che “un’assoluzione con le motivazioni sinora conosciute non coincide con un diploma di benemerenza politica e di approvazione morale”. “Avvenire ha preso una posizione coraggiosa che va sostenuta e confermata” dice Galantino, che poi aggiunge: “La legge arriva fino a un certo punto, ma il discorso morale è un altro”.

Non è la prima volta che la Cei prende posizione contro alcuni comportamenti dell’ex premier, che crede e spera ancora di poter tornare in campo (in politica) come se nulla fosse accaduto. Nel settembre 2011 il presidente della Cei Angelo Bagnasco aveva parlato di “comportamenti contrari al pubblico costume e alla sobrietà richiesta dalla stessa Costituzione”, riferendosi all’art. 54 della Carta che impone ai funzionari pubblici di “adempiere con disciplina e onore” a ogni pubblico ufficio definendo simili stili di vita come “difficilmente compatibili con la dignità delle persone e il decoro delle istituzioni e della vita pubblica”.

Galantino spiega il senso delle sue affermazioni parlando a margine di un convegno sul servizio civile. Il segretario della Cei precisa che “la questione non riguarda solo Berlusconi. Tutte le volte in cui c’è una assoluzione bisogna andare a leggere le motivazioni”. Poi aggiunge: “Il dettato legislativo arriva fino a un certo punto, il discorso morale è un altro”.

Ed allora, come cantava in poesia Fabrizio De André: “E se credete ora/ che tutto sia come prima/ perché avete votato ancora/ la sicurezza, la disciplina,/ convinti di allontanare/ la paura di cambiare/ verremo ancora alle vostre porte/ e grideremo ancora più forte/ per quanto voi vi crediate assolti/ siete per sempre coinvolti,/ per quanto voi vi crediate assolti/ siete per sempre coinvolti…”

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in Iannozzi Giuseppe, NOTIZIE, notizie italia, politica, politici, querelle e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.