PINO DANIELE

PINO DANIELE

(Napoli, 19 marzo 1955 – Magliano in Toscana, 5 gennaio 2015)

La musica italiana e internazionale perde un grande: è morto Pino Daniele. Il cantautore napoletano, che avrebbe compiuto 60 anni il 19 marzo, è stato stroncato nella notte da un infarto. “E’ un momento terribile”, ha commentato la figlia Sara.

Bandiere a mezz’asta, a Napoli, per la morte di Pino Daniele. Secondo quanto ha reso noto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, le bandiere saranno esposte a Palazzo San Giacomo, sede del Comune, e in via Verdi, nella sede del palazzo del Consiglio Comunale.

Nel giorno dei funerali di Pino Daniele a Napoli sarà proclamato il lutto cittadino. Lo ha annunciato il sindaco di Napoli Luigi de Magistris che ha espresso il desiderio di allestire la camera ardente nelle sale del Maschio Angioino, ma – ha sottolineato – ”bisogna ascoltare le volontà della famiglia”.

Su Twitter, Luigi de Magistris (@demagistris – 5 Gennaio 2015): “Pino Daniele è morto, ma la sua musica è eterna. Pino è Napoli, legame infinito e indistruttibile, come il suono e la voce della sua musica”.

“Io non sono figlio di Napoli… io mi sento un figlio del Sud, un garibaldino. Da quando ho l’età della ragione ad oggi non è cambiato niente, anzi la situazione è peggiorata. Ma non voglio pensare che non ci sia più la speranza. Una speranza che purtroppo si riaccende soltanto quando salta fuori qualcuno: una volta è spuntato Maradona, una volta Troisi, una volta Pino Daniele… Purtroppo è un popolo che ha bisogno sempre di un re. O di un Masaniello” (Pino Daniele, Corriere della Sera, 3 giugno 2011).

“E po’ se faccio ‘e corna, nun è pe cattiveria, è che ce l’aggio a morte cu chi sfrutta ‘a miseria”. (Pino Daniele – Dall’interno della copertina dell’album Sciò, 1984)

“Pino è un po’ l’Eduardo della canzone, un musicista che riesce a tirare fuori napoletanità e sentimento senza cadere nel folklore o nel partenopeo a tutti i costi”. (Massimo Troisi)

Dalle canzoni di Pino Daniele:

– Fatte ‘na pizza c’a pummarola ‘ncoppa vedrai che il mondo poi ti sorriderà. (da Fatte ‘na pizza, 1993)

– ‘A vita è ‘nu muorzo ca nisciuno te fa dà ncoppa a chello ca tene. (da Viento ‘e terra, 1981)

– ‘A vita è ‘nu muorzo, nun me fà’ ‘ntussecà’ (da Ammore Scumbinato, 1989)

– …che Dio ti benedica
che fica! (da Che Dio ti benedica, 1993)

– …e allora sì ca vale ‘a pena ‘e vivere e suffrì’, e allora si ca vale ‘a pena ‘e crescere e capì’… (da Allora sì, 1993)

– E prova a te girà’ pe’ dinto ‘o lietto ‘e notte, c’arteteca ‘e chi è stato tutt’a vita ‘a sotto… (da Sulo pe’ parla, 1981)

– E se hai la pelle nera, amico guardati la schiena… io son stato marocchino, me l’han detto da bambino, viva viva o’ Senegal! (da O’ Scarrafone, 1991)

– I’ m’arreseco sulo si vale ‘a pena ‘e tentà… ma po’ chi mm’ ‘o ffà fà?! (da Yes, I know my way, 1981)

– Guagliò, ma che te ne fotte?! E quando good good cchiù nero da notte nun può venì! (da Che te ne fotte, 1981)

– Napule è mille culure | Napule è mille paure | Napule è a voce d’ ‘e criature | che saglie chiano chianu | e tu saje ca nun si sulo. (da Napule è, 1977)

– Napule è ‘na carta sporca | e nisciuno se ne ‘mporta | e ognuno aspetta ‘a ciorta. (da Napule è, 1977)

– Appocundria me scoppia ogne minuto ‘mpietto, pecchè passanno forte haje scuncecato ‘o lietto. Appocundria ‘e chi è sazio e dce ca è diuno… Appocundria ‘e nisciuno. (da Appocundria, 1980)

– Alleria, pe’ ‘nu mumento te vuò scurdà che hai bisogno d’alleria, quant’e sufferto ‘o ssape sulo Dio. E saglie ‘a voglia d’alluccà, ca nun c’azzicche niente tu, vulive sulamente da’: e l’alleria se ne va… (da Alleria, 1980)

– Io ci sarò ad alzare il vento, pensaci bene e poi fai posto al sentimento. (da Io ci sarò, 1984)

– E intanto passa stu noveciento passammo nuje s’acconcia ‘o tiempo. (da Lazzari felici, 1984)

– Vorrei rubare per un’ora qualche sorriso e qualche storia però il tempo sta cambiando… Schizzechea. (da Schizzechea, 1988)

– Nun da’ retta è meglio ca ognuno penza a sé. Nun fa’ comm’a me, che parlo sulo, che faccio capa e muro. (da Carte e cartuscelle, 1989)

– Da S. Martino vedi tutta quanta la città col mondo in tasca e senza dirsi una parola. (da Un angelo vero, 1993)

– Io per lei ho due occhi da bambino, se sei tu il mio destino allora portami via… (da Io per lei, 1995)

– Sai che mi piaci quando parli così in fretta, sembra che mastichi le nuvole… (da Io per lei, 1995)

– E se appunisci a parlesia appunisci che è tutta ‘na bagaria. Pensano solo ‘arcì, ‘nce hanno ‘ntardito ‘o ngrì. ‘E iammo so’ toke, ‘e iammo so’ bacane. ‘A culpa è sulo ‘e bane, c’hanno acciso sane sane. (da I buoni e i cattivi, 1999)

– Sienti fa accussì, nun da’ retta a nisciuno; fatte ‘e fatte toie ma si hai ‘a suffrì caccia ‘a currea. (da Yes, I know my way)

– Masaniell è crisciut eeh | Masaniell è turnat | Je so pazz aaah | Je so pazz e | Nun ci scassat ‘o cazz! (da Je so pazzo, 1979)

– Na tazzulella ‘e cafè | Acconcia a vocca a chi nun po’ sapè | E nuje tiramm annanz ch’è rulur ‘e panz | E ‘nvec ‘e c’aiuta c’abboffan ‘e cafè. (da Na tazzulella ‘e cafè, 1977)

– A me me piace ‘o blues e tutt’ ‘e juorne aggia cantà. (da A me me piace ‘o blues, 1980)

Pino Daniele and Eric Clapton

Pino Daniele and Eric Clapton – Click for full size image

Pino Daniele nel Presepe

Pino Daniele nel Presepe

Pino Daniele – It’s Now Or Never

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cronaca, musica, video e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a PINO DANIELE

  1. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Questo post è in corso di aggiornamento. Man mano che ho delle notizie, le raccolgo e le aggiungo.

    "Mi piace"

  2. Lord Ninni ha detto:

    Quando muore un grande artista, in molti (non tutti per fortuna), tirano fuori il coccodrillo e iniziano a piangere. Questo è quello che mi fa più male. Mi devasta, soprattutto quando penso che ieri era vivo e nessuno si sperticava, profondendosi, in tante parole e parole e parole da come sto assistendo in queste ultime ore.
    Morto un grande artista il senso di vuoto ti prende alla gola; ti esacerba l’anima; ti morde le parole.
    Quando muore un grande artista il mondo, in silenzio, osserva e piange.
    Ieri notte è morto un grande artista.
    Ieri notte e parole napulitane hanno smesso di esprimersi.

    In subordine al tuo lodevolissimo impegno, caro Beppe, (passerò più frequentemente, per leggere e ultime di cui ti sei fatto carico) ricordo Pino Daniele come un grande artista.
    Un autore bravo e pronto a cogliere i momenti veloci della sua napoletanità, racchiudendoli e fermandoli nelle parole della sua musica.
    Non lo seguivo come cantante (non era nelle mie corde il suo canto), ma come autore mi ha rapito il cuore. E da sempre. Per rispetto non elenco le numerose canzoni che hanno lasciato un segno profondo.
    Da bolognese, però, non posso non ricordare quando, nel 1987, si esibì con Lucio Dalla dove, nel pieno di una trance canora ci regalò, l’infinita bellezza, dell’abbinamento nella canzone “Caruso”.
    E sorrideva, sorrideva, sottolineando come, quella napolitanetà avesse “‘nfettate” ‘o bolognese.

    Un pezzo d’arte che se ne va.
    Un po’ di noi che se ne va.

    Tutto il resto è accademia.

    Un abbraccio, caro Beppe.

    Ninni

    Grazie

    "Mi piace"

  3. Paolo Lacqua ha detto:

    Ciao Giuseppe, Lord Ninni e Lettori Tutti,
    la scomparsa di Pino Daniele penso ci abbia colto tutti all’improvviso come un fulmine a ciel sereno, impossibile quindi per me adesso farne una commemorazione biografica in quanto su un Artista del suo calibro ci sarebbero da scrivere numerose belle pagine di memorie.
    Da appassionato di musica a 360° rispettosamente mi limito a dire che é grazie a Pino Daniele se il cantautorato Italiano di questi ultimi 40 anni ha assunto un “taglio” internazionale senza rimanere però chiuso in se stesso ma assorbendo i vari “colori” artistici del mondo, suonato da musicisti del mondo, un mondo integrato e non il contrario!
    …Oggi di più non riesco a dire.
    Ciao Pino ci mancherai tantissimo!
    Paolo.

    Piace a 1 persona

  4. Lord Ninni ha detto:

    Grazie a lei.
    Buona sera.

    "Mi piace"

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Caro Paolo,

    è andato via un grande. Non faccio coccodrilli perché non ne sono capace, ed evito in questo luogo eventuali polemiche, anche in merito ai funerali che si svolgeranno a Roma oltreché della camera ardente chiusa ai fan. Pino Daniele non c’è più. E’ questo quello che so.

    Ho letto diverse commemorazioni biografiche, non buone, perché scritte sull’onda emozionale del momento e quindi rabberciate quando non peggio.
    Dirò dunque chi era per me Pino. Pino era l’anima del blues, non solo del blues napoletano o italiano, era una grande del blues internazionale, un cantautore-poeta. Lascia un vuoto incolmabile. Quello che Pino ha fatto, senza mai atteggiarsi e ricercare la fama a tutti i costi, ben pochi altri lo hanno fatto nel corso della loro carriera musicale. Pino lo ricordo sempre come un tipo schivo ma fortemente umano, pronto a lanciare strali contro il brutto costume dilagante. Ultimamente l’ho visto affaticato. La sua improvvisa dipartita è stato un fulmine a ciel sereno, con ‘o sole ncoppa. Ma la sua musica spaziava dal blues al jazz, con forti contaminazioni folk ed etniche, perlopiù di carattere mediterraneo. Ha anticipato Zucchero, di una lunga pezza, con i suoi testi che sono geniale amalgama di napoletano, italiano e inglese. Dire di Pino, dei suoi testi, della sua musica, non è compito facile per nessuno. Quel che so è che è venuto a mancare un poeta e della musica e del grande cantautorato internazionale. La sua musica, di anema e core, è entrata dentro chi l’ha saputa ascoltare e vivere, perché per ascoltare Pino Daniele uno deve avercela per forza un’anima nera a metà, deve sentirlo il blues scorrere nelle vene. La musica di Pino era questo e molto di più, non a caso ha collaborato con tanti nomi del panorama musicale italiano e internazionale. E come già ho accennato, quando si trattava di parlare dello schifo in Italia, non si tirava indietro, proprio come Tommaso Aniello d’Amalfi meglio conosciuto come Masaniello. Il cordoglio non è sufficiente per un Artista come Pino Daniele. Non sarà dimenticato, nei secoli dei secoli, questo è poco ma sicuro. Perché Pino era un ribelle, animato da quello stesso spirito di rivolta che ha eternato Masaniello. Cantando di Napoli, Pino Daniele è riuscito a ritrarre le tante bellezze dell’Italia e le contraddizioni che da secoli cova in seno. Le contraddizioni italiane sono vecchie di secoli e non si è riuscite ancora a sanarle oggi. Probabile che mai si potrà sanarle, perché sono oramai diventate parte integrante del carattere dell’italiano medio; e con ciò non intendo asserire che l’italiano è una brutta persona, molto più semplicemente intendo dire che l’italiano è fatto di uomini complicati, non catalogabili secondo precisi schemi sociali. Questo Pino lo aveva compreso bene e ce lo ha cantato, in poesia, attraverso le sue canzoni, che hanno un taglio internazionale e non nazionale o regionalistico.

    Beppe

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Caro Lord Ninni,

    temo di poter contribuire a omaggiare Pino soltanto con un mio personalissimo ricordo, sperando che non risulti essere un coccodrillo. Come avrai di certo notato, questo articolo è una cosa puramente redazionale, perché di coccodrilli ne ho letti fin troppi in queste ore e ne sono rimasto piuttosto disgustato. Posso dire che seguo Pino Daniele da tempi non sospetti, da quend’ero pressoché un ragazzino. Il mio unico rimpianto è di non avere ancora il suo ultimo lavoro in studio, “La grande madre”. Il resto della discografia di Pino Daniele ce l’ho tutta, non sono dunque un fan dell’ultima ora. E come ben saprai, sono di origine campane (da parte di madre): mio nonno paterno era amalfitano. Era per me impossibile non rimanere ammaliato dalla musica e dalla poesia di Pino Daniele, che cominciai ad ascoltare grazie alle mie cugine (amalfitane). Ricordo quando regalai loro due dischi storici di Pino, “Terra mia” e “Nero a metà”. A quel tempo andavano ancora le musicassette, era il 1980 o il 1981, non ricordo con esattezza. Fu regalando quei due dischi, che poi ascoltai insieme alle cugine che mi innamorai di Pino Daniele.

    E ricordo Lucio Dalla. Per la prima volta mi scagliai contro Aldo Busi, che mi fece davvero incazzare e di brutto. Qualche volta bisognerebbe imparare a tacere, e forse Busi parla troppo anche quando non è ferrato per niente su certi argomenti, così come fece in occasione della tragica scomparsa di Lucio. Non ho niente da nascondere, l’articolo è ancora qui: https://iannozzigiuseppe.wordpress.com/2012/03/05/contro-lucio-dalla-lannunziata-e-aldo-busi-il-loro-un-perfetto-inutile-parlare/

    Quel che so è che non c’è più Pino. Tutto il resto è rumore di fondo.

    Un forte abbraccio

    beppe

    "Mi piace"

  7. isabella difronzo ha detto:

    Ho tutti i suoi LP e anche qualche cd. Le sue poesie, con le sue note, erano sempre presenti nelle scalette musicali delle mie dirette radiofoniche. Così come resteranno sempre presenti nel mio cuore.
    *
    *
    *

    "Mi piace"

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Io ho tutto in cd e una musicassetta. Mi manca l’ultimo album in studio, che comunque ho già prenotato.
    Ci sono cresciuto con Pino. E’ stata la mia colonna sonora in tutti questi anni. Insieme a lui ho scoperto tanti altri artisti blues e il blues mi è entrato nelle vene ed è oggi la forma musicale che prediligo. Di questo devo ringraziare Pino che mi ha insegnato il valore, la bellezza infinita che è il blues. La musica, le parole di Pino, ce l’ho nel sangue, probabilmente più di qualunque altro bluesman.

    Bacione, Isa che sei Bella

    beppe

    "Mi piace"

  9. isabella difronzo ha detto:

    Bacione a te *

    "Mi piace"

  10. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    ❤ Isa che sei Bella

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.