“Leggerezze abortite” di Iannozzi Giuseppe. E segnalazione libri dell’autore

Leggerezze abortite

di Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe sul Trono del Re

Iannozzi Giuseppe sul Trono del Re


Iannozzi Giuseppe. Romanzi da avere e leggere

acquista

L’ultimo segreto di Nietzsche

Angeli caduti

La lebbra

Scandalo Bukowski

Se i miei libri vi piacciono, be’, potete cliccare “mi piace” su questa pagina:

https://www.facebook.com/iannozzigiuseppelibri

Tutti i libri di Iannozzi Giuseppe sono disponibili nelle migliori librerie
ma anche online su Ibs, Libreria Universitaria, InMondadori, etc. etc.
E in ogni caso possono essere richiesti all’editore.


TI RICORDO

Oh bello, triste ricordo
qui a macerar nel cuor mio
quasi unico testimone
di tutto il dolore
che forte scava
nei ricordi vivi più di noi

Oggi
con una lacrima sul ciglio, noi
sfioriam sul nascere un sorriso
Ma chiusa in silenzio la bocca,
solo gl’occhi s’appannano
in un eterno momento

che è presto eretta cattedrale
d’amori andati a incontrar
l’azzurro celeste volo di dio

e quello più mite d’un poeta
mancato, che sotto i baffi
solo, da solo, accennava sorriso
da non mostrar in luce
per non accecar con troppa bontà
gli occhi degli allievi
timidi impacciati come agnelli

Eppur tutti attenti s’era allora
a le sue parole lievi, sapor di Paris

URLO

Quest’urlo disperato
già perso tra la sabbia
del tempo e l’infinito
non t’arriverà a sfiorar
l’amore né l’orecchio
Così io che qui resto
tra un succederà
e l’ennesima avemaria
perdo un colpo di cuore
e un altro sordo e tetro
come quello di campana
a morto rauca di bronzo
E un goccio di rosso bevo
perché la fine mi sia
se non lieve almeno almeno
di me più ubriaca

M’hai tu dimenticato
Ma non importa il fendente
che m’hai lasciato, un bacio,
triste eredità senza futuro

TI DIMENTICO

Ti dimentico, non ti voglio più
Mi hai sorriso, hai poi invocato gesù
Mi vendico, non ti bacio
Ti lascio, giuro che ti lascio

Ti lascio su due piedi a piedi
mentre pettino i lacci delle scarpe
per portarmi lontano, alle pendici
d’un eremo felice di fiumi e di carpe
da pescare con la paglia in bocca

Ti lascio, non ne voglio più che sapere
Mi hai fatto soffrire
Ti parrà banale, ma io ci son stato male

Ti lascio, ti lascio a dio e buona sorte
Fatti forte, la smetto di farti la corte

Non voglio più soffrire, mangiare brioche
e vuotare poi l’amore in quel whisky
stillato dalle tue mani di morta passione
Non voglio più attaccarmi alla bottiglia,
stringerla al petto
quando vuota come una figlia

Per dio, non voglio

Non voglio, non voglio più te
Mi vendico, mi faccio felice
Lascio tutto, vado a trovar la pace
Mi vendico, ti lascio brioche e whisky
Ti lascio ai fischi dei ragazzi in strada

Mi faccio felice di mano in mano
Sigaretta in bocca, cocca di mammà

Mi faccio felice da mane a sera
La mia bocca non te la porto più,
cocca di mammà

SALVATO

Oh oh oh, m’hai salvato
Con un bacino e un arancino
hai ristorato
il corpo e lo spirito
ch’erano a morire
E l’infermiera cattiva
l’hai fatta morire
in rianimazione
col catetere e il clistere
a farle compagnia
nell’ora estrema
E noi due a far l’amore
sotto agl’alberi in fiore

Oh, oh, oh, Stellina
M’hai fatto sballare
il cuore con un bacino
e un arancino siciliano
Ma ricorda
che son goloso
E, di più, son geloso,
e se altrui sguardo
si dovesse mai posare
sul tuo piccolo seno,
te l’assicuro,
in bestia, in bestia!

