Lauren Graham ragazza ideale

Lauren Graham

Lauren Graham

Lauren Graham – Click for full size image

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in cinema, spettacoli e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

32 risposte a Lauren Graham ragazza ideale

  1. tuA ha detto:

    anche questa è ideale????????????? però questa è un po’ più vecchiotta della’altra….

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sì, molto ma molto ideale. Ed è bellissima. Trovatemi una Lauren così e la sposo su due piedi.

    Mi piace

  3. mondidascoprire ha detto:

    Ma almeno questa è bruna..ahahah

    Mi piace

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Pensare ch’ero ‘l suo protetto,
    il core dal petto m’ha cavato
    Bella, bella più delle stelle
    alte in cielo: quante balle!

    Col capo fra le mani
    sto io qui a soffrir,
    al cielo raccontando
    di come la brunetta
    con un parola
    e un prolungato silenzio
    m’ha fatto fesso

    Ho così preso la decisione,
    con tutte d’ora in poi
    la tradisco, bionde e brune;
    che lei mi dica pure infame,
    so ben io le ragioni
    del mio cercare di gonna
    in gonna quale il nome
    per la donna che sol ti fila
    e poi via…

    Pensar che la chiamavo
    l’Agnellino mio, buon Dio!
    Carezzando i suoi capricci
    mi rendo conto ora
    che meno d’un burattino
    per lei son stato

    ah ah ah (riso amaro d’un disperato) 😉

    beppe

    Mi piace

  5. mondidascoprire ha detto:

    povero Orsetto…ma come è possibile che Vany se ne è andata? Non mi capacito , sei così tenero oltre che bastardo…

    Mi piace

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Infatti, sì tenero, sì bastardo, neanch’io me ne capacito; e però, che dire? Da lei manco un bacio a fine anno. Che dire, che fare? Alzar forse la corda al cielo e farla finita? Giammai. Allora m’è forza di prendere ardua scelta e scegliere fra le mille un’altra stella. 😉

    Mi piace

  7. mondidascoprire ha detto:

    King Lear avrai un’altra Regina, evvai..

    Mi piace

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Tu dici? Non v’è dunque speranza che l’Agnellino torni a far da me i capricci perché possa io calmarla? M’è dunque destino di rassegnarmi, di cercar altrove, tra bionde e brune un’altra Regina?

    Mi piace

  9. mondidascoprire ha detto:

    Forse l’Agnellino ha trovato un altro Re oppure è una mistica o un’eremita…devi indagare se ci tieni allei Orsetto, manda un investigatore

    Mi piace

  10. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Un altro Re???
    Quale terribile ipotesi mi poni di fronte. Ma io credo che abbia scelto una vita solitaria… forse è sua intenzione farsi eremita in qualche sperduta regione di questo sì vasto mondo. Una mistica, non ci posso credere, e però devo sospettare che proprio così potrebbe essere; ché a lei sempre le è piaciuto cercar chissà quale luce divina! Meglio è che investighi, sperando non mi spacchi il naso con un manrovescio. 😀

    Mi piace

  11. mondidascoprire ha detto:

    in questo caso ti curo io, sono un medico di pronto soccorso…ahahah

    Mi piace

  12. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Una dottoressa? ❤
    Dimmi di sì, una dottoressa di Pronto Soccorso.
    Bionda o bruna? ^_^””

    Mi piace

  13. mondidascoprire ha detto:

    Sì sono una dottoressa , come Vany, di Pronto Soccorso, ero bruna, ora sono biondo miele, rossa..

    Mi piace

  14. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sì, sì, sì… ❤ ❤ ❤
    Una dottoressa, sei una dottoressa. Stupendo, stupendissimo. Ho forse già trovato la mia nuova Regina.
    E sei pure biondo miele, rossa. WOW e doppio WOW. Mi sono già innamorato. ❤ ❤ ❤

    Mi piace

  15. mondidascoprire ha detto:

    Ma non sarò mai come la tua Vany…Orsetto, Vany è Unica !

    Mi piace

  16. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ma Vany è scomparsa. Ha frullato il mio cuore d’orsetto e m’ha lasciato senza notizie, neanche una cartolina, solo un chiodo e un silenzio leopardiano… Gulp!

    Sì, ma tu sei bionda, rossa… e io stravedo per le bionde rosse… D’altro canto se la Regina abbandona il suo Re, il Re che fa? Mica può vivere solo soletto nel suo castello! Cerca un’altra Regina… 😉

    Mi piace

  17. mondidascoprire ha detto:

    Ma io posso essere solo la tua dottoressa rossa preferita, ma non Regina, sono già moglie e madre!

