Demis Roussos

DEMIS ROUSSOS

a cura di Iannozzi Giuseppe

Demis Roussos

Demis Roussos

Demis Roussos, noto per la sua voce più unica che rara, è morto all’età di 68 anni. Grazie alla sua voce dalla timbrica calda, la sua musica spaziava dal rock progressivo alla disco music. Demis Roussos ha saputo esprimere il passato ellenico e la bellezza delle terre in cui ha vissuto attraverso un canto poetico e soave, prestato a generi molto diversi. E’ stato anche un notevole bassista, il cui stile ricorda le sonorità e la tecnica di Paul McCartney e di Brian Wilson.

Artemios Ventouris Demis Roussos, questo il suo nome completo, era malato da tempo;  si è spento nel corso del fine settimana in una clinica, dove da tempo era ricoverato.

Roussos è stato anche coinvolto in uno dei più importanti eventi di cronaca degli anni Ottanta: il 14 giugno 1985, mentre si trovava in volo da Atene a Roma, il suo aereo è stato dirottato da due miliziani sciiti. Roussos e la sua terza moglie, sono stati tenuti prigionieri e il musicista ha trascorso il suo 39° compleanno in aereo. Rilasciato illeso cinque giorni dopo, in una conferenza stampa ha ringraziato i suoi carcerieri per avergli regalato una torta di compleanno.

Demis Roussos era nato ad Alessandria D’Egitto il 15 giugno 1946. E’ stato l’anima e la voce e il bassista degli Aphrodite’s Child, insieme a Vangelis. Le sonorità della band miscelavano atmosfere greco-mediterranee e rock progressivo con un sostrato di musica classica. Il grande successo Rain And Tears – che adattava in chiave pop il Canone in re maggiore dell’abate Johann Pachelbel, compositore tedesco del Seicento – fu pubblicato nei giorni del Maggio francese e divenne colonna sonora di quei giorni. Il successo fu totale mettendo d’accordo critica e pubblico: in Italia la canzone si piazzo al numero 1 in classifica per 4 mesi consecutivi. Tra i suoi tanti successi, It’s Five O’clock, Spring Summer Winter And FallQuando l’amore diventa poesia/Lontano dagli occhi (questo un 45 giri prodotto apposta per il mercato italiano), Profeta non sarò, My Friend the Wind, Follow Me, Island of Love, Sailin’ Home, Goodbye My Love Goodbye, Thiname, My Reason, We Shall Dance.

Nel corso della sua lunga carriera, Roussos ha pubblicato 79 dischi ed ha venduto più di 60 milioni di dischi in tutto il mondo. L’ultimo suo lavoro in studio risale al 2009, Demis, su etichetta Discograph.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, musica, NOTIZIE, notizie dal mondo, spettacoli e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.