Il tumore è nella scrittura – di Iannozzi Giuseppe

Il tumore è nella scrittura

di Iannozzi Giuseppe

Cthulhu

Cthulhu

1. Gli uomini si innamorano. Le donne si innamorano. Prima o poi, tutti si innamorano dell’amore. Che non c’è. Tutti si innamorano di una mostruosa chimera che porta dritti alla tomba.

2. La bellezza è un gioco che appartiene alla gioventù. Finito il gioco, non resta che la crudezza della verità, per vigliaccheria nascosta dietro un maquillage di nullo valore.

3. Quale necessità spingerebbe mai un artista a scrivere l’ennesimo dozzinale romanzo? La presunzione. Meglio allora essere snob, leggere, rileggere un classico della letteratura fumando una sigaretta dietro l’altra e arrivare all’ultima pagina con un tumore al cervello, o in qualsiasi altro organo vitale del corpo.

4. Sono decenni che si parla della morte, bell’e consumata, della Letteratura italiana, quando invece, se solo fosse rimasta viva un po’ di onestà, si dovrebbe dire a chiare lettere che sono morti gli editori capaci di andare contro il sempre più imperante cattivo gusto.

5. L’arte: una menzogna per non vivere sino in fondo le proprie perversioni.

6. Il decadimento culturale ha origini non troppo profonde… negli ultimi anni si è consolidata la cattiva abitudine che siano i ghostwriter a scrivere romanzi che poi vengono pubblicati con il nome di uno che, realtà, è un asino patentato. Quando H.P. Lovecraft parlava dell’orrore cosmico, del richiamo di Cthulhu, non è da escludere che parlasse di sé in qualità di scrittore fantasma.

7. Nel bene e nel male, le donne che vivono tra le pagine di un libro sono assai più interessanti delle tante donne a passeggio nella realtà di tutti i giorni. La colpa è degli scrittori che lavorano troppo di fantasia, inventando, di sana pianta, qualità e difetti per i loro personaggi femminili.

8. Il Nulla è riassumibile in una lunga e bella pisciata al di là della fossa che domani ci accoglierà.

9. L’arroganza di chi si crede scrittore è superiore a quella di un assassino seriale che crede di poter sfuggire in eterno alla giustizia degli uomini.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.