Pedofili tra il clero

Pedofili tra il clero

di Iannozzi Giuseppe

prete pedofilo

prete pedofilo

– Padre, temo per la mia anima.
– Tutti noi, figliolo.
– Il mio caso è grave, più grave…
– Spiegati. Sei qui per questo o no?
– Certo.
– Coraggio, Dio è con noi sempre.
– Sempre? Anche adesso?
– Dio sì.
– Bene. Allora Padre caro, deve sapere che sono stato violentato. Non è facile da dire.
– Così grande e grosso!
– No, non adesso… quand’ero un soldino di cacio e andavo a catechismo…
– E…?

– C’era uno che… be’, la storia è la solita, per cui gliela faccio corta… questo prete mi ha costretto a fargli certe cose…
– Come?
– Tipo prendergli il campanello in mano o in bocca, tirarmi già i pantaloni per ficcarci dentro il suo batacchio… le solite cose sporche, Padre.
– Bene, ma non capisco…
– E’ che Dio se n’è infischiato quando quel pretaccio me lo ficcava in quel posto, questo non può che significare una cosa sola e cioè che Dio non è sempre con noi in ogni posto.
– E’ questo che ti tormenta?
– Adesso non più, Padre. Ho fede che Dio non si curerà mai di me, nemmeno dopo che le avrò cacciato una pallottola in quella cazzo di testa che si ritrova. Preghi, caro Padre, preghi… Dio non fermerà la mia mano.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, letteratura, narrativa, racconti, racconti brevi, satira, società e costume e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Pedofili tra il clero

  1. furbylla ha detto:

    La pedofilia è qualcosa di enormemente infame ma compiuta da un prete è qualcosa ancora peggiore e forse lascia in chi la subisce un “tradimento” doppio…
    Buongiorno
    Cinzia

    Mi piace

  2. mondidascoprire ha detto:

    Terribile , è come rimettere in Croce Cristo , ogni volta che tradiamo il suo amore e la sua verità. Buona domenica , Annamaria

    Mi piace

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    La pedofilia è uccidere Dio. E qui con Dio intendo il Bene, l’innocenza che eppur c’è nell’uomo. E’ una cosa così tanto abominevole che non può essere perdonata e che non si deve perdonare. Un pedofilo non merita alcuna pietà, perché sì, è un tumore all’interno della società, un tumore che ha da essere estirpato. La pedofilia, venga essa da uno sconosciuto, da un membro della famiglia, da un prete, è quanto di più criminale si possa commettere contro il genere umano, contro la VITA. Un pedofilo è buono solo per finire sulla forca o al limite, se vogliamo essere buoni, a spaccare pietre per il resto della sua vita in un carcere di massima sicurezza.

    beppe

    Mi piace

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Esatto. Meritano forse il perdono i pedofili? No, non a mio giudicio. La pedofila è crocifiggere la VITA, per cui va punita con il massimo della pena. E purtroppo le pene applicate contro i pedofili sono ancora fin troppo leggere, cara Annamaria. Ci vogliono pene molto molto più severe, ergastolo a vita come minimo.

    Buona domenica a te

    beppe

    Mi piace

  5. mondidascoprire ha detto:

    La pedofilia merita di avere una grossa pena, senz’altro. Certo è inconcepibile che possa aver interessato anche i sacerdoti, come qualcosa contro la stessa natura dell’uomo e del credente. Il perdono è un livello molto alto , particolare, solo Dio può perdonare.Noi ci affidiamo al Suo perdono . Buona domenica Beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.