    Mi piace

  18. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Urca!
    Allora sono spacciato. 😉 Non sono un rovina famiglie. Sono un gentil orsetto con il cuoricino rotto.

    Che cerotto potrebbe andar bene per il mio cuore infranto, mia dottoressa preferita?

    Mi piace

  19. mondidascoprire ha detto:

    Lo steri-strip è ottimo, non fa male, il tuo cuore tornerà nuovo di zecca!

    Mi piace

  20. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sì, metterà a posto il mio cuoricino. Però non medicherà né ricomporrà la perduta gioia, non è forse così?

    Mi piace

  21. mondidascoprire ha detto:

    Allora lascia il tuo cuore sanguinare, la gioia rimarrà, perché la ferità è segno di quella gioia.

    Mi piace

  22. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ma tu conosci la storia di King Lear, che è poi anche il nickname che ho adottato. Re Lear, alla fine, a forza di soffrire si è seppellito in una pazzia senza ritorno. Ah, se tutto è perduto lo è per sempre e la gioia di ieri una cicatrice che non ne vuol che sapere di guarire.

    Mi piace

  23. mondidascoprire ha detto:

    Ma forse King Lear non ha avuto fede, non ha avuto la speranza contro ogni speranza, perché sennò perché Dio dona una gioia se non è per sempre?
    King Lear ha creduto di averla perduta per sempre, invece l’ha avuto per sempre.

    Piace a 1 persona

  24. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Potrebbe essere una interpretazione del dramma shakespeariano. Però, King Lear ha di fatto perso ogni fiducia, persino nei confronti della figlia prediletta. Ha perso fiducia, quindi la speranza; e la tempesta interiore si è scatenata in lui.

    Mi consigli dunque d’aver fede? Ma se tutto d’attorno e di ombre e buio, come riscoprire la gioia?

    Mi piace

  25. mondidascoprire ha detto:

    Ricordati che se hai scoperto che l’acqua è bagnata, sarà sempre bagnata, allora ciò che deve crescere in te è la certezza che la gioia è più forte del male, del buio, del dubbio,delle apparenze, ricordati del Piccolo Principe, Vany ti vuol bene, perché anche tu sei stato “la gioia” per lei, e qualsiasi cosa sia successo non deve farti dubitare.

    Mi piace

  26. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Il problema non è il dubitare, è invece la declinazione al passato: sono stato, è stata. Il passato è purtroppo il passato. Questo è il problema, l’unico che conta per noi che siamo qui oggi e forse domani, a Dio piacendo.

    Mi piace

  27. mondidascoprire ha detto:

    Ciò che non torna è che se fosse passata, sarebbe un ricordo che si affievolisce e non farebbe male.Mentre ciò che fa male è quando è presente, è viva, nonostante noi la diamo per morta.

    Mi piace

  28. tuA ha detto:

    °___________°

    Mi piace

  29. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Viva nel cuore e nella mente però. Può mai bastare il ricordo di ciò che è stato? Interrogativo shakespeariano, ma d’altro canto nessun altro come Shakespeare ha disegnato l’uomo e le sue mille contraddizioni.

    Mi piace

  30. mondidascoprire ha detto:

    Oso una mia interpretazione, ma colei che ha generato gioia è solo segno di essa , è solo rimando, come lo è il fiore di campo che richiama la bellezza ma non la genera. La gioia è generata da una sorgente infinita , che ti si è manifestata in quel segno. Allora anche se il segno non c’è più la gioia rimane sempre perchè è il Mistero a generarla. Buona domenica Orsetto

    Mi piace

  31. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Grazie.

    Credo che mi darò da fare per un’altra Regina a questo punto. D’altro canto non son quel tipo d’orsetto che piange.
    Auguriamo a Vany tutta la felicità che merita e scurdammoce ‘o passato. D’altro canto neanche Freud è mai riuscito a capire le donne, unico suo rammarico per tutta una vita spesa in onore della psicologia. Sul letto di morte si rammaricava di non esser riuscito a capire le donne. Bene, se non c’è riuscito lui, chi sono mai io per pretendere di carpire un mistero così tanto grande? Nessuno, cioè un Re e un Re è meno del Padre della psicoanalisi.

    Una nuova Regina per il Re e così sia.

    Buona domenica. Io vo a caccia di una nova Regina. Eh EH Eh

    beppe

    Piace a 1 persona

I commenti sono chiusi.