Per natura Ribelli

Per natura Ribelli

di Iannozzi Giuseppe

Io, Lucifero - Iannozzi Giuseppe

Io, Lucifero – Iannozzi Giuseppe

Non le tombe

a Cinzia Paltenghi

Non le tombe
con le lor lunghe ombre
dell’uomo e del suo nome
segneran la Fine.

Come l’aquila che in alto vola
nel cielo segnando volteggi alari;
come il lupo che alla pallida Luna
ostenta fiero occhi e denti affilati;
come Lucifero alla Beltà ribelle
ché pietra dopo pietra tirata su
da un Dio vecchio e crudele;
come il saggio che nel tempio
il suo Namasté presenta
e riconosce di Buddha il sorriso;
così noi che memoria serbiamo
di chi, per amore e per nobiltà d’animo,
al nostro fianco è stato, mai stanco,
felicità errori e orrori dividendo.

Dea di Vendetta

a Chatterly

Uccidimi, uccidimi adesso
Non ho niente da perdere
Il sangue e la croce fra i tuoi seni
non fanno più paura
all’alma mia da tempo persa
negli abissi dove mai ombra viene

I morti risorgono
con su maschere
che fan ridere;
e i carabinieri giocano
gli occhi su tre bussolotti
senza star fermi mai

Non c’è che questa specie di sogno
che mi regge ancora in piedi;
per quale ragione non dovresti farmi fuori
adesso che ho tutto perso
e il nulla ha ripulito da cima a fondo
questa città infestata dal Peccato?

Uccidimi adesso, adesso
che le vene sono più pallide
di quel Cristo in croce
in solitaria compagnia
di tanti uguali a lui persi
nel tempo e nello spazio

Uccidimi adesso
Non era forse questo
che aspettavi da una vita intera,
mia Dea?

Poesie d’amore

Lei: “Non scrivi più poesie d’amore.”
Lui: “Ragazza mia, sono stanco di scrivere… non posso continuare ad andare avanti a seghe con la macchina per scrivere.”

I miei miti

I miei miti così diversi
e le tue abitudini sempre uguali
a certi versi

E un poeta muore
e un uomo nasce
fra il tanfo della miseria,
nel cuore del rumore
che vomita insulsa poesia

I miei miti così
e la tua bellezza sempre
a condannare
chi fa il mestiere,
chi beve fino a tarda sera
perché sia la dimenticanza di sé
la compagna più sincera

I miei miti un po’ così e così
E tu, tu che gli occhi chiudi
sempre alla solita ora,
mentre io scarabocchio
e subito lo scritto straccio
pensandomi già marinaio
imbarcato verso il domani

Era ieri

a Laura Chiara Baldi

Al dolore ci accompagniamo
talvolta cercando compagnia
nel rosso d’una bottiglia,
altre ancora in quella
d’una combriccola
che da tempo i contatti ha perso
con quella scuola
dove tutti s’era compagni, banco
dopo banco, fianco a fianco, copiando
più per la felicità di sfidare il dolore
d’una rampogna
che per sentita necessità

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, poesia, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Per natura Ribelli

  1. furbylla ha detto:

    accontentati di un grazie ma è un grazie grande grande grande…
    cinzia

    Piace a 1 persona

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non c’è bisogno di ringraziarmi. Davvero, Cinzietta. ❤ ❤ ❤

    Non ho ancora fatto in tempo a condividerle per bene. Sono tutte poesie sentite, in particolare una.

    Non so se ho detto bene, ma è quel che il mio animo ha sentito di dire e di poter dire.

    beppe

    Mi piace

  3. furbylla ha detto:

    l’ho messe da me prima ancora che tu taggassi… hai detto benissimo come l’ avesse scritta il mio cuore
    cinzia

    Piace a 1 persona

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Scritte col cuore soprattutto, quindi, forse imperfette. Non sono state pensate, bensì scritte di getto. Spero potrai perdonarmi se lo stile non è perfetto.

    E’ il migliore complimento che potessi farmi.

    bacione ❤ ❤ ❤

    beppe

    Mi piace

  5. tuA ha detto:

    “Poesie d’amore” a chi è dedicata invece?

    Mi piace

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non è dedicata. Semplicemente questo.
    Come avrai notato non scrivo poesie d’amore, non più: perché, a un certo punto, bisogna pur darci un taglio. E io sono interessato a oltre cose della vita.

    Mi piace

  7. tuA ha detto:

    evviva la faccia della sincerità

    Mi piace

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sempre sono sincero.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.