6 risposte a Iannozzi Giuseppe vi regala un ebook in pdf (Vendetta – 405 KB)

  1. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Spero il racconto ti piaccia. 😉

    Mi piace

  2. mondidascoprire ha detto:

    Lo leggo e poi ti dico , sappi che io assomiglio molto a Vany, ciao e buona domenica !

    Mi piace

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Lo so che assomigli molto alla tenerissima Vany. L’ho capito da una lunga pezza. Sin d’ora, posso dirti che allora il romanzo breve o racconto lungo, non ti piacerà granché, essendo che è un noir/thriller.

    Buona domenica a te e grazie d’esser passata. La curiosità è già una gran bella gratificazione per me.

    Buona domenica

    beppe

    Piace a 1 persona

  4. mondidascoprire ha detto:

    Non è che non mi piaccia il noir/thriller, piuttosto non mi piace se chiude l’uomo nel nulla, invece è una porta che apre al dramma del mistero.

    Mi piace

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Questa è una storia dai contorni “neri”, con delle immagini piuttosto forti. E’ un uomo che cerca la vendetta, una vedetta vuota: ma non è del tutto vero, in quanto il personaggio di questa storia ha perso tutto, per colpa di uomini senza scrupoli che fanno commercio di organi umani. Lui ha visto troppo e la sua famiglia viene massacrata. Un avvertimento, un crudelissimo avvertimento, purtroppo di grande attualità. Il commercio di organi umani è all’ordine del giorno: chiediamoci perché tante persone scompaiono nel nulla, da un giorno all’altro. Perché? Ecco, questa storia, per nera che sia, vuole evidenziare questo problema e altri, come quello della crisi economica che ha investito l’Italia e non solo, ma anche la paura, perlopiù immotivata, che spesse volte si ha nei confronti dello straniero. Ci sono tanti spunti sociali, tutti drammaticamente attuali. E’ una storia secca, cruda, un po’ à la Truman Capote. In ogni caso, se leggerai “Vendetta”, potrebbe anche piacerti, nonostante ben sappia che non ami le immagini forti: e però la realtà non la si può edulcorare, perché sarebbe una omissione, quindi un peccato.

    Un caro abbraccio e grazie ancora

    beppe

    Piace a 1 persona

I commenti sono chiusi.