Iannozzi Giuseppe. Libri

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in ACQUISTA, ACQUISTA ONLINE, arte e cultura, autori e libri cult, Beppe Iannozzi, consigli letterari, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, LA LEBBRA, libri di Iannozzi Giuseppe, poesia, romanzi, SCANDALO BUKOWSKI, segnalazioni, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a “Leggerezze abortite” di Iannozzi Giuseppe. E segnalazione libri dell’autore

  1. romanticavany ha detto:

    Gentilissimo Signor Iannozzi., Mi dispiace di notare che è la seconda volta che cancella i miei commenti.
    Forse non Le sono piaciuti.
    Buono a sapersi d’ora in poi eviterò di farlo.
    Cordialità 🙂

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    TE LO GIURO SUL BENE CHE TI VOGLIO, SULLA MIA VITA ANCHE, NON HO CANCELLATO NESSUN TUO COMMENTO. NON OSEREI MAI E POI MAI.
    Ho controllato anche nella coda di moderazione, ma non ci sono tuoi commenti. E il blog è aperto a tutte/i, si può commentare anche senza essere registrati. Insomma ha tutti i cancelli, le porte e le finestre aperte. Non capisco davvero. Posso solo immaginare che ci sia stato un disguido tecnico nel momento in cui hai postato i commenti, per cui la piattaforma wordpress non li ha registrati. MA IO MAI E POI MAI CANCELLEREI UN TUO COMMENTO. LO SAI BENE CHE TU PUOI DIRE QUALSIASI COSA, MA PROPRIO QUALSIASI COSA SU DI ME, SU QUEL CHE SCRIVO, PUOI ANCHE MANDARMI A QUEL PAESE CON MALE PAROLE, MA NON TI CANCELLERO’ MAI E POI MAI.

    SONO TRISTISSIMO. 😥

    SE DOVESSE MAI ACCADERE CHE UN TUO COMMENTO NON COMPAIA SUL BLOG, FAMMELO PRESENTE, DIMMI SU QUALE POST O SU QUALI POST. NON C’E’ NIENTE, NEANCHE IN CODA DI MODERAZIONE. 😦

    Non ho idea precisa di cosa possa essere mai accaduto, ma ti chiedo scusa.

    Non mi chiamare Signore, Agnellina. 😥 Ti prego, non mi chiamare con quel brutto titolo. 😥

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

  3. romanticavany ha detto:

    Va Bene ti perdono.
    ciao ♥ vany

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Te lo giuro sulla mia vita, non ho cancellato i tuoi commenti. Perdonami. Mettimi a lavare i piatti. O insultami quanto e quanto vuoi. Spaccami pure i piatti, uno a uno, in testa, ma non pensare che abbia cancellato i tuoi commenti. Tu puoi dire tutto, ma proprio tutto, su di me, su quello che scrivo, puoi mandarmi al diavolo e qualsiasi altra cosa. In ogni caso non cancellerò il tuo commento. Mi credi?

    Io ci provo a lasciarti un bacetto. ♥ ♥ ♥ Al massimo non sputerai dalla tua boccuccia di fragole.

    orsetto di VaNY

    P.S.: Prova a lasciarmi un insulto, su un post che ti fa schifo ma davvero tanto schivo. Non avrai difficoltà a trovarne uno. E vedrai che non lo cancellerò. Non lo so davvero davvero cosa sia successo. 😦 😥

    "Mi piace"

  5. furbylla ha detto:

    nonononono Beppaccio che cancella i comm di Vany sicuramente un problema del blog o non so di che almeno che non sia stato posseduto ahahahahahaha impossibile ciao ragazzi 🙂 Beppaccio non le trattare così male queste tue son così innocenti a me piace leggere tue vecchie poesie mi pare di riuscire conoscerti un pò meglio quel che eri quel che sei 🙂
    cinzia

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non lo so cosa sia successo, davvero non lo so. Il punto è che i commenti di Vany non ci sono. Non li ho cancellati e mai lo farei. Non lo so se Vany mi creda. Posso solo pensare che la piattaforma non abbia registrato i commenti, a seguito di un momentaneo problema tecnico. Uffa! Non mi parla più, l’Agnellina Vany. 😥

    Sono ingenue, molto ingenue e d’una acerbità infantile. Valgono niente, forse solo per dimostrare come non si dovrebbe mai scrivere. 😉 In ogni caso, sì, queste qui mettono un po’ in evidenza quel che sono, ed è anche per questo che non mi piacciono.

    Bacione ❤ ❤ ❤

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.