Vany e Orsetto bastardissimo

Vany e Orsetto bastardissimo

di Iannozzi Giuseppe

Vany e Orsetto bastardissimo

Vany e Orsetto bastardissimo

La mia Fede

Certo che ce la siamo vista brutta davvero. Mi sei venuta addosso uguale a una valanga di tenerezza, e come hai potuto ben accertarti coi tuoi occhietti di bimba, m’ero fatto comunque male sul serio, e solo per questo motivo ho sbottato, mica per altro. In ogni caso a me piaceva che tu mi stessi addosso, bianca di neve e arrabbiata.
Sono io un po’ prepotente, non a caso son orso da tutti detto, nonostante tu, forte della tua gentilezza, m’hai affibbiato nomignolo di Orsetto. Che non so quanto sia appropriato per uno ch’è grosso quasi cento chili. Sono io per te una sorta di gigante e tu proprio un agnellino, riesco difatti quasi sempre a prenderti in braccio anche se scalci e scalci come una matta perché magari in quel momento di stare abbracciata a me non ti va giù. Tuttavia mi voglio illudere che tu abbia oramai capito che è la mia una gentile prepotenza: più ti fai lontana e più mi redarguisci per le mie prese di posizione, più io ti desidero, e non c’è davvero santo che mi possa far cambiare idea. Quando mi metto una cosa in testa, sì, è vero o si fa come dico io o si fa come dico io, in pratica non ci sono alternative. Ciò nonostante devi ammettere che l’altra domenica quando cantavi nel coro in Chiesa, sono venuto a sentirti e mi sono fatto pure il segno della croce in segno di rispetto: posso non credere in Dio, ma non potrei mai perdere una tua performance… non potrei mai non credere in Te. In fondo ogni uomo, per quanto orso possa essere, si sceglie la sua religione e non vedo davvero motivo perché la mia Fede non possa esser riposta in te che sei l’Agnellino mio.

Amore Vampiro

Il tuo amore
– come vampiro
partito da spazi siderali –
infine arrivato,
ha spezzato le mie ginocchia,
ha tagliato
i miei polsi ubriachi di fede,
ed è così che son caduto
perdendo di Dio il favore,
imbrattando lo zerbino celeste
col rosso del sangue,
indicando a Roma la strada
per farsi grande

Sospetto avessi conoscenza
di quante vite parallele
uno affronta col coraggio
che ha nella pancia
prima che sia l’aria a venir fuori
dalla bocca o da più in basso
là dove Belzebù ama esser baciato

E come Diogene
sol ti chiedo di scostarti dal sole:
non ha che silenzi infiltrati
e lunghe quaresime il tuo orecchio
E’ per questo
che non ho dubbio che il tuo amore
succhia via la vita mia
come un vampiro,
come un vampiro venuto
da un mondo lontano
creato prima di Dio
e degli altri Dèi

No, non chiedermi
di vivere ancora un momento o due
perché sia la mia testa a cadere

Straziato,
di questa festa stanco,
invitato per essere esposto
al pubblico ludibrio,
anelo al piacere di riposare gli occhi
perché sia la prossima notte
il mio sguardo affilato
capace di tagliare
in due metà perfette
il seno della Luna

Ti cerco

Ti cerco
sulla muta superficie della Luna
quando le notti sono buie,
profonde di siderali segreti
Ti cerco
perché il tuo cuore batte
seguendo il ritmo del martello
sull’incudine
Ti cerco
perché come Maometto,
passo dopo passo,
arriverò alla montagna

Ti cerco
per vestirti di rose
Per graffiarti
a sangue la pelle di vergine non vergine
e scoprire che sei donna e dèmone
Il bastardo che c’è in me,
a ogni nuova alba, pretende un tributo;
e devo io resistere, tenere strette le redini
e non lasciare che questi cavalli
cadano proprio nel centro esatto dell’Averno

Ti cerco
perché ogni volta che vengo vengo con te
Perché ogni volta che vengo,
un uomo che non sono io si strappa per te i capelli
e come un ossesso bestemmia

Ti cerco
perché Tu, Sposa del Diavolo,
prima di appartenere a Lui,
sei stata creata da una mia costola per me

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, poesia, società e costume, Viola Corallo e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.