Io castrato, io voce regina – Iannozzi Giuseppe

Io castrato, io voce regina

di Iannozzi Giuseppe

Farinelli

Farinelli

Io castrato, io voce regina

Alla fine sono entrato
nel rinomato Coro delle Voci Bianche
Come il volo delle colombe
la mia voce regina nel core vola
di fascisti e compagni, e tutti piega

Alla fine son diventato
quel che son diventato
Quand’ero bambino
mia madre aveva per me
grandi progetti; non si può dire
che l’abbia proprio delusa…
Senza ritegno però la povera donna
oggi chiagne da mane a sera
per quel suo figliolo finito castrato

Quand’ero piccino
mio padre per me aveva sognato
d’insegnarmi a usare il Magico Flauto
proprio come lui; adesso, rassegnato,
si limita a battermi la mano sulla spalla…
mi cade poi in ginocchio a peso morto,
piano m’accarezza le nude caviglie
e peggio d’un ossesso grida maledizioni
Che posso mai fare? Gli reggo il capo
Gl’assicuro che non è poi così grave,
par allora si calmi un poco
e invece tira fuori la pistola e minaccia
di voler farla finita co’ sta vita del cazzo
Non l’ha mai digerito il taglio del suo ragazzo
Son io Farinelli l’attrazione principale,
la Regina del Coro delle Voci Bianche
Ma lui che mi sognava spaccone
come Johnson con il suo grosso blues,
di sana e robusta costituzione
come Lennon con il suo karma,
bello e strafottente per niente coglione
in pratica un Adone,
s’è invece in mezzo alle gambe ritrovato
uno che al massimo tira
come l’ultimo alla Cappella Sistina

Da quando sono un castrato
al baretto cogl’amici non ci va più
Non gl’è andata mai giù
che son diventato
quel che son diventato,
io ch’ero da bambino il suo orgoglio
In famiglia ne han fatto tutti un dramma
Consuma mia madre gl’occhi per la Madonna,
il babbo se li caverebbe colle proprie mani,
mio fratello invece pensa sempre al domani
ma non ci crede davvero che sarà migliore

Alla fine sono entrato
nel rinomato Coro delle Voci Bianche
Come il volo delle colombe
la mia voce regina nel core vola
di fascisti e compagni, e tutti piega
Mi chiamano tutti Farinelli Voce Regina

Son io Farinelli, per tutte le femmine la Regina
Dalle donne d’ogni età vengo presto tanto amato
Son io Farinelli il Castrato, la voce più bella

Per chi non l’avesse ancor intuito o capito
sono la Voce Regina, Farinelli il Castrato,
la dimostrazione vivente che per amare
la virtù non sta nel saper suonare il Magico Flauto
ma in come l’uomo sa invece usar la lingua longa

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, giornalista, scrittore, critico letterario
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, poesia, società e costume e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Io castrato, io voce regina – Iannozzi Giuseppe

  1. Carlos Benito Lecea Elizondo ha detto:

    grazie caro amico beppe molto bello. un grosso abbracco Carlos.

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Grazie a te per il commento, caro Carlos. E’ sempre un piacere ritrovarti.

    Un forte abbraccio, Amico

    beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.