“Peekaboo bang”. Poesie dalla Beat Generation di Iannozzi Giusepppe illustrate da Valeria Chatterly Rosenkreutz

Peekaboo bang

Poesie dalla Beat Generation

di Iannozzi Giuseppe

Revisiting Veronica Lake by Chatterly

Revisiting Veronica Lake by Chatterly

Revisiting Veronica Lake è opera di Valeria Chatterly Rosenkreuz

0.

Dicono…
Si dicono poeti
Piattole abitano
cervelli calvi
Topi imper-
versano,
scelgono tope
di seta vergine
& fanno il verso
prima di venire

Scavalca il cielo,
beve dall’utero:
Allen sa come
si fa, come si sta
dopo

Meraviglioso

I.

Cane, cane, cane…
ti amano
Piovono sassi
Il Cristo che amavo
da bambino
se l’è fatta sotto
– rimango qui
in attesa di oro,
di una risposta

II.

Non guarisce
il taglio sulla mano;
il pollice alzato,
il sorriso di Neal
un taglio cesareo
& nemmeno un’auto
Blu e altro blu
sulla U.S. Route 66
Charlie spoglia l’uccello
Fumo e note
& ora in mezzo
ai ricordi per tornare
nel grembo
della Grande Madre

III.

Bruciano i libri
dell’infanzia
Buddha sorride
& i giovani bonzi
lo imitano male
Bruciano le parole
Bruciano i significati
senza averli mai
conosciuti da vicino
I pochi salvati
dal rogo venduti
sottoprezzo
a ubriaconi e spacciatori,
& i giovani bonzi
si danno fuoco
in segno di protesta;
ma non sanno,
non sanno un cazzo
Il niente li annienta

IV.

Quel che farò
non lo farò
Il disastro
& il distratto
Tutto ho perso
nel Tutto
& niente, niente
è tornato indietro
Ma all’improvviso
qui felina Bellezza
che mai prima d’ora
avevo visto,
sorriso d’avorio
& mille stelle
su Hollywood
che non accennano
a spegnersi

Quel che farò
non lo farò,
non questa notte
che la Pantera Nera
mi spalanca le fauci
sulla faccia di fumo
per lacerare a morte
la solitudine

VI.

E’ sulla Settima
La lavatrice
mangia gettoni
a vuoto; & Dio
da lassù incassa

VII.

Wall Street
Caduta libera
Dollari & Pagliacci
La ragazza ha detto
che domani
uomini e vetri giù;
cambiare pettinatura,
sconti per il taglio
più corto, il barbiere
ha parlato chiaro

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte, arte e cultura, attualità, avanguardie letterarie, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, poesia, società e costume, Valeria Chatterly Rosenkreutz e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a “Peekaboo bang”. Poesie dalla Beat Generation di Iannozzi Giusepppe illustrate da Valeria Chatterly Rosenkreutz

  1. Cristopher toph Caietti ha detto:

    Molto belle. Mi ricordano Jack Kerouac quindi complimenti.

    Piace a 1 persona

  2. mariannapuntog ha detto:

    Timidamente lascio un commento…. ma, che lascio che lascio, i miei complimenti e basta

    Piace a 1 persona

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Grazie infinite. Le ho scritte alla maniera di Kerouac, che peraltro conosco molto bene, avendolo letto in lingua originale.

    beppe

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Grazie infinite, cara Marianna. Bastano e avanzano i complimenti, non so quanto meritati ma, per fortuna o sfortuna, credo di saper anche scrivere della buona poesia. 😉

    Mi permetto un bacio ❤

    beppe

    "Mi piace"

  5. Cristopher toph Caietti ha detto:

    Sì anch’io l’ho letto in originale. A mio parere sei riuscito a farlo in una lingua diversa dalla sua. Ci vuol talento!
    Cris

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Immagino di sì, che ci voglia anche talento, perché la lingua italiana non si presta granché a quel tipo di scrittura che era tipica della Beat Generation.
    Leggere Kerouac, Ginsberg, Ferlinghetti, Burroughs, etc. etc. è un grande godimento, ma, a mio avviso, occorre leggerli in lingua originale, altrimenti si perdono davvero tante e tante sfumature. Il solo modo per leggere bene e comprendere questi autori è di leggerli in lingua originale, anche se non è facile. Però il godimento è straordinario.

    beppe

    Piace a 1 persona

  7. Cristopher toph Caietti ha detto:

    Assolutamente d’accordo Beppe.

    Piace a 1 persona

I commenti sono chiusi.