George Michael e il fondo Liberty

George Michael e il fondo Liberty

di Iannozzi Giuseppe

George Michael

George Michael

George Michael, per sua somma fortuna, è riuscito a mettere al sicuro circa 6 milioni e mezzo di sterline grazie al fondo Liberty.  Liberty generava artificialmente enormi perdite presso centri finanziari offshore, che gli investitori potevano poi usare per evitare di pagare le imposte sui loro guadagni reali in patria. Non si trattava di un imbroglio, perché era consentito dalle leggi tributarie britanniche. Adesso però l’Inghilterra, con Cameron al governo, vorrebbe cambiare le carte in tavola di punto in bianco, attraverso una nuova legge atta a  dichiarare illegale il fondo Liberty. Ma la notizia non è soltanto questa. Forse, per la prima volta, George Michael fa una precisa e netta distinzione politica: “Pagherei anche il 50 o il 60 per cento dei miei guadagni al fisco, se ci fossero al governo i laburisti, ma non mi va di pagare il 50 per cento o quasi a un governo conservatore”.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in attualità, economia, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe detto Beppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, NOTIZIE, notizie dal mondo, società e costume e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.