Giuseppe Iannozzi: “La cattiva strada” o la tentazione del male – recensione di Giovanni Agnoloni

Giuseppe Iannozzi: “La cattiva strada”

O la tentazione del male

di Giovanni Agnoloni

Fonte: PostPopuli.it

La cattiva strada – Giuseppe Iannozzi – Cicorivolta edizioni – collana i quaderni di Cico – pp.116 – © 2014 – ISBN 978-88-99021-28-3 – prezzo: € 12,00

La cattiva strada -- Giuseppe Iannozzi - Cicorivolta

La cattiva strada — Giuseppe Iannozzi – Cicorivolta

La cattiva strada, di Giuseppe Iannozzi (ed. Cicorivolta), è un libro che mi ha dato molto da pensare. Un romanzo figlio dei nostri tempi, per i temi che affronta, e figlio del passato, per lo stile con cui lo fa. Dopo tutto, della tentazione (e della scelta) del male tratta. E questo, purtroppo, è un argomento sempre attuale.

Il protagonista, Matteo, vive quella che potremmo chiamare un’esperienza di (dis)educazione etica ed emozionale, passando attraverso tutta una serie di esperienze estreme, dal furto al tradimento, dal vendersi al violare qualunque tipo di sacralità, sempre navigando nelle nebbie di una società sbattuta, lacerata e scissa. Le città italiane – diverse – per cui si sposta come un cane randagio fluttuano nel loro brodo cosmico di grigi inespressi, nella loro noia arresa. E questo personaggio si muove, ramingo, in un mare che lo sbatacchia e nel quale decide – in modo pressoché sistematico – di fare sempre la cosa sbagliata.

Sballottato in un’esistenza fondamentalmente priva di amore – degli altri, per se stesso e per gli altri – girovaga come fanno le bestie rapaci, sempre pensando alla prossima preda (e al prossimo bottino). È la quintessenza non solo del relativismo etico, ma direi addirittura di un’etica (pervicacemente) rovesciata. Proprio come nel mondo di oggi, in cui tutto pare sofisticamente opinabile e il nero spesso viene spacciato per bianco. Solo che lui il nero lo vede nero e lo sceglie deliberatamente. Non tanto per il gusto di fare il male, ma per istinto di sopravvivenza e per una radicale rabbia verso il mondo.

Non che io cerchi di fare il suo “avvocato”, ma il fatto è che Matteo agisce con una puntualità quasi pura. Per lo meno nel senso etimologico dell’aggettivo, che si ricollega al fuoco (pyr, in greco antico). Ecco, il protagonista di Iannozzi si brucia costantemente sull’”altare” della negazione del suo centro interiore. Ma lo fa per vie dapprima tonde, sinuose, come lo stile dell’autore, che scorre via come l’olio buono, con spunti descrittivi e quadri d’ambiente che ricordano, mutatis mutandis, scrittori-paesaggisti come Marino MaglianiFrancesco Biamonti o, ancor prima, Mario Rigoni-Stern.

Poi però ci sono delle brusche accelerazioni, corrispondenti ai momenti in cui Matteo, colto da uno dei suoi sussulti, aggredisce, ruba o in ogni caso fa qualcosa di moralmente discutibile. Allora il ritmo accelera, come in una ballata sghemba, e le scene si fanno crude, fino a (più che) sfiorare la blasfemia. Non nego che a volte mi abbiano urtato, né più né meno come le vignette di “Charlie Hebdo”. Con una differenza, però: qui non si voleva provocare, ma illustrare come funziona e opera il male, che spesso nasce da situazioni difficili, quindi scivola nell’anima inasprita dalle necessità, giustificando e alimentando se stesso; e, infine, strappa qualunque legame, incluso quello con la radice dell’essere. Quella che chi così lo sente chiama “Dio”. E che – sempre per chi così riesce a sentirlo – è e resta fino alla fine, e nonostante tutto, l’Amore che questo protagonista non ha mai veramente conosciuto.

pdf download  scarica un estratto del libro e la scheda editoriale


Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe detto Beppe, classe 1972, torinese, giornalista regolarmente iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti, è un critico letterario e uno scrittore.
Nel 1994 ha pubblicato per i tipi Editrice Nuovi Autori il romanzo Amanti nel buio di una stanza (fuori catalogo).
Nel 2012 ha pubblicato Angeli caduti per Cicorivolta Edizioni; nel 2013  L’ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta edizioni) e La lebbra (Il Foglio letterario).

Nel 2014 sono usciti La cattiva strada per Cicorivolta Edizioni e una biografia su Charles Bukowski (con alcuni racconti di scuola bukowskiana).

acquista “La cattiva strada” di Giuseppe Iannozzi

La Feltrinelli online


Se ti piace “La cattiva strada” di Giuseppe Iannozzi puoi mettere un “mi piace” sulla pagina Facebook dedicata al libro.

mi piace

http://www.facebook.com/pages/La-cattiva-strada-Cicorivolta-di-Iannozzi-Giuseppe/377881362375394

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA, ACQUISTA ONLINE, arte e cultura, attualità, critica, critica letteraria, critici letterari, cultura, editoria, gialli noir thriller, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, LA CATTIVA STRADA, letteratura, libri, libri di Iannozzi Giuseppe, narrativa, rassegna stampa, recensioni, romanzi, segnalazioